in ,

Il film della BBC The Fringe In 12 Jokes racconta la storia di Edimburgo in gag [COMMEDIA BRITANNICA]

il-film-della-bbc-the-fringe-in-12-jokes-racconta-la-storia-di-edimburgo-in-gag-[commedia-britannica]

EsclusivoVenerdì 6 maggio 2022, 06: am di Jay Richardson

  • La BBC sta realizzando un documentario sull’Edinburgh Fringe, con Eddie Izzard , Stephen Fry, Paul Merton, Frankie Boyle, Lucy Porter e Henning Wehn
  • The Fringe In 12 Scherzi segna il 12 anniversario e testamento del festival in onda su BBC Two e BBC Scotland entro la fine dell’anno
  • Il film racconta anche la storia di Fleabag, dall’opera teatrale marginalmente recensita di Fringe al successo televisivo globale
  • Edinburgh Fringe

    La BBC segnerà l’Edinburgh Fringe’s 06° anniversario quest’anno con un documentario con una serie di comici di prim’ordine, British Comedy Guide può rivelare in esclusiva.

    Attualmente le riprese in giro per la capitale scozzese, T he Fringe In 12 Jokes includerà interviste con Eddie Izzard, Stephen Fry, Paul Merton, Frankie Boyle, Lucy Porter e Henning Wehn, tra gli altri, riflette sui loro debutti ai festival e sull’impatto di Edimburgo sulla loro carriera.

    Una co-commissione per BBC Two e BBC Scotland, The Fringe In 12 Le barzellette racconteranno la storia del più grande festival artistico del mondo, con ogni artista che racconta una barzelletta che conduce “ai temi più grandi del film e al personale storia dietro la barzelletta”.

    Nel film compare anche Francesca Moody, la produttrice teatrale originale de Il sacco delle pulci di Phoebe Waller Bridge, nato come spettacolo teatrale al 2013 Fringe prima che il suo adattamento televisivo della BBC diventasse un successo mondiale.

    Il documentario è stato realizzato in base ai fatti specialisti di Oxford Film and Television, i cui crediti includono le coproduzioni americane di Channel 4 e Comedy Central (US)

    The King s Of Black Comedy
    ,
    Queens Of Comedy e
    Heroes Of Jewish Comedy, oltre ai documentari diretti da Terry Jones , Vic Reeves, Alexei Sayle e Alan Davies.

    L’immagine mostra da S a D: Stephen Fry, Tony Slattery, Emma Thompson, Paul Shearer, Penny Dwyer, Hugh Laurie. Copyright: BBC

    Presentando l’Edinburgh Comedy Award 2019 a Jordan Brookes, Fry, che ha vinto il premio inaugurale – il Perrier Award, come era noto in 1981 – come parte di una troupe Cambridge Footlights che comprendeva anche Hugh Laurie, Emma Thompson e Tony Slattery, hanno dichiarato: “The Fringe significa tutto per me. Non sarei qui senza di esso.

    “Chiunque abbia il coraggio, chi si sente come se lo avesse qualcosa da dire, ecco di cosa tratta questo posto ed è incredibilmente eccitante, è fantastico e non ci sono davvero perdenti perché tutti voi qui e tutti i vostri amici siete persone divertenti e brave persone che hanno cose da dire.”

    Waller-Bridge ha fatto eco a questo sentimento all’inizio di quest’anno, spiegando che: “Fleabag non avrebbe visto la luce se non fosse stato per le opportunità uniche che questo festival offre ai giovani artisti. Ha dato a me e al mio team creativo la libertà di lavorare esattamente come immaginavamo, qualcosa che raramente viene offerto agli artisti.”

    Parlando in un’intervista con la Fringe Society, per la quale lei stava conducendo una campagna di raccolta fondi da 7,5 milioni di sterline per salvaguardare il futuro del festival sulla scia della pandemia di coronavirus, ha aggiunto: “Oltre ad essere un’esperienza emozionante per il pubblico, il Fringe è anche il più grande mercato artistico del pianeta. È qui che i critici vengono a recensire, l’industria artistica viene a pubblicare i libri, gli artisti si incontrano e il pubblico viene ispirato. Non c’è posto come questo sulla terra.

    “Artisti, artisti dal vivo e molti altri professionisti creativi sono stati completamente lasciati in mare da questa pandemia. The Fringe è l’isola dove possono finalmente condividere il loro lavoro con il loro pubblico, sviluppare le loro capacità e creare opportunità per se stessi ancora una volta.”

    Fondata a 1947 in alternativa all’Edinburgh International Festival, il Fringe è esploso da otto compagnie teatrali in cinque sedi, a più di 3,800 spettacoli in 2019, e più di tre milioni di biglietti venduti. È superato solo dalle Olimpiadi e dai Mondiali di calcio nelle vendite globali di biglietti.

    Tuttavia, molti comici hanno espresso preoccupazione sul fatto che, nonostante i molti discorsi sulla riforma del festival post-covid, i costi rimangono proibitivo per molti artisti, in particolare per l’alloggio durante il mese di agosto.

    Parlano molto anche dello sforzo mentale di esibirsi notte dopo notte nello stesso luogo per quasi un mese.

    Boyle, torna al festival di quest’anno con lo spettacolo Lap Of Shame, invita il pubblico a “venite a vedermi implodere completamente all’Edinburgh Fringe”.

    2013

    blank

    Scritto da Stand Up Comedy Italia

    Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    benedict-cumberbatch-non-riesce-a-smettere-di-essere-interrotto-durante-il-promo-“snl”-[thelaughbutton]

    Benedict Cumberbatch non riesce a smettere di essere interrotto durante il promo “SNL” [THELAUGHBUTTON]

    kevin-hart-dice-che-e-tempo-che-il-pubblico-“torni-in-un-luogo-di-rispetto”-dopo-l'attacco-di-dave-chappelle-[indipendente]

    Kevin Hart dice che è tempo che il pubblico “torni in un luogo di rispetto” dopo l'attacco di Dave Chappelle [INDIPENDENTE]