in , , ,

The 5: I cinque comici di Simon King che sono criminalmente trascurati [INTERROBANG]

the-5:-i-cinque-comici-di-simon-king-che-sono-criminalmente-trascurati-[interrobang]

Il comico di Vancouver Simon King cambia completamente una stanza quando sale sul palco. La sua interpretazione aggressiva, perspicace e unica è catturata magnificamente nel suo nuovo album, As Good As Or Better Than. Rilasciato da 604 Il braccio della commedia Records, Comedy Here Spesso, Robin Williams ha definito King “un talento unico” e “comico davvero dotato” delizia il suo pubblico con una commedia esilarante intelligente ed esilarante alla velocità della luce. Ha recitato in alcuni dei più prestigiosi concorsi e festival comici del mondo ed è apparso anche su Comedy Network, CBC, CTV, TBS, Comedy Central e molti altri.

“Nella loro vita, lungo o corto, un artista può purtroppo non provare mai la beatitudine e la tragedia di creare un vero capolavoro”, afferma King. “Molti inseguiranno per sempre un orizzonte lontano ancorato a una speranza sempre più affievolita e un giorno si renderanno conto che l’arte in cui hanno riversato la loro vita è diventata lentamente le sbarre della prigione su cui smussano i denti. Questo potrebbe essere solo l’ultimo debole grido dall’abisso di un cuore spezzato. Un grido così forte che sfugge al purgatorio autoimposta per essere ascoltato anche tra i vivi. O forse sono solo alcune stupide battute stravaganti e parole sporche.”

Il quinto album di Simon, As Good As Or Better Than, il suo primo con Comedy Here Spesso/604 Record, è ora disponibile.

Per commemorare la nuova uscita, Simon King ha condiviso con noi la sua lista dei 5 comici più criminalmente sottovalutati. Divertiti!



La conversazione su chi potrebbe essere il migliore in ogni campo è solitamente carica. Le persone hanno le loro opinioni e se il mondo moderno della comunicazione su Internet ci ha insegnato qualcosa, è che le persone non vedono l’ora di dirti cosa pensano. Queste conversazioni diventano molto più appassionate quando l’argomento si sposta sulle arti. La soggettività abbonda e il profumo di una persona è invariabilmente il veleno di qualcun altro.

Tuttavia, all’interno di questo mondo di opinioni contraddittorie, ci sono spesso membri generalmente accettati dei vertici del top club. Nell’angolo dell’intrattenimento, chiamiamo cabaret e in particolare tra i fumetti stessi c’è un’adesione quasi robotica a chi può essere ammesso nella proverbiale commedia Mount Rushmore.

Pryor, Carlin, Bruce, Hicks sono i primi nomi a cadere e