in , , ,

Gli uomini bianchi della Cis-Het non hanno bisogno del nostro aiuto [INTERROBANG]

gli-uomini-bianchi-della-cis-het-non-hanno-bisogno-del-nostro-aiuto-[interrobang]

Storia di Rachel Green e Kirsten O’Brien


“Gli uomini bianchi della Cis-Het non hanno bisogno del nostro aiuto” Produttrici creano spettacoli per mettere in luce comici sottorappresentati Mentre i club continuano a prenotare formazioni maschili in 2022

Rachel Green e Kirsten O’Brien hanno collaborato durante la pandemia per aprire la propria strada in un’industria del fumetto femminile, dominata dagli uomini e spesso ostile. Il loro spettacolo, caratterizzato da fumetti femme, LGBTQIA+ e BIPOC, è diventato uno spazio sicuro sia per i fumetti che per il pubblico, per divertirsi senza l’ambiente “bro-show” che spesso “colpisce”.

Puoi verificarli ad agosto , alle 20:00 presso The Comedy Shop e ad agosto 18 alle 20:00 al Laugh Boston.

I due si sono conosciuti a 2019 alle uno spettacolo che O’Brien ha prodotto nel minuscolo spazio della soffitta sopra il palco principale dell’ormai defunta sede di The PIT 24th St. Esibendosi nella formazione di una sera, Green ha raccontato una barzelletta sul queefing e il set di O’Brien ha avvertito delle proprietà adesive dei fluidi vaginali. È stato amore a prima vista. I due divennero subito amici e iniziarono a incontrarsi e a scrivere insieme. Presto si resero conto che stavano vivendo esperienze molto simili nel mondo delle commedie.

I grandi club in tutta la città presentavano ancora in qualche modo formazioni maschili, molti dei quali erano tutti bianchi e spesso tutti dritto. Rachel ha spesso sperimentato di essere l’unica donna nella formazione, a volte i presentatori la portano sul palco con affermazioni degne di rabbrividire come “il prossimo fumetto è una donna”. Nel frattempo, i membri del pubblico si avvicinavano a lei dopo gli spettacoli dicendo: “wow, sei davvero divertente! Perché non c’erano più donne in scaletta?” Kirsten ha affrontato situazioni simili, scoprendo che il suo materiale sarebbe andato molto bene nei club del centro, ma nei club del centro città, la sua semplice presenza e le battute incentrate sulle donne erano stridenti per una formazione a maggioranza maschile. “Gli amici comici maschi tentavano di entrare nella discussione, dicendo cose come ‘Non conosco nessuna donna’ o ‘Non conosco nessun fumetto femminile di colore!’ A cui vorrei chiedere, ‘hai guardato?!'”, ha detto Green.

Poi marzo 24 accaduto. I comici ricorrevano a spettacoli di zoom, spettacoli nei parchi pubblici o sui tetti, cercando di mantenere viva la gioia della commedia nel modo più sicuro possibile. Era uno standup in stile guerriglia e, per una volta, la commedia è diventata più per passione che per competizione. Tuttavia, un anno dopo, quando i club hanno iniziato a riaprire, sembravano tornare alle loro formazioni maschili imbiancate allo status quo. E le poche donne che erano state prenotate sembravano doversi assimilare all’ambiente raccontando barzellette al “fratello” e indossando la felpa con cappuccio e l’uniforme comica maschile dei jeans sporchi.

Come potrebbe essere ancora sta succedendo? Ebbene, piuttosto che rimanere scoraggiate, Kirsten e Rachel hanno deciso di fare qualcosa al riguardo e di assumere la responsabilità della loro parte nella comunità. Si sono uniti per produrre The Boss Bitch Show, uno spettacolo stand-up positivo per il sesso, incentrato sulla prenotazione di formazioni di fumetti LGBTQIA + e BIPOC per lo più che identificano le femme (e sicuramente, un cis, un tizio bianco etero che potrebbe piacergli). Il risultato è stato uno spettacolo mensile di grande successo (e spesso tutto esaurito) con un seguito fedele, ambientato al The Comedy Shop nel West Village di New York.

