in ,

L’industria dei servizi… con cui intendiamo la cabaret: Mike Birbiglia, Taylor Tomlinson e altri parlano di cabaret con The Hollywood Reporter [THELAUGHBUTTON]

l’industria-dei-servizi…-con-cui-intendiamo-la-cabaret:-mike-birbiglia,-taylor-tomlinson-e-altri-parlano-di-cabaret-con-the-hollywood-reporter-[thelaughbutton]
L’industria dei servizi… con cui intendiamo la cabaret: Mike Birbiglia, Taylor Tomlinson e altri parlano di cabaret con The Hollywood Reporter [THELAUGHBUTTON]

Per gentile concessione di Beau Grealy/Hollywood Reporter

Nel solstizio d’estate, 6 comici si sono uniti a The Hollywood Reporter per una tavola rotonda stand-up. Posizionato attorno al tavolo era Mike Birbiglia, Taylor Tomlinson, Ramy Youssef, Jacqueline Novak, Alex Edelman, E Jenny Slate.

La conduttrice della tavola rotonda, Lacey Rose, ha chiesto innanzitutto al gruppo di “descrivere il membro del pubblico che temete di più”. Novak dello speciale acclamato dalla critica, Mettiti in ginocchio, scherza, “Un uomo!” per la gioia del resto della tavola. Per alcuni era l’argomento dello scherzo e per altri era avere persone che conoscono tra il pubblico. Birbiglia, noto per il suo catalogo speciale Netflix intensamente personale ed esilarante, spiega: “Jacqueline e io siamo stati in tournée insieme e l’abbiamo sempre paragonato all’essere una ballerina esotica o una spogliarellista. È come se non volessi davvero che i tuoi amici fossero lì mentre ti spogli. Ma Edelman della HBO Solo per noi lo speciale comico risponde: “Forse danno di più, però”.

Tomlinson, che ha appena pubblicato il suo terzo speciale Netflix Avere tuttoconsiglia agli amici comici, “siediti a metà strada, proprio quando inizia l’oscurità”.

Sebbene il successo sia universale per il gruppo, ogni comico ha chiaramente il proprio stile. Novak attribuisce il suo merito al consiglio che Birbiglia le ha dato all’inizio di seguire la “tua agenda” e non quella di nessun altro. Edelman ha un approccio diverso. Anche se a volte fatica a restare fedele alle sue idee e considera un fallimento rinunciare al suo nuovo materiale, Edelman cerca di trovare un equilibrio tra ciò che vuole il pubblico e affinare la sua arte. Come dice lui, “è ancora un settore di servizi ma devi anche progredire come artista e talvolta queste due cose”, e conclude Rose, “sono in disaccordo”. Per seguire questa linea, Edelman dice che prenderà “materiale che so che funziona e poi vi innesterà, con molta attenzione, nuovo materiale”. Ma a volte è la “notte del servizio” e altre volte è la “notte del kamikaze”.

Questa sorta di dovere verso l’esperienza del consumatore segue anche il lavoro di Youssef, vale a dire. Più sentimenti. Un brutto spettacolo per lui è “non connettersi con le persone che erano lì”. IL Più sentimenti La star dice che se non riesce a esprimere tutto se stesso, “mi sento come se non avessi dato alle persone ciò di cui avevano bisogno perché non ero in grado di essere abbastanza presente”. Slate, che ha scritto e si è esibito in Professionista esperto, concorda dicendo che la sua fiducia ha un ruolo da svolgere. “Se pensi che una parte di te sia essenzialmente cattiva, probabilmente la nasconderai, il che significa che non potrai essere veramente intimo.”

Sulla scia del 7 ottobre, Edelman, che è ebreo, aveva preso in considerazione l’idea di cancellare un paio dei suoi spettacoli ma alla fine ha deciso di tenerli, dicendo: “Ho pensato che la cosa migliore da fare è rendere lo spettacolo consono al momento che stiamo vivendo”. dentro ma pur sempre una via di fuga da esso. La tensione tra l’uso della commedia per riparare e allo stesso tempo fornire una sana via di fuga entra davvero in gioco quando colpisce la tragedia, ma rende la forma d’arte sempre più importante.

Youssef ha anche affrontato il conflitto israelo-palestinese poiché lui stesso e il suo pubblico sono musulmani. In effetti, Youssef è stata una delle prime persone a chiamare Edelman dopo il 7 ottobre. Youssef, come Edelman, ama il buon equilibrio. Quando parla del suo pubblico prevalentemente musulmano, Youssef afferma che il suo obiettivo è “dare alle persone ciò che vogliono sentire ma che non possono sentire da nessun’altra parte, ma anche spingerle a sentire ciò che potrebbero non voler sentire”.

Bribiglia ha tirato fuori il Newyorkese articolo sulla verità nella storia di Hasan Minhaj, che è alla base del suo ultimo speciale Netflix. Youssef afferma: “Il fatto che guardiamo agli artisti di spettacolo e agli cabarettisti nel modo in cui li guardiamo è indice di un enorme vuoto di integrità nella nostra società. […] Un politico parla, e il [common person] è come, ‘Sì, probabilmente sta mentendo’, e poi loro dicono, ‘Ma questo comico!’ ” Youssef spiega, “non c’è niente di più divertente di uno scherzo sulle scoregge e resta da fare e questo dovrebbe dirti qualcosa su tutta questa forma d’arte.”

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

jen-kober,-star-televisiva-onnipresente-e-nativa-della-louisiana,-pubblica-il-suo-speciale-comico-ribelle,-“no-flies-on-me”-[thelaughbutton]

Jen Kober, star televisiva onnipresente e nativa della Louisiana, pubblica il suo speciale comico ribelle, “No Flies On Me” [THELAUGHBUTTON]

eddie-murphy-conferma-che-“shrek-5”-e-in-corso,-un-nuovo-film-indipendente-“donkey”-in-lavorazione-[thelaughbutton]

Eddie Murphy conferma che “Shrek 5” è in corso, un nuovo film indipendente “Donkey” in lavorazione [THELAUGHBUTTON]