La community italiana dedicata all'umorismo Stand Up

Passa alla modalità Notte, ideale in condizioni di scarsa luminosità.

Passa alla modalità Giorno, ideale in condizioni di alta luminosità.

La community italiana dedicata all'umorismo Stand Up

Passa alla modalità Notte, ideale in condizioni di scarsa luminosità.

Passa alla modalità Giorno, ideale in condizioni di alta luminosità.

in ,

Dal palco a dietro la macchina da presa: 18 comici diventati registi di lungometraggi [THELAUGHBUTTON]

dal-palco-a-dietro-la-macchina-da-presa:-18-comici-diventati-registi-di-lungometraggi-[thelaughbutton]
Dal palco a dietro la macchina da presa: 18 comici diventati registi di lungometraggi [THELAUGHBUTTON]

Jordan Peele e Mel Brooks

Dal palco a dietro la macchina da presa: 18 comici che sono diventati registi di lungometraggi

Molti fan delle commedie potrebbero non sapere quanto il mondo del cinema e la cabaret vadano di pari passo. In effetti, alcuni dei più grandi cabarettisti del gioco si sono avventurati in altri settori dell’intrattenimento e degli affari per far crescere il loro impero ed espandere il loro arsenale creativo. Ciò non dovrebbe essere una sorpresa, dato che i comici sono narratori per natura. Come comici, è loro compito tenere uno specchio su ciò che incontriamo ogni giorno, ma non prendersi mai il tempo per notarlo. Nel cinema, queste osservazioni sono altrettanto di casa. Quindi passare alla scrittura e alla regia di film – che è semplicemente un’altra forma di narrazione – è un cambiamento altrettanto fluido se mai ce n’è stato uno.

La storia dei comici che entrano nel mondo del cinema risale a molti decenni fa Charlie Chaplin E Buster Keaton. Per lo più, era un modo per avere un controllo ancora maggiore sulla propria produzione, una volta che la loro stella fosse arrivata a un certo punto. Ciò è continuato nel corso degli anni con artisti del calibro di Jerry Lewis, Mike Nichols, Mel Brooks, Albert Brooks, Christopher Guest, Bob Odenkirk, Judd Apatowalle voci recenti come Amy Poehlor E Giordano Peeletra innumerevoli altri.

In questo elenco unico, il Gorilla News Team da 800 sterline analizza 18 comici che si sono fatti strada nella regia e nel mettere in luce il loro catalogo di film diretti nel corso della loro carriera fino ad ora. Ecco solo alcuni dei tanti comici affermati diventati registi di lungometraggi che sono passati con successo dal cabaret e dalla sketch comedy alla regia.

Disclaimer: questo elenco è dedicato ai registi che si sono spostati maggiormente nel mondo del cinema invece di fare solo un film una tantum.

Chris Roccia

Chris Roccia è indiscutibilmente uno dei più grandi nomi della commedia che ha conquistato quasi ogni impresa immaginabile nel mondo della cabaret, dal vincere ed essere nominato come miglior album comico ai Grammy alla vittoria di due Emmy per i suoi speciali comici. Ma al di là del cabaret e della recitazione, Rock ha dimostrato di essere un regista affermato avendo diretto tre lungometraggi. Il primo è stato il suo debutto alla regia nel 2003 Capo di Statopoi del 2007 Penso di amare mia moglie e la sua offerta più notevole finora è stata quella del 2014 Top five (in tutto ciò in cui ha anche recitato).

Judd Apatow

Judd Apatow ha iniziato come fan della cabaret, prima di diventare lui stesso un cabarettista a metà degli anni ’80. Negli anni ’90, ha lasciato lo stand-up in favore della scrittura e della produzione per la TV e film simili L’uomo dei cavi, lo spettacolo di Larry Sanders, lo spettacolo di Ben Stiller, i pesi massimie naturalmente Maniaci e disadattati. Dopo aver prodotto AnchormanApatow ha deciso di sedersi per la prima volta sulla sedia da regista con The Vergine di 40 anni. Quel film ha gettato le basi per ciò che è un film di Apatow.

Un film di Apatow è una commedia che riesce a guardare oltre i difetti del protagonista per metterne al centro il cuore. Con film alla regia come Incinta, Gente divertente, Sono 40, TrainwreckE Il re di Staten Island – per non parlare dei film che ha prodotto Molto male E Dimenticando Sarah Marshall -, guardiamo oltre la ruvida esteriorità del soggetto e troviamo la comicità all’interno della persona. Ha reso di nuovo i pilastri commerciali delle commedie di categoria R, a lungo dormienti. Come regista, ci ha anche regalato documentari vincitori di Emmy su Gary Shandling e George Carlin che mostrano come Apatow sia maturato come regista nel corso degli anni.

