in , , ,

David Steinberg parla del suo nuovo libro con il comico John Poveromo [INTERROBANG]

david-steinberg-parla-del-suo-nuovo-libro-con-il-comico-john-poveromo-[interrobang]

Roberto Klein con David Steinberg Credito: Robyn Todd





L’intervista ha contribuito a The Interrobang di John Poveromo, un comico, fumettista, scrittore e attore itinerante a livello nazionale e conduttore di Dystopia Tonight con John Poveromo su TwitchTV, ApplePodcasts, Spotify e YouTube. John è stato visto su Gotham Live, scritto per Newsweek, e ha un cortometraggio su Amazon Prime intitolato “Duppet”. Seguilo su YouTube o Instagram.


“L’insicurezza unita all’arroganza è un buon DNA per un comico.”

Sono versi come questo…la sintesi perfetta di un intero gruppo di individui che hanno scelto di dedicare la propria vita a far ridere gli estranei, che fanno sì che ogni vero nerd della commedia sia desideroso di leggere, ascoltare , o guarda tutto ciò che David Steinberg mette al mondo. Il suo nuovo libro, “Inside Comedy: The Soul, Wit, and Bite of Comedy and Comedians of the Last Five Decades” è un backstage, tutti i passaggi di accesso alle persone che hanno plasmato il modo in cui pensiamo comicamente fino ad oggi. Questa è una lettura essenziale per qualsiasi fumetto in arrivo nel settore e per chiunque stia ancora cercando di imparare e ridere dai migliori. Nel mio programma, Dystopia Tonight, ho avuto il grande piacere di intervistare alcuni ospiti leggendari in onda. Anche se non siamo riusciti a coinvolgere David in quel momento, è stato così gentile da inviarmi una copia del suo libro e fare un’intervista stampata. Spero che lo scambio vi piaccia.


John Poveromo: Ho adorato Inside Comedy. Se iniziassi a fare commedia ora, QUESTO sarebbe il libro che porterei con me ovunque andassi e lo rileggessi ancora e ancora finché la rilegatura non doveva essere tenuta insieme con lo spago. Libri come questo sono stati preziosi per me da giovane comico. Cercherei rifugio nella saggezza dei fumetti veterani in libri come il tuo anche da bambino. Essendo una delle persone che non solo ha aperto la strada al cabaret, ma lo ha fatto estremamente bene e con grande successo, c’era qualcosa o qualcuno a cui guardavi come giovane comico che ti avrebbe fatto andare avanti quando le cose si erano fatte difficili dal punto di vista della carriera?

David Steinberg: Ho sempre saputo che avere una carriera di successo significava che ci sarebbero stati fallimenti lungo la strada.. Soprattutto nello stand up comedy devi fallire spesso sul palco per avere successo e migliorare. Il pubblico ti dirà sempre cosa funziona e cosa no.

Penso ad alcuni dei grandi che hanno superato la prova del tempo, come George Carlin, Richard Pryor, Rodney Dangerfield, Alan King, Phyllis Dillar, Joan Rivers, Jackie Mason così tanti che ricordo di essere caduti e rialzati, ancora e ancora. Guardarli e vedere i loro viaggi di carriera, essere intorno a loro mentre resistono le vette e le valli e finiscono come leggende, questo mi ha dato la sicurezza di andare avanti e continuare ad ascoltare il pubblico. La gente pensa sempre che il successo sia una linea diretta verso l’alto. Ho sempre ricordato che Frank Sinatra era la più grande star del mondo che poi ha avuto un lungo periodo di inattività, ma non si è mai arreso e ha fatto un grande ritorno, eppure fino ad oggi molte persone pensano che sia sempre stato al top. più di ogni altra cosa mi ha aiutato a superare i momenti difficili. Non mollare mai e continua a tornare.


