in , , ,

I nuovi programmi speciali Netflix di Paul Virzi è pronto per il mainstream [INTERROBANG]

i-nuovi-programmi-speciali-netflix-di-paul-virzi-e-pronto-per-il-mainstream-[interrobang]

Avanti, giudice Paul Virzi dai suoi amici

Alcune delle più grandi star della commedia e del mondo della commedia amano e supportano Paul Virzi. Ammissioni notturne è stato diretto da Pete Davidson, sostenuto con tutto il cuore dal caro amico Bill Burr, e Virzi ora ha il miglior pubblicista del settore, Michael O ‘Brien, nella sua squadra, così come il super agente Rory Rosegarten che rappresenta giganti come Ray Romano, Brian Regan e Tom Green. La madre di Paul me lo diceva sempre: “mostrami come sono i tuoi amici e ti dirò dove sei”. E si scopre che ha ragione.

Il nuovo speciale Netflix di Paul Virzi, un comico che ha imparato a comandare il palcoscenico ea tenere il pubblico nel palmo della sua mano. Sono passati quattro anni da quando ha pubblicato il suo primo speciale, il che è stato grandioso, ma nei quattro anni successivi ha messo a punto la sua presenza scenica e il suo materiale, ed è sul punto di sfondare per unirsi ai suoi amici di celebrità in una commedia palcoscenico più grande.

Ho avuto la possibilità di vedere Paul svilupparsi nei club di New York in passato 13 anni, ed è emozionante vederlo prendere il controllo di una stanza, riempirla di risate e distruggerla, e lui lo sa. Non è spavalderia, non è arroganza, è la tranquilla sicurezza di un artista che ha lavorato duramente per affinare la sua arte e può divertirsi sapendo di aver centrato il punto giusto. “Questa è la mia voce. Questo è ciò che sono. E penso che se guardi Ammissioni notturne , capirai il mio umorismo, un po’ della mia famiglia, ma anche me come persona, ” mi ha detto durante un’intervista telefonica sullo speciale. “Penso che tutto si sia unito a questo per quanto… ecco con chi saresti fumato un sigaro, questo è con chi saresti in giro.”

Il le battute ci sono tutte. Non ci sono pop economici, non ci sono lunghi tempi di riempimento delle impostazioni. Paul si propone di farti ridere dal momento in cui sale sul palco fino a quando ti dice buonanotte. Ha esaminato la sua vita, la sua famiglia, la sua comunità e se stesso alla ricerca di materiale così riconoscibile che ti sembra di conoscerli. Arriva sul palco armato di storie personali, sciocche e talvolta oscure di un padre di famiglia con un padre siciliano che è sicuro di aver visto un UFO, una moglie amorevole che potrebbe minare i suoi tentativi di rimettersi in forma, bambini esilaranti e un amore per Cholos. Le battute e le storie sono autentiche, a volte dolci, a volte schiette nei modi giusti e sempre divertenti.

Paul è davvero un bravo ragazzo, e questo si manifesta sul palco, ma non lo è un fumetto pulito. Inoltre non è un fumetto shock. Cavalca il confine tra quei due campi meglio di chiunque altro abbia mai visto, facendo appello a un vasto pubblico mentre parla ancora come un ragazzo normale. Quindi sì, puoi guardare lo speciale con tua madre, i tuoi figli più grandi, forse anche i tuoi nonni, ma potrebbero arrossire un paio di volte. È un punto difficile da navigare ma Virzi ce la fa. Forse è perché è un ragazzo così grande che può esplorare liberamente alcuni argomenti più adulti senza offendere. Paul mi ha detto che pensa di poter farla franca con il materiale più spigoloso perché sa che queste sono cose a cui la gente sta pensando, ma non vuole dirlo ad alta voce per paura di essere giudicato. “Quindi quello che faccio è che ti farò una battuta sui miei figli. È innocente, ma poi ti farò una battuta che forse non è così innocente o un po’, sai, anche un po’ rischiosa per le persone a cui piace la commedia pulita. Paul ha ricordato qualcosa che qualcuno ha detto sulla sua commedia: “Non è così pulito, ma penso che ti piacerà, l’ho fatto”. Questo gli ha fatto capire che le persone che in genere vanno solo a vedere comici puliti, possono probabilmente affrontare materiale un po’ più rischioso. “Perché sono adulti, si spera. Voglio parlare di tutto e non tutto è bello”. È quell’equilibrio che aiuta Paul a mantenere un pubblico che abbraccia persone tra i vent’anni e i sessant’anni.