“I membri del pubblico spesso vengono da noi dopo il show ringraziandoci e dicendo cose come ‘Wow, mi è piaciuto ogni singolo fumetto dello show’ o, ‘Non solo ho riso, ho imparato molto’”, dice Green. “Oppure, ‘grazie per aver condiviso quella cosa di cui ho paura a parlare – mi sento vista.'”

“Recentemente abbiamo avuto una formazione tutta al femminile per il nostro spettacolo, e è stato probabilmente uno degli spettacoli più forti che abbiamo mai avuto”, dice O’Brien. “Il pubblico era in fiamme ed eravamo esauriti. Voglio dire, alla fine della giornata, vorrei poter mostrare a questi altri club che è semplicemente un bene per gli affari! Il che pone ulteriormente la domanda, perché non vengono prenotati più donne, POC e fumetti queer? Anche i fumetti apprezzano, condividendo con Grenn e O’Brien che sono finalmente in grado di fare tutto il loro materiale queer, ad esempio, o che sono così entusiasti di avere un pubblico che li “ha davvero catturati”. Come dice O’Brien, “La commedia è una specie di microcosmo del tutto. Lo vedi ovunque, come in politica… Cis-het uomini bianchi che rappresentano una popolazione molto più intersezionale. La commedia ha bisogno di spettacoli che rappresentino e riflettano il loro pubblico. Il pubblico in piedi di New York è multiculturale e intelligente. Volevamo che le nostre formazioni fossero in grado di entrare in contatto con quel pubblico e mostrare le voci in piedi che devono occupare più spazio di quanto non facciano attualmente.”

Purtroppo, il problema si estende oltre New York e attraverso il paese a Los Angeles, ad esempio, come notato in un recente articolo su LA Magazine in cui la comica Valeri Tosi ha denunciato il suo club di casa per non avere donne nelle formazioni del fine settimana. A prima vista, un recente sondaggio di sei famosi locali per commedie a Manhattan durante il sabato sera in prima serata mostra non sorprende che un club non avesse donne elencate alle 20:00 e 10 formazioni pm. La maggior parte aveva una donna in scaletta, con il resto dei fumetti composto da uomini bianchi etero. Alcuni avevano un tocco di diversità con un fumetto maschile di colore. Alcuni club avevano anche due donne nello show, un terzo della formazione.

Sebbene le cose possano progredire verso una maggiore diversità nelle formazioni, gli spettacoli sono ancora purtroppo dominati dalla maggioranza dei bianchi comici maschi. Il cambiamento è lento e i club pensano che il loro lavoro sia finito, spuntando la casella della diversità con una donna, una persona di colore o una persona LGBTQIA+ in formazione, e il tokenismo non è un cambiamento significativo. Per fortuna, nel frattempo, spettacoli come Glo In The City: A POC Queer Comedy Show di Glo Butler, Daddy: A Queer Comedy Show di Caitlin Reese, Kweendom di Bobby Hankinson o The Boss Bitch Show stanno aprendo la strada. Perché, come ha affermato chiaramente Green, “gli uomini bianchi della cis-het non hanno bisogno del nostro aiuto”.

Leggi altre notizie sulla commedia.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

rosie-o’donnell-dice-che-“si-sente-male”-per-aver-preso-in-giro-anne-heche-prima-di-un-“orribile-incidente-d’auto”-[indipendente]

Rosie O’Donnell dice che “si sente male” per aver preso in giro Anne Heche prima di un “orribile incidente d’auto” [INDIPENDENTE]

la-sesta-stagione-di-“rick-and-morty”-uscira-il-4-settembre,-guarda-il-trailer-ora-[thelaughbutton]

La sesta stagione di “Rick And Morty” uscirà il 4 settembre, guarda il trailer ora [THELAUGHBUTTON]