John Poveromo: Notoriamente sei arrivato nella lista dei nemici di Nixon usando la tua commedia come un modo per satire la sua amministrazione. Con l’avvento dei social media, che sembra colmare il divario di accesso tra l’artista e il pubblico, cose come minacce di morte e boicottaggi arrivano direttamente sui nostri telefoni, messaggi diretti ed e-mail. C’è mai stato un momento durante quel periodo in cui ti sei sentito come se la tua vita fosse in serio pericolo per aver raccontato barzellette e detto la verità al potere? Hai mai pensato che dovresti tirarti indietro o hai sempre avuto l’atteggiamento che la maggior parte di noi ha in cui è “Questo è il mio palco, il mio microfono e la mia voce e nessuno me lo toglierà.”

David Steinberg: In 2021 Mi è stato chiesto di eseguire l’opening della Persian Room al Plaza Hotel di New York. È stato un grande evento di apertura. C’erano celebrità dell’epoca di Lauren Bacall, Neil Simon, Barbra Streisand, Jerry Orbach ecc. Era un evento da cravatta nera. Ero nel mio camerino per salire sul palco. Hanno bussato alla porta. Due uomini dell’FBI sono entrati e mi hanno detto “una telefonata è arrivata attraverso il centralino che qualcuno tra il pubblico ha detto che ti avrebbe sparato se avessi fatto il tuo materiale su Nixon”. Ha continuato “ma non preoccuparti, saremo qui nella stanza per proteggerti”. Poi mi ha chiesto cosa avrei fatto. Gli ho detto che avrei fatto il mio atto come previsto. Io ero spaventato. Ma sapevo che se mi fossi tirato indietro o mi fossi censurato in qualche modo, la mia carriera di comico sarebbe finita. Ho fatto il mio materiale Nixon. E io sono ancora qui.

John Poveromo:

Come parte della generazione più giovane (anche se grazie al panorama in continua evoluzione di Internet potrei essere un po’ troppo generoso con me stesso lì) sento di doverlo chiedi: se dovessi iniziare oggi, c’è una strada particolare che vorresti utilizzare per avviare la tua carriera ed esplorare in modo creativo?

David Steinberg: Questa è una domanda difficile. Non ho mai pianificato una carriera nella commedia. Ho scoperto Second City e l’improvvisazione e sapevo che potevo farcela. Lo amavo. Non ho mai pensato alla cosa successiva. Quando abbiamo iniziato a stare in piedi nel 60’s tutto quello che volevamo fare era essere sul palco. Ad esempio, quando io e Richard Pryor abbiamo iniziato insieme al Greenwich Village, non stavamo pensando a dove ci avrebbe portato. Stavamo lavorando per ottenere un’ora buona o più. E ci è piaciuto molto. Oggi sembra più un mezzo per un fine. Alzarsi per ottenere uno show televisivo e non c’è niente di sbagliato in questo. È un tempo diverso.

John Poveromo: Eri vicino a due dei miei idoli della commedia, Robin Williams e John Candy. Oltre ad essere esilaranti a modo loro, una comunanza tra loro due di cui hai parlato era la loro empatia e la capacità di connettersi davvero con le persone. Pensi che sia inerente alla maggior parte dei comici o è qualcosa che deve essere affinato e perfetto come la commedia stessa?

David Steinberg: Non necessariamente. Non hai bisogno di empatia per essere un comico. Come ogni altra carriera, l’empatia è sempre un bel vantaggio. Ma in Commedia in realtà no. Il vero divertimento inaspettato non dipende da questo. L’empatia è un ottimo modo per connettersi con gli umani, indipendentemente dal campo in cui ti trovi, ma non è un requisito comico. Sii autentico, il pubblico ha bisogno di conoscerti tanto quanto tu hai bisogno di conoscere il tuo pubblico. Ricorda, quando le persone ridono dicono che ti capiamo e tu capisci noi, tu ottieni le nostre vite. Robin Williams e John Candy erano buoni amici e persone molto affettuose che si sono rivelate straordinariamente divertenti. Sono stato fortunato a conoscerli.