E il suo speciale ha rivelato qualcosa di nuovo che non avevo mai visto in Virzi: un vero talento per impressioni. Non necessariamente le impressioni delle celebrità, più che interessano i tipi. La sua impressione di suo padre è un momento clou, così come il suo materiale che descrive la personalità colorata di un Los Angeles Cholo. Paul mi ha detto che la sua famiglia lo ha incoraggiato a portare queste voci sul palco. “Mio fratello maggiore e mia moglie mi dicevano che per anni sarebbero andati, amico, dovresti davvero fare più impressioni. Come puoi fare le impressioni. Anche quando scherzi molto velocemente, puoi farli. Per anni ha messo da parte quell’incoraggiamento, dicendo che voleva concentrarsi sul raccontare storie e frammenti. “Ma poi quando li incorporo, e penso di aver iniziato a notarlo quando scherzavo anche solo su Trump, anche senza provarci, le persone dicevano, oh, non è poi così male. Anche se lo stai facendo per metà. E ora sto facendo un Joe Biden molto velocemente e sai, posso fare la voce russa e le cose di Cholo. “

Potrebbe essere un momento rischioso per giocare con accenti sul palco, ma la sincerità e persino l’ammirazione di Paul per coloro che prende di mira emergono e sarebbe difficile immaginare che qualcuno si offenda. E ha già avuto l’opportunità di testarlo. “Una settimana dopo la pubblicazione su Netflix, ero a San Diego e c’erano dei Cholos tra il pubblico che erano fan, il che era esilarante, con le flanelle abbottonate in alto e io ero tipo, ascolta, vedo un paio di Cholos qui. Quindi so che hai visto lo speciale e spero che tu non sia qui per uccidermi. Ma erano lì solo come fan. Ed è stato così bello. Non sto prendendo in giro un Cholo in un modo in cui è come cattivo e negativo. Se non altro, sto dicendo che mi piace il modo in cui sono rilassati e il modo in cui parlano è così divertente e divertente per me. Quindi, è un apprezzamento.”

Virzi è sempre stato molto accattivante quando parlava della sua famiglia. È bravissimo a catturare la gioia di essere un papà con una capacità quasi magica di riconoscere i piccoli momenti che sono speciali e può condividere quelle storie in un modo che non è solo divertente, ma afferma la vita. Il che è perfetto, perché essere un padre di famiglia è sempre stato importante per Paul. Mentre tanti dei suoi amici comici di New York City vivevano da single, mettendo su famiglia tardi o crescendo figli in città, Virzi ha sempre voluto la vita familiare vecchio stile e si è immerso in quella vita al massimo. Con una moglie professionista di successo, due figli, un cane e una casa a Westchester, ha tutto. “Ho sempre voluto una famiglia”, ha detto. “E anche quando avevo poco più di vent’anni, iniziando con la commedia… non avere una famiglia non era nemmeno sul tavolo. Ho sempre detto, voglio avere figli. Quindi non sto cercando di essere irrispettoso nei confronti di qualcuno che fa questo, ma l’idea di essere un comico in uno studio o in un appartamento con una camera da letto, solo correre in giro e la mia esistenza essendo spot a New York City per pagare l’affitto, era ‘ t quello che volevo fare. Volevo avere una famiglia e una vita e sviluppare ore di commedia, sai, come ha fatto George Carlin, o come hanno fatto queste persone dove, sai, hai una vita, ma poi lavori un’ora, viaggi per un paio d’anni per ottenere l’ora, giusto. E poi passi un’ora e, si spera, tu possa continuare così, rendendo ogni progetto migliore del successivo, o almeno buono come l’ultimo, ma, ma si spera migliore. Questo è quello che volevo”. E dice di aver persino ispirato alcuni dei suoi amici comici a creare famiglie proprie.

