in ,

Una Pop Star VR affronta La Bella e la Bestia nella Belle Trionfante [PASTEMAG]

una-pop-star-vr-affronta-la-bella-e-la-bestia-nella-belle-trionfante-[pastemag]

Belle esplode sullo schermo con un concerto roboante in un mondo virtuale. Conosciuta semplicemente come U, è l’ultima comunità virtuale in cui gli utenti possono diventare completamente diversi dalle loro noiose controparti della vita reale. Tra loro c’è un cantante che ha catturato l’amore e l’adorazione di miliardi di persone. Quando la stellina Belle inizia a cantare il suo numero di apertura, al centro della scena sul dorso di una balena gigante, è facile essere trascinati in questo mondo vibrante. Per fortuna, Belle ha abbastanza sostanza per sostenere questo spettacolo.

Il punto cruciale dell’ultimo film dello sceneggiatore/regista Mamoru Hosoda è un reimmaginato

La bella e la bestia mescolato con le avversità adolescenziali in un paese delle meraviglie digitale. È un pot-pourri di ormoni, incomprensioni e stili di animazione che ricordano la sua svolta Summer Wars. Belle fa affidamento anche sulle dinamiche familiari viste in alcuni dei suoi film successivi, come l’emarginato solitario Ren in 2012’s Il ragazzo e la bestia o i fratelli lupo in 2012’s Wolf Children

. I figli di Hosoda hanno sempre dovuto sopportare grandi tragedie. È all’interno di questa combinazione di lotte familiari e realtà virtuale che Belle trova il suo solco.

Suzu (Kaho Nakamura) è una studentessa delle superiori di un anno 17 che vive in campagna con suo padre (Koji Yakusho). Nonostante siano passati alcuni anni dalla morte di sua madre, Suzu è ancora traumatizzata. Ha escluso il mondo intorno a lei, la sua disperazione la priva della sua gioia e dell’amore per il canto. La sua relazione con suo padre è inesistente ed è una paria certificabile a scuola.

Fortunatamente, ci sono ancora amici che supportano Suzu anche se si sente persa nel mondo che la circonda. Gli amici di Suzu si adattano a tipi di personaggi facilmente definiti; c’è l’attraente amica d’infanzia Shinobu Hisatake (Ryô Narita), la ragazza più popolare della scuola Ruka Watanabe (Tina Tamashiro), lo sciocco capitano del club di canottaggio Shinjiro Chikami (Shôta Sometani) e la sua migliore amica geniale del computer Hiroka Betsuyaku (Lilas Ikuta ). Con una spinta da Hiroka, Suzu fa il grande passo e si unisce al mondo di U. Questo nuovo mondo, libero dalle pressioni della realtà, consente a Suzu di continuare a cantare ancora una volta. Questo fino a quando non sorgono problemi sotto forma di un violento avatar noto come “The Dragon”.

Uno dei più grandi doni che U fa ai suoi utenti, è la capacità di diventare qualcun altro. Ciò rende la punizione finale uno “Svelamento” che rivela la tua vera identità al mondo virtuale. Questa rivelazione è ciò da cui sta scappando The Dragon quando un gruppo di vigilantes inizia a vendicarsi per il suo comportamento dirompente. Ma chi potrebbe essere questo drago? Non solo gli abitanti del mondo stanno cercando di rivelare la sua identità, ma innumerevoli altri in tutto il mondo sono rimasti affascinati da questo mistero. Belle crede di avere il potere di raggiungere The Dragon.

Le sequenze più affascinanti di Belle provengono dall’interno del mondo virtuale di U. Figure colorate in 3D fluttuano attraverso un caleidoscopio di colori e strutture imponenti. Le scene più importanti del film si svolgono qui: un concerto epico per miliardi di spettatori desiderosi, una battaglia attraverso un castello: questi sono solo alcuni dei luoghi e dei suoni memorabili di U. Il mondo virtuale pieno di avatar spumeggianti esiste in netto contrasto ai tradizionali personaggi 2D del mondo reale. Suzu si adatta perfettamente ai suoi coetanei, senza mai distinguersi davvero tranne che per alcune lentiggini che ha sul viso. In genere, i protagonisti avrebbero una specie di capelli dai colori vivaci o un abbigliamento unico che li farebbe apparire tra i loro coetanei. Ma gli amici e la famiglia di Suzu hanno attributi comuni in modo simile e ne risulta un’interessante dicotomia tra le due realtà che mette in mostra il mondo illimitato di U.

Quei pezzi di cui sopra sarebbero non essere così sbalorditivo senza i contributi di Nakamura. Collaborazione con Hosoda su brani selezionati per testi e compositore Ludvig Forssell (meglio conosciuto per il suo lavoro con il regista di videogiochi Hideo Kojima in Death Stranding e Metal Gear Solid V

), Il team musicale di Belle crea canzoni emozionanti che fungono da spina dorsale di Belle. Per avere un’idea di come suona, i contributi di Nakamura sono come un miscuglio di rap e pop che diventa immediatamente un verme come nel titolo di apertura, “U”. La canzone porta un ritmo selvaggio mentre Nakamura corre per tenere il passo con il ritmo. È l’introduzione perfetta a questo futuristico mondo virtuale. Altre canzoni, come la ballata “Lend Me Your Voice” e l’inno svettante “A Million Miles Away”, sono brani più tradizionali che si accumulano in crescendo che ti faranno rizzare i capelli. Tutte le canzoni di Belle hanno lo stesso scopo: sbloccare il tuo cuore e aprirti al mondo che ti circonda. Le stesse sequenze dei concerti hanno molto in comune con la classica serie anime Macross, dove la cantante ha il grande potere di riunire le persone attraverso le canzoni. Grandissimi locali per concerti dove il pubblico è illimitato e l’unico posto in cui nascondersi è dietro un avatar.

Se c’è un problema, è che Belle contiene troppe sottotrame e personaggi ausiliari. Oltre ai suddetti dilemmi, Belle tocca anche il romanticismo, gli abusi e le conseguenze del nascondersi dietro una maschera. Mentre pezzi di questi elementi funzionano meravigliosamente – un incontro casuale in una stazione ferroviaria, un concerto online per secoli – alcuni sembrano troppo fantastici e pericolosi. Nonostante tutti i panorami luminosi e colorati, c’è un’oscurità stridente nella storia di Belle. In un caso, Suzu è preoccupata per una cotta adolescenziale, poi affronta immediatamente una tragedia al di fuori del suo controllo. I personaggi prendono decisioni basate esclusivamente sull’istinto, mettendoli in circostanze potenzialmente mortali, portando a un finale troppo lungo per il ponte che può sembrare insoddisfacente.

Belle è il miglior film d’animazione di Hosoda dai tempi di Summer Wars . Non solo è un’intrigante rivisitazione di La bella e la bestia, ma è anche una storia commovente sul superamento del dolore e sulla ricerca di aiuto quando tutto sembra perduto. Anche se affronta un po’ troppo, Belle è un trionfo. Ti farà credere che, indipendentemente dal mondo in cui ti trovi, c’è ancora speranza.

Regista: Mamoru Hosoda
Scrittore: Mamoru Hosoda
Protagonisti: Kaho Nakamura, Takeru Satoh, Ryô Narita, Lilas Ikuta, Shôta Sometani, Tina Tamashiro
Data di uscita: Gennaio 14, 2022


Max Covill ha scritto per Fandom, Polygon, Film School Rejects, Playboy, SYFY e molti altri da allora 2011. È anche il co-conduttore di @itsthepicpod. Puoi trovarlo su Twitter @mhcovill mentre parla di film, videogiochi e anime.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

“all-star-comedy-jam”-tornera-a-los-angeles-il-10-febbraio-[thelaughbutton]

“All Star Comedy Jam” tornerà a Los Angeles il 10 febbraio [THELAUGHBUTTON]

nel-bene-e-nel-male,-come-mi-sono-innamorato-di-un-gangster-ha-tutto-cio-che-si-puo-desiderare-da-un-film-di-gangster-[pastemag]

Nel bene e nel male, come mi sono innamorato di un gangster ha tutto ciò che si può desiderare da un film di gangster [PASTEMAG]