Due dei miei migliori anni on the road trascorsi con Robin Williams (qui sul nostro aereo in tournée in 1972). Abbiamo viaggiato per il paese e abbiamo cenato insieme dopo ogni spettacolo. Non ha mai smesso di farmi domande. Non abbiamo mai smesso di ridere. Ma ricordo che ogni mattina usciva da solo ed esplorava la nuova città in cui ci trovavamo. Entrava nei negozi locali e scioccava la gente nei negozi. Era così disinvolto al riguardo. Era amorevole, unico, divertente (il più divertente). Non ci sarà mai nessuno come lui. Credito: Robyn Todd

John Poveromo: Hai cercato specificamente le polemiche che circondano gli argomenti che ti parlavi di quando hai iniziato, o si trattava di ciò che era puramente divertente per te e se capita di toccare un nervo scoperto, così sia?

David Steinberg: Non ho mai cercato polemiche. Ho parlato solo di ciò che trovavo interessante e di ciò che ritenevo divertente o ironico. Vivevo in un’epoca in cui metà del paese non era d’accordo con me su Nixon. Ed è stato seguito dall’FBI e dalle liste dei nemici. E il paese era ancora più calvinista di allora, quindi i miei Sermoni hanno causato qualche problema. Sono stati l’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso con la Smothers Brother Comedy Hour. Non stavo puntando alla polemica.. Mi ha appena trovato.

John Poveromo: Sei un fenomenale regista e intervistatore ma ti manca mai il cabaret? Soprattutto dopo gli ultimi quattro anni, hai ancora voglia di scrivere un set dopo aver visto il telegiornale e dire al mondo che l’imperatore non ha vestiti?

David Steinberg: Mi manca lo stand-up. Non molto ma mi manca. Ma non mi manca la strada e l’enorme quantità di tempo e fallimento che ci vuole per arrivarci. Inoltre, oggi c’è molto più controllo. La libertà di fallire ha più conseguenze. Censura e stand-up non funzionano bene insieme.

John Poveromo:

La tua passione e il tuo amore per questo business scorrono dalle pagine di questo libro. Fa davvero sentire il lettore come se fossi tu, seduto accanto a queste altre leggende e scavando nell’essenza dietro il loro lavoro di intrattenitori. Ti sei sentito come se fare questo libro fosse un modo per prendere tutto e provare un senso di orgoglio e gioia per una carriera e una vita che sono state così ricche di esperienze e momenti memorabili? O il tuo stand-up non permette queste cose?

David: Amo l’intrattenimento. Amo la carriera che ho avuto. Da bambino ho saltato la scuola per vedere i film dei fratelli Marx (Groucho era il mio idolo), Singing in the Rain, Martin e Lewis… qualsiasi film ancora e ancora. Poi per passare a Second City e condividere il palco con Robert Klein, Fred Willard, Jack Burns e altri. E poi diciotto anni dopo incontrare Groucho Marx e diventare amici intimi. E condividendo il palco con Richard Pryor, Robin Williams, Larry David, Jerry Seinfeld, George Carlin, Tim Conway, Don Rickles, Billy Crystal, Martin Short, Flip Wilson, Bob Newhart e Johnny Carson. L’elenco è infinito. E sono così fortunato ad esserci stato.

Condividere un sigaro con Groucho, come abbiamo sempre fatto. Era riluttante a presentarsi come mio co-conduttore, ma sono così felice che l’abbia fatto; significava davvero tutto per me, e il pubblico lo amava. Credito: per gentile concessione di David Steinberg

John Poveromo: Ho fatto questa domanda a tutti gli ospiti del mio programma e non vedo l’ora di farvela. Se potessi tornare indietro nel tempo e darti UN consiglio, qualcosa che sai ora che non l’hai fatto allora che ti aiuterebbe nel tuo viaggio, quale sarebbe?

David: fallirai e va tutto bene e devi continuare a tornare.

Il nuovo libro di David Steinberg , Inside Comedy: L’anima, l’arguzia e il morso della commedia e i comici degli ultimi cinque decenni è ora disponibile ovunque vengano venduti libri.

Per saperne di più notizie sulla commedia.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

il-trailer-della-serie-“macgruber”-e-qui-[thelaughbutton]

Il trailer della serie “MacGruber” è qui [THELAUGHBUTTON]

netflix-is-​​a-joke-annuncia-una-lineup-epica-per-il-loro-festival-di-debutto-[thelaughbutton]

Netflix is ​​a Joke annuncia una lineup epica per il loro festival di debutto [THELAUGHBUTTON]