Mel Brooks

Mel Brooks è, facilmente, uno dei registi comici più importanti del 20° secolo. Dopo aver esordito come cabarettista nelle Catskills e come scrittore dell’iconico film di Sid Cesar Il tuo spettacolo degli spettacoli, Brooks ha trascorso quasi due decenni lavorando nel sistema di Hollywood prima di avere la possibilità di realizzare il suo film. Quello era I Produttori, per il quale ha vinto un Academy Award per la migliore sceneggiatura originale. Ha proseguito con una serie di film come scrittore e regista, tra cui Le dodici sedie, Selle fiammeggianti, Il giovane Frankenstein, Film muto, Ansia elevata, Storia del mondo – Parte I, Balle spaziali, Robin Hood: L’uomo in calzamaglia, La vita fa schifoE Dracula morto e amarlo.

I film mostravano il suo caratteristico amore per le gag visive e fisiche, così come la scrittura che non aveva paura di offendere nessuno e tutti, tutto per una risata. Una battuta di Mel Brooks è quella che ti rimarrà impressa per molto tempo anche dopo averla vista per la prima volta, e non potrai fare a meno di recitare i tuoi momenti preferiti ai tuoi amici. Per quanto riguarda le commedie, i suoi film appartengono a una categoria tutta loro e reggono ancora oggi. Non solo siamo cresciuti guardandoli, ma ci hanno informato su ciò che troviamo divertente. Facilmente il meglio del meglio.

Bobcat Goldthwait

Quando pensi a Bobcat Goldthwait, ci sono molti posti diversi in cui la tua mente può andare. Alcuni lo ricordano come il comico che urlava negli anni ’80. Per altri, è ricordato per il Accademia di polizia film o per aver dato fuoco alla sedia di Jay Leno durante un’apparizione Lo spettacolo di stasera. Per quanto amiamo i suoi spot selvaggi di cabaret e talk show anarchici, il suo lavoro come regista è ampiamente trascurato. Questa, per noi, è una parodia.

Il primo film di Goldthwait risale ai primi anni ’90, quando ci ha regalato Scuote il clown. Era una commedia molto cupa che Martin Scorsese elogiò come “il Quarto Potere dei film di clown alcolizzati”. Quelle sfumature oscure avrebbero seguito Goldthwait per tutta la sua carriera cinematografica, incluso il suo film del 2006 I cani che dormono mentonoe il suo film del 2012 Dio benedica l’America. Ma forse il nostro film preferito di Bobcat Goldthwait è Robin Williams nei panni di un padre che mette in scena la morte accidentale di suo figlio come un suicidio. Il miglior papà del mondo. Oltre a ciò, ha realizzato documentari e uno spettacolo televisivo antologico. Non lasciare che il suo lavoro come cabarettista ti faccia dimenticare quanto è bravo dietro la telecamera.

Woody Allen

Mentre Woody AllenIl nome di può essere avvolto da controversie, non si può ignorare il suo contributo al cinema. Se stai cercando un regista prolifico, Woody Allen è in una lega tutta sua. Un tempo considerato uno dei grandi cabarettisti degli anni ’60, Allen riuscì a mettersi dietro la macchina da presa con 1966’s Che succede, Giglio Tigrato? Nonostante le recensioni contrastanti, Allen ha creato un precedente per la sua carriera con questa impresa. È stato seguito da film come Prendi i soldi e scappa, banane, tutto quello che hai sempre voluto sapere sul sesso (ma non hai mai avuto paura di chiedere), Annie Hall, Manhattana film più moderni come Mezzanotte a Parigi E Gelsomino blutra innumerevoli altri.

Proprio l’anno scorso, Allen ha completato il lavoro sul suo cinquantesimo film. È così prolifico che dal 1982 al 2017 non siamo mai passati un anno senza un film di Woody Allen. Si tratta di un record che non verrà mai battuto, secondo noi. La sua vita personale e le accuse contro di lui hanno comprensibilmente offuscato la sua immagine, bisogna anche dargli credito dove dovuto. I film di Allen erano confessionali e mostravano il comportamento umano in modi che raramente avevamo visto prima, e sono riusciti a influenzare tutti i tuoi registi preferiti.