Ma nonostante l’immagine perfetta della famiglia, Virzi ammette di avere la sua parte di lotte personali e demoni. In un’apparizione su The Joe Rogan Experience all’inizio di questo mese, ha parlato di come affrontare ansia, disturbo ossessivo compulsivo e depressione. Ma anche le sue esperienze negative, si scopre, stanno ispirando gli altri. “Ricevo tutti questi messaggi di persone, voglio dire, sto ottenendo uomini adulti. Non sto nemmeno scherzando – dicendo Paul, ho pianto a squarciagola, ascoltando il tuo Rogan [episodio]. Grazie per aver parlato almeno delle tue lotte che hai con ansia, disturbo ossessivo compulsivo e depressione. Quindi, per quanto io abbia questa vita, che è fantastica, le battaglie che affronto, cerco di trasformarmi in positivo e di portarlo sul palco. E penso che questo sia anche il motivo per cui ho ritrovato pienamente la mia voce ora, perché sto capendo davvero davvero tutto quello che sono e quello che sto passando.”

Sì, altri hanno parlato delle loro ansie e della loro depressione, ma detto da Paul, che non sembra un tipo sensibile, risuona davvero con un vasto pubblico. “La gente ha questa idea di me a causa del mio aspetto: ho la testa rasata. Ho la barba, sai, sono questo ragazzo italo-greco che probabilmente si presenta come questo duro newyorkese. E riceverà messaggi da ragazzi grandi e robusti, ancora una volta i tipi non abituati a esprimere debolezza, e diranno che sentire un ragazzo come Paul parlare di queste cose li fa sentire come se non fossero soli. “Quindi penso che il fatto che lo sto facendo sia che la gente dice ‘oh, questo ragazzo può essere sciocco e scherzare, ma si sente anche con la sua merda. E mi ha fatto sentire normale.’ Non potevo chiedere altro.”

Paul Virzi è l’articolo autentico ed è per questo che il suo team di supporto è pieno di giganti della commedia. Ammissioni notturne è stato diretto da Pete Davidson, un amico di lunga data e probabilmente il comico più famoso del mondo. Si sono conosciuti quando Pete era solo 16 e aveva appena iniziato nei club più grandi, e non ha mai dimenticato il loro primo incontro. “Quando avevo 07 anni, andai al Comedy Club di Caroline e quella sera era ospite di Paul Virzi”, ha ricordato Pete. “Paul indossava la tuta Adidas da Soprano e io sono stato subito a bordo. Ricordo che lo schiacciava così duramente e in seguito diventammo amici. Sono amico di Paul da oltre un decennio e oltre ad essere uno dei figli di puttana più divertenti del pianeta, è anche uno dei realisti e mi ha sempre sostenuto e sa che avrò sempre la sua. Dirigere lo speciale è stato un gioco da ragazzi e un onore, da un lato posso dirigere il mio primo speciale e dall’altro è uno dei miei migliori amici.”

Virzi prova lo stesso parlava di Pete e ha condiviso una storia personale perché voleva assicurarsi che le persone capissero chi è Pete come persona. “È una delle persone più fraintese che ci sia nel mondo dello spettacolo e, e ascolta, sai, esce con queste star, è su SNL. E non andava letteralmente all’after party del SNL. E sarebbero tipo, beh, che succede a questo ragazzo? E sarebbe solo questo bravo ragazzo. E poi all’improvviso iniziava a uscire con qualcuno a Pagina Sei. E i suoi problemi erano pubblici”, mi ha detto Virzi. “Ma sai, ricordo che una notte ero fuori un sabato sera, cosa rara per noi e sono a casa e non sono in viaggio e non sono in città. Sono solo a casa. E la mia famiglia dorme e io sono fuori a fumare un sigaro. È sabato sera, quindi sto solo controllando il telefono e non parlo con Pete da una settimana. Lasciami, lasciami parlare con Pete. Così ho chiamato Pete e Pete risponde al telefono. Ti saluta. E ho detto, cosa sta succedendo amico? E se ne va, oh, niente. Lui va, um, sono solo al lavoro. E guardo il telefono e mi rendo conto che è 07: 16 sabato pomeriggio. Ed è letteralmente al live di sabato sera. Destra? E lui risponde e risponde con quella voce di lavoro. E io vado amico, che cazzo stai facendo? Perché hai risposto? Non mi ero accorto che eri al lavoro. Mi dispiace. E lui va, no, no. Voglio solo assicurarmi che sia tutto a posto. Ecco come è quel ragazzo. È stupefacente. Quel ragazzo ha risposto al suo fottuto telefono durante la registrazione del Saturday Night Live perché il suo amico ha chiamato e mi ha detto, voglio solo assicurarmi che sia tutto a posto. E io sono tipo, oh mio Dio, non mi ero nemmeno reso conto che mi dispiace così tanto. Richiamami. E lui mi ha detto, sì, sì, ti chiamo dopo.”

Quando Paul stava lavorando al primo speciale, Pete voleva dirigerlo. Ma Paul stava già lavorando con All Things Comedy, quindi Davidson è diventato produttore. E quando Virzi ha iniziato a lavorare a Ingressi notturni ha subito invitato Pete a dirigere. “E così mi ricordo di avergli inviato parte del materiale e lui ha detto, oh mio Dio, avevo 13 minuti rimasti, ma dovevo solo chiamarti. Questo è fantastico. E poi quando ha visto più da vicino mio figlio e la storia del basket, ha chiamato di nuovo e mi ha detto, amico, adoro davvero quella storia. Si è davvero emozionato per questo. Quindi, quella citazione che ha dato è stata davvero come dal cuore e cose del genere. E, ed è davvero chi Pet e lo è.”

Ora che Paul ha due grandi speciali alle spalle e un pubblico in rapida crescita, devi chiederti, cosa c’è dopo? È facilmente riconoscibile, è così dannatamente simpatico, ha un’etica del lavoro killer ed è incredibilmente professionale. Ed è rappresentato da Rory Rosegarten che ha prodotto Everyone Loves Raymond, quindi non ho potuto fare a meno di pensare che Paul potrebbe essere il ragazzo perfetto per far rivivere la sitcom incentrata sul comico. Quando gli ho chiesto se era qualcosa a cui aveva pensato, ha detto che è una possibilità. “Non so esattamente come sarebbe andata”, mi ha detto, “ma in questo momento ci sono alcune idee e discussioni per uno spettacolo con cui stiamo un po’ scherzando”. Nel frattempo, sta facendo esperienza di recitazione. Sarà in almeno due film quest’anno, uno dei quali è un film importante. E ha appena annunciato il suo debutto da headliner a Londra il 7 ottobre al 21 Soho. E sta salendo solo da qui. Per i biglietti e tutte le date vai su PaulVirzi.com e assicurati di dare un’occhiata al suo speciale su Netflix ora, indipendentemente dallo stile di commedia in cui ti trovi. Paul ha creato un classico della commedia, che tutti possono apprezzare.

Leggi altre notizie sulla commedia.

20222022

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

patton-oswalt-annuncia-il-nuovo-speciale,-“we-all-scream”-[thelaughbutton]

Patton Oswalt annuncia il nuovo speciale, “We All Scream” [THELAUGHBUTTON]

il-trailer-della-seconda-stagione-di-“the-ms.-pat-show”-e-qui-[thelaughbutton]

Il trailer della seconda stagione di “The Ms. Pat Show” è qui [THELAUGHBUTTON]