in , , ,

Aida Rodriguez porta la verità universale e personale al suo speciale HBO, Fighting Words [INTERROBANG]

aida-rodriguez-porta-la-verita-universale-e-personale-al-suo-speciale-hbo,-fighting-words-[interrobang]

La comica Aida Rodriguez ha rilasciato uno speciale HBO questo mese. Fighting Words è il suo special di debutto, e ne esce oscillante. È una formidabile rappresentazione di se stessa, di un individuo e di un membro della comunità LatinX e di una donna.

Aida ha sempre usato la sua commedia per affrontare circostanze difficili e argomenti complessi. Si dirige verso concetti difficili, li scompone e trova ciò che li rende divertenti. Il suo approccio alla vita e alla commedia senza stronzate è una parte importante del suo fascino e tutte queste qualità sono presenti in Fighting Words. È sia personale che universale, uno speciale di strada girato nel Bronx che ci offre approfondimenti sulla nostra cultura e sulle lotte e i trionfi di Aida.

È sempre stata una combattente, per se stessa e per altri come lei, quelli che si definiscono donne, LatinX e altre persone di colore. Quando ho parlato con lei dello speciale, mi ha spiegato un po’ da dove viene quella lotta. “Non conosco nessuna donna latina che abbia rotto il soffitto nella commedia. Non ho nessuno a cui guardare, in termini di come sembra avere il successo finale. Mi sto ancora preoccupando di come pagherò le bollette di mia madre e le mie bollette nei prossimi mesi. Questa è la mia realtà e so che non lo faccio per soldi. Lo faccio perché amo davvero il mestiere, ma non so che aspetto abbia in termini di comici caraibici, penso che Freddie Prinze sia il più famoso della storia perché John Leguizamo, è più uno sketch, un tipo da teatro ragazzo, divertente e sorprendente. Ma in termini di puro stand up, non lo so. E quindi per me, devo essere ciò che voglio vedere. E penso che sia importante per noi avere una voce, soprattutto come donna latina. Le donne latine di solito non sono percepite come persone che hanno un punto di vista su questioni sociali e politiche. Il modo in cui i media ci inquadrano è eccessivamente sessualizzato, piuttosto semplicistico, molto piacevole. E così esco e dico, non è quello che siamo”. Ora sta cambiando, ha detto, parlando di Wanda Sykes, un modello ed eroe melanato. E cita Chloe Hilliard e Yamaneika Saunders, come donne che parlano davvero di cose che sono scomode e affrontano problemi sociali. “Ma non ho un modello per questo. Quindi ho dovuto diventare me stesso e ho deciso che avrei parlato davvero di cose che non si sentono molto dalla mia comunità perché non stanno dando molte persone, il microfono. Non perché non lo facciamo, ma semplicemente perché non abbiamo la piattaforma e l’opportunità per farlo.”

Fighting Words incarna tutta quell’estetica e Rodriguez è sicuramente in il suo modo di rappresentare quell’ideale. Sul palco è potente con un punto di vista distinto. Il suo stand up è di attualità, copre importanti questioni socio-politiche, razzismo, colorismo, wakeismo e tutti gli ismi che sono focolai culturali in 2021. E tratta gli argomenti in un modo che non si sente in pericolo di diventare obsoleto. Ma Fighting Words è anche profondamente personale. Lo stand up è solo una parte della storia. L’ora di Aida include un documentario davvero unico che parla della storia personale di Aida. Lascia New York, determinata a esaminare le sue radici, viaggiando a Porto Rico e nella Repubblica Dominicana, da dove provengono i suoi genitori. Le ho chiesto perché ha scelto di includere il documentario nel suo stand up special, che sicuramente avrebbe potuto reggersi da solo. Ha spiegato che voleva usare questa piattaforma per far luce sulle persone che non riescono a vedersi riflesse positivamente nei media americani.

“Quando dico queste persone sto parlando sugli indigeni e sui neri dei Caraibi, che quando vedi nei media, tendi a vedere in ruoli molto stereotipati. Ma ho deciso che volevo usare un pezzo della mia torta e mostrarlo alle belle persone di Porto Rico e della Repubblica Dominicana, perché le persone amano JLo e amano Mark Anthony. E adorano questi artisti reggaeton. Adorano Bad Bunny. Ma non amano i portoricani e i dominicani. Ed è come se prendi sempre le parti più famose di noi. Ma poi ti dimentichi delle persone che sono le persone essenziali di quei paesi. E quindi volevo mostrare le belle persone di quei due paesi e non evidenziare la parte negativa di tutto ciò. Volevo mostrare amore e luce perché ovunque tu vada, questo supera in numero il negativo.”

Naturalmente la domanda su come collegare il documentario allo standup è rimasta. Ha incontrato i suoi registi e ha avuto l’idea di condividere il suo processo comico, mostrando come gli elementi della sua vita si fanno strada nella sua performance. “E quindi quello era il connettore di come avrei raccontato la storia mostrando le belle persone dei miei due paesi, ma dandogli uno scopo e informando le battute.”

Vedete questo si riunisce più chiaramente nell’ultimo segmento. Quando Aida si reca nella Repubblica Dominicana, non è solo per entrare in contatto con la sua famiglia. Incontrerà il suo ex padre per la prima volta, e lo farà davanti alla telecamera. Successivamente si esibirà in stand up, utilizzando alcune delle sue esperienze come materiale. Riunioni di famiglia filmate come queste sono spesso momenti altamente emotivi pieni di lacrime e gioia, o scontri drammatici, ma l’incontro di Aida con suo padre non è nessuna di queste cose. Sebbene suo padre pianga incontrandola, Aida stessa è potentemente priva di emozioni, e puoi vedere che sta incontrando una persona che le è estranea in tutto e per tutto.

Ha detto Aida quello che le passava per la testa durante quell’incontro. “Ero tipo, so chi è. So cosa è per me. Non lo conosco. E quella è stata la prima volta che l’ho visto. Non c’era nessuna prova. Non c’era una seconda ripresa. Volevo che quel momento fosse un vero momento. E volevo liberare altre persone che sono passate attraverso questo. Donne bianche, nere, non binarie, chiunque abbia avuto questa esperienza sa che va bene provare qualunque cosa provi in ​​quel momento. Qualunque cosa sia, va bene. Perché penso che questa situazione sia sempre romanzata, questa riunione, perché vedi questi reality show e questi talk show. Dici: “Oh mio Dio. È mio figlio” e poi c’è un abbraccio e un pianto e ci siamo riparati.”

Questo non vuol dire che l’incontro sia stato insignificante per lei. Anzi. “Quando l’ho visto, è stata l’assenza di quest’uomo che ha creato un tale vuoto nella mia vita che mi ha colpito”, ha detto. “Ho avuto un grave esaurimento prima e non era sulla macchina fotografica. Proprio mentre mi stavo preparando, ho pensato: “Non so cosa indossare. Sono ingrassato. Penserà che sono grassa. Penserà che sono brutto. Penserà che sono vecchio. Penserà che non sono la sua ragazzina. Voglio dire, tutte queste cose mi passavano per la testa e i miei figli sono stati quelli che mi hanno calmato. E mi hanno tenuto la mano. Ho pianto per un’ora prima che accadesse. Ho pianto per tutta la vita. Era il suo turno di piangere.”

Il documentario mostra Aida che discute su come parlare dell’esperienza sul palco. È consapevole della duplice responsabilità che ha qui: una di rappresentare la verità, l’altra di illuminare positivamente la sua comunità.

Le ho chiesto come affronta quelle domande. “Sono le cose a cui dobbiamo pensare, giusto? Perché ora che c’è un posto caldo su cui puoi stare. E per quanto mi riguarda, non voglio fare la polizia con altri comici. Non voglio dire a nessuno cosa dovrebbe o non dovrebbe dire, penso che dovresti essere in grado di dire quello che vuoi dire. Dovresti solo essere pronto ad affrontare le conseguenze”, ha detto, aggiungendo: “Voglio davvero fare delle belle battute. Voglio fare una buona commedia. Voglio che la commedia significhi qualcosa.”

Il viaggio è stato sia un lavoro d’amore che un viaggio doloroso. “Ma sono contento di aver passato tutto questo perché la risposta di persone che hanno avuto a che fare con alcune delle cose che ho passato avere a che fare è stato grandioso, ma cosa più importante, molte persone le hanno davvero colpite. Qual è il processo di un comico a volte quando parla di questi tipi e di ciò che accade in noi, parlando di cose dolorose nelle nostre vite, che i comici non sono solo persone che si svegliano la mattina e decidono che vogliono essere divertenti, che c’è molto dolore e trauma nel set di un comico e nel modo in cui viviamo le nostre vite.”

Quando le riprese sono finite, Aida ha detto che è andata un po’ in depressione. Ha lavorato anni per arrivare a questo momento, e ora era finita. “Ci ho messo tanto. È stato un lungo processo per arrivarci. C’era molto lavoro e poi finisce e poi lo metti là fuori e speri che le persone lo ricevano.”

Puoi guardare Aida Rodriguez, Fighting Words in streaming ora su HBO Max.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

la-bbc-abbandona-i-piani-per-il-sequel-di-two-pints-​​[commedia-britannica]

La BBC abbandona i piani per il sequel di Two Pints ​​[COMMEDIA BRITANNICA]

i-video-piu-visti-dagli-italiani-su-youtube-nel-2021:-lol-–-chi-ride-e-fuori-primeggia-[osservatorio-comicita]

I video più visti dagli italiani su YouTube nel 2021: LOL – Chi ride è fuori primeggia [OSSERVATORIO COMICITÀ]