Jerry Lewis

Jerry Lewis è un altro caso di separazione dell’arte dall’artista. Il suo contributo alla commedia, sia come parte del team comico Martin e Lewis che come solista, può essere leggendario, ma il suo contributo al cinema è altrettanto degno di nota. Dopo aver realizzato 17 (!!) film con Dean Martin in un periodo di 10 anni, Lewis ha iniziato a recitare nei suoi film nel 1957. Il Delinquente Delicato. Si è unito a Frank Tashlin l’anno successivo per Cullare un bambino byeche ha facilmente influenzato lo stile di Lewis come regista per le loro prossime uscite.

Nel 1960 Lewis decise di dirigere il suo film, Il fattorino. Per riuscire a recitare e dirigere un film, ha creato quello che ora è noto come video assist, dove poteva guardare una ripresa dopo aver chiamato il taglio. Lewis ha poi diretto principalmente i suoi film, incluso Il signore, Il fattorino, Il professore matto, Il capriccioso, L’inserviente disordinato, I gioielli di famiglia, e innumerevoli altri. Il suo marchio di fabbrica, come Brooks, era quello di fare affidamento su gag visive e fisicità sullo schermo. Ha alzato l’asticella per le commedie a venire, e molti lo citano come fonte d’ispirazione, tra cui Jerry Seinfeld, Jim Carrey, Eddie Murphy e innumerevoli altri.

Giordano Peele

Dall’inizio del Giordano Peelenel corso della sua carriera dal 2003 al 2017, era noto principalmente per il suo lavoro brillante e straordinario come metà del duo di sketch comici, Chiave e Peeleal fianco di Keegan Michael Key, così come il suo lavoro Televisione pazza. Non tutti sapevano che quando Peele entrò in un genere completamente diverso di horror come regista di lungometraggi con il suo debutto alla regia, Uscire, la sua carriera salirebbe ancora di più. Il suo debutto è stato un eccezionale successo di critica e di botteghino che alla fine gli è valso tre nomination all’Oscar, tra cui Miglior film, Miglior sceneggiatura (che ha scritto E vinto) e, cosa più impressionante in relazione a questa lista: ha ottenuto una nomination all’Oscar come Miglior regista.

Al giorno d’oggi non abbiamo molte notizie da lui nel mondo della commedia poiché ha continuato a realizzare film horror di grande successo, tra cui Noi (2019) & No (2022), ma quando lo facciamo, molto probabilmente viene attribuito alla sua collega, talentuosa e comica moglie cinematografica, Chelsea Peretti.

Cristoforo Ospite

Cristoforo Ospite è il re del mockumentary. Molto prima L’ufficio ha portato il formato in TV, Guest lo ha fatto nel cinema. L’ospite faceva parte del Ora nazionale della radio Lampoon campo, proprio prima che metà della troupe iniziasse a girare la prima stagione di SNL, uno spettacolo a cui Guest si sarebbe poi unito a metà degli anni ’80 per una stagione. Nel 1984, ha unito le forze con Michael McKean, Harry Shearer e il regista Rob Reiner per scrivere Questo è il prelievo spinale, facilmente una delle migliori commedie di tutti i tempi. Sebbene Guest non lo abbia diretto, è passato dietro la macchina da presa per i suoi film che avrebbero definito la sua carriera.

Nel 1996, Guest ha fatto la sua prima incursione nella regia Aspettando Guffman. Il film era un mockumentary per lo più improvvisato e costituiva il modello per un modello che avrebbe seguito durante la sua impressionante carriera. Le successive uscite di regia furono Il migliore dello spettacolo, Un vento potenteE Mascotte. Anche se potrebbe non essere il regista più prolifico della nostra lista, è sicuramente uno dei più importanti. Se non hai mai visto un film di Christopher Guest, assicurati di aggiungerlo alla lista!

Harold Ramis

Harold Ramis era un altro caso di qualcuno che veniva direttamente dal mondo di Seconda Città E Lampo Nazionale. La sua prima incursione nel cinema avvenne nel 1978 con l’iconico Casa degli animali. Una volta che è diventato un successo travolgente, lo ha seguito Polpetteprima di avere la possibilità di dirigere Caddyshack. In poche parole: se sei un fan delle commedie in qualche modo, specialmente delle commedie degli anni ’80, veneri Harold Ramis. Era un chiaro antenato delle commedie insolite con cui tutti siamo cresciuti.

Anche se non ha diretto lui acchiappa fantasmile sue impronte digitali sono ovunque come star e scrittore, come lo è Strisce e Di nuovo a scuola. Come regista, tuttavia, Ramis ci ha portato Vacanza Nazionale di Lampoon, Club Paradise, Il giorno della marmotta, Stuart salva la sua famiglia, Molteplicità, Abbagliato, Analizza questo, Analizza quello, La raccolta del ghiaccio, E Anno uno. Durante i suoi 30 anni nel cinema, ci ha regalato un lavoro che durerà tutta la vita.

Paolo Feig

Molti fan della commedia potrebbero conoscere il famoso regista Paolo Feig per il suo lavoro su Damigelle d’onorela protagonista femminile del 2016 acchiappa fantasmi, Spia, un semplice favore e per aver creato una delle serie comiche più seguite ma di breve durata della televisione, Freaks e geek. Ma ciò che la maggior parte delle persone potrebbe non sapere è che Feig ha iniziato la sua carriera a Los Angeles come cabarettista. Mentre si faceva strada nella scala della commedia all’inizio della sua carriera, si è imbattuto nel collega comico diventato regista Judd Apatow che si esibiva in cabaret dove avrebbero finito per collaborare insieme in Freaks & Geeks, damigelle d’onore & molto di più.

Albert Brooks

Albert Brooks – la canzone del comico Harry Einstein – ha la commedia nel sangue. Questo è qualcosa che ha dimostrato come uno dei cabarettisti più innovativi degli anni ’70, dove è riuscito a decostruire la forma d’arte abbattendo la quarta parete e mostrando la commedia per quello che potrebbe realmente essere, a parte il tuo set-up standard/battuta finale. . Il suo lavoro era una leggenda, ma c’era un’area completamente nuova che doveva ancora decostruire: il cinema.

Tutto è iniziato quando ha realizzato alcuni cortometraggi per Sabato sera in direttaa partire dal primo episodio dello show in un pezzo chiamato Mostraci le tue armi. Dopo aver diretto sei cortometraggi, nel 1979 realizza Vita reale. Ancora una volta, interpretando una versione di se stesso che parla direttamente alla telecamera, abbatte la quarta parete del mezzo. Ha fatto seguito a questo Romanticismo moderno, Perduti in America, In difesa della tua vita, Madre, La musaE Alla ricerca della commedia nel mondo musulmano. Non dirige un film da quasi due decenni, ma il suo impatto continuerà sicuramente a vivere.

Seth MacFarlane

Dal 1999, Seth MacFarlane ha introdotto una nuova ondata di animazione e commedia attraverso le sue serie televisive di grande successo I Griffin, per il quale ha creato e doppiato la maggior parte dei personaggi dello show, tra cui Brian, Stewie, Peter e Quagmire tra gli altri ruoli da ospite. Lo spettacolo infatti ha recentemente festeggiato 25 anni in onda e non ha mostrato alcun segno di rallentamento nel breve periodo. Prima di lanciare la sua carriera, ha studiato animazione e ha recitato in cabaret mentre frequentava la Rhode Island School of Design.

Per quanto riguarda il cinema, MacFarlane si guadagna facilmente un posto in questa lista come comico diventato regista per il suo debutto alla regia di una delle commedie con i maggiori guadagni di tutti i tempi con l’aiuto del suo volgare film sull’orsacchiotto del 2012: Ted (guadagnato 549,4 milioni di dollari lordi in tutto il mondo).

Il film ha poi dato vita a un sequel nel 2015 e proprio quest’anno ha lanciato una serie di eventi prequel presso Peacock (che ha anche una seconda stagione in arrivo). Nel frattempo, ha anche diretto e interpretato la commedia western del 2014, Un milione di modi per morire in Occidentequello che molti potrebbero percepire come un fallimento era solo un piccolo ostacolo sulla strada che alla fine avrebbe portato a un maggiore successo nella televisione comica, inclusa la creazione L’Orville.

Ben Stiller

Ben Stiller ama il multitasking. I film di Stiller sembrano avere successo quando lui è il protagonista sia davanti che dietro la macchina da presa. Zoolander E I sogni segreti di Walter Mitty aveva Stiller sia come protagonista che come regista. Stiller ha anche diretto molti altri film, programmi televisivi, video musicali e persino alcuni segmenti di esso Sabato sera in diretta. Separazione è il nuovo lavoro di regia di Stiller con il produttore che dirigerà anche 6 episodi. Lo spettacolo AppleTV+ ha pubblicato solo una stagione strabiliante, ma spera di pubblicare la seconda entro la fine dell’anno. Lo spettacolo segue Mark (Adam Scott) mentre cerca di scoprire la verità dietro l’azienda per cui lavora che ha separato chirurgicamente i ricordi di Mark in ufficio da quelli a casa.

Amy Poehler

Da molto tempo Sabato sera in diretta pilastro e stella della sitcom di successo Parchi e Divertimento, Amy Poehler ha anche scoperto l’amore per la regia. Poehlor ha portato con sé i suoi amici SNL per il suo film Netflix Original Paese del vino con lei stessa, Rachel Dratch, Ana Gasteyer, Maya Rudolph, Paula Pell, Emily Spivey e Tina Fey. Dopo il film comico con il suo cast esilarante, Poehler si è cimentata in un dramma comico più serio chiamato Moxie che segue un’adolescente che spera di denunciare il sessismo nel suo liceo. Poehler ha ottenuto un totale di 180 con il suo ultimo film, il documentario del 2022 Lucia e Desi che segue l’ascesa della leggenda della commedia Lucille Ball e la sua relazione con suo marito Desi Arnaz.

Penny Marshall

Penny Marshall è un’intenditrice di commedie che ha avuto un’educazione piuttosto impressionante nel mondo della commedia e di Hollywood, crescendo insieme a lei che presto diventerà il leggendario fratello del cinema, Garry Marshall. Nello spazio televisivo, ha ottenuto il suo primo ruolo da protagonista facendo parte del duo e della serie televisiva di successo Laverne e Shirleyuno spin-off del fenomeno culturale Giorni felici, dove ha avuto modo di farsi conoscere per la prima volta per le sue doti comiche (ha iniziato come ballerina crescendo). Era perché continuavo a esibirmi Laverne e Shirley che ha creato il trampolino di lancio perfetto per Penny per entrare nel mondo del cinema. Suo fratello Garry, che ha lavorato anche lui Laverne e Shirley come produttrice, è stata determinante nel farle apprendere ciò che serviva per lavorare dietro la macchina da presa fin dai suoi primi periodi nella regia della sua serie di successo.

Dalla collaborazione allo show con Garry, che ha continuato il suo curriculum sempre crescente di crediti cinematografici, ha poi ottenuto il suo primo incarico da regista con il thriller comico, Saltando Jack Flash. Poco dopo sarebbe stato il film che forse è meglio conosciuta per aver diretto con Tom Hanks nel ruolo di protagonista nella classica commedia fantasy, Grande. Quel film in particolare fu un’impresa monumentale per Marshall poiché alla fine divenne il primo film diretto da una donna a incassare più di 100 milioni di dollari al botteghino statunitense. E questo è solo l’inizio di Penny, il resto dei suoi film acclamati dalla critica, successivi a quelli, la rendono davvero l’icona che è oggi: ha anche diretto Risvegli, Una lega tutta loro, L’uomo del RinascimentoE La moglie del predicatore.

Elena May

Prima di lavorare come regista e diventare una sceneggiatrice nominata all’Oscar, Elena May divenne nota per la prima volta per i suoi stili di improvvisazione con l’aiuto del suo frequente collaboratore e collega comico diventato regista Mike Nichols, insieme hanno creato il loro atto come Nichols e maggio. La loro caratteristica commedia insieme è valsa loro quattro nomination ai Grammy (inclusa una vittoria per Una serata con Mike Nichols ed Elaine May nel 1962) e un impatto enorme che ha influenzato molti dei comici attivi di oggi, tra cui Jerry Seinfeld e John Mulaney, che li hanno entrambi citati come influenze per i loro stili di cabaret e commedia durante la loro crescita.

Dobbiamo ringraziare Elaine per la versione del 2007 della commedia nera romantica di successo con Ben Stiller, Il ragazzino spaccacuorimentre dirigeva il film originale uscito nel 1972. I suoi precedenti sforzi alla regia includevano il suo debutto alla regia nella commedia demenziale Una nuova fogliail film di gangster Mikey e Nickye la commedia d’avventura Ishtar. Quest’ultimo fu, ovviamente, accolto con derisione all’epoca per aver superato il budget, ma da allora ha guadagnato un seguito di culto. Naturalmente, in seguito si è riunita con Nichols per scrivere la sceneggiatura La gabbia per uccelliche ora è anche considerato un classico di culto.

Mike Nichols

Non puoi parlare di Elaine May senza parlarne Mike Nichols. Insieme a May, Nichols e May sono considerati una delle più grandi coppie comiche di tutti i tempi. Dopo il primo incontro a Chicago e dopo aver improvvisato insieme come parte del Giocatori della bussolaNichols e May si trasferirono a New York e fecero uno spettacolo di successo a Broadway Una serata con Nichols e May nel 1960. Nonostante vinsero un Grammy Award per l’album, si separarono e la squadra si sciolse nel 1961.

Nel 1966, Nichols passò alla regia Chi ha paura di Virginia Wolf? Il film è stato un successo e seguito da Il Laureato, Catch-22, Silkwood, Biloxi Blues, Postcards from the EdgeE La gabbia per uccellitra innumerevoli altri. La laurea è persino riuscito a fargli ottenere un Academy Award come miglior regista, inserendolo in una piccola categoria di comici che sono riusciti a tenere in mano una delle statue iconiche.

Buster Keaton

Buster Keaton – conosciuto anche con il soprannome di The Great Stone Face – è stato uno dei primi ad adottare artisti diventati registi. Ciò ha permesso all’esecutore di avere il controllo completo della propria produzione, naturalmente. Dal 1917 al 1920, l’attore di vaudeville diventato attore cinematografico scrisse e diresse solo uno dei cortometraggi muti in cui recitava. Nel 1920, fece il salto alla scrittura e alla regia del proprio lavoro.

Dal 1920 al 1941, Keaton ha recitato in innumerevoli cortometraggi, tra cui Una settimana, I vicini, Il fabbro nero, Il macellaioE La casa infestata. Ma nel 1923 iniziò anche a dirigere lungometraggi, cosa che fece solo fino al 1929 circa. Anche se continuò a dirigere cortometraggi e a recitare in lungometraggi per decenni a venire, non diresse mai un altro lungometraggio. Tuttavia, la sua eredità come interprete e regista continua a vivere, dopo tutti questi anni.

Charlie Chaplin

Quando pensi a una star del cinema muto, pensi a Charlie Chaplin. Ha creato il personaggio definitivo – Il Vagabondo – che consisteva in un aspetto divertente, un bastone, vestiti a brandelli e una camminata sciocca. Ebbe anche la più rapida ascesa da attore a regista cinematografico, che avvenne in soli 2 mesi nel 1914, mentre realizzava brevi commedie per la Keystone. Questo perché il suo personaggio di Tramp è stato chiaramente straordinario solo nel suo secondo film.

Nel 1919 Chaplin passò dai cortometraggi ai lungometraggi Il bambino, con protagonista Jackie Coogan. Fu un successo immediato e portò a ulteriori sforzi diretti da Chaplin, incluso La classe inattiva, il giorno di paga, la corsa all’oro, i tempi moderniE Il Grande Dittatore. Il suo ultimo film, in cui non ha recitato, è stato Una contessa di Hong Kong nel 1967, facendo durare la sua carriera da regista per oltre 50 anni. Al di là di tutto, però, sarà ricordato per sempre per essere stato uno dei più grandi comici dell’era del muto.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

mrs.-brown’s-boys-ritorna-per-natale-2024-[commedia-britannica]

Mrs. Brown’s Boys ritorna per Natale 2024 [COMMEDIA BRITANNICA]

pixar-dona-la-concept-art-di-“inside-out-2”-al-national-comedy-center-con-un’entusiasmante-sovrapposizione-di-personale-[thelaughbutton]

Pixar dona la concept art di “Inside Out 2” al National Comedy Center con un’entusiasmante sovrapposizione di personale [THELAUGHBUTTON]

Torna in Alto

Oh no! hai un Ad Blocker!

Gli annunci contribuiscono a mantenere vivo il progetto.
Per favore disattiva il tuo adblocker o whitelista il nostro sito web. Grazie!

Come si disattiva? Aggiorna

Stand Up Comedy ITALIA

Accedi

oppure il tuo nome utente:

Hai dimenticato la password?

Non hai un account? Iscriviti

Hai dimenticato la password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

2 × 1 =

Il tuo link per resettare la password sembra essere invalido o scaduto.

Log in

Privacy Policy

To use social login you have to agree with the storage and handling of your data by this website. Privacy Policy

Aggiungi alla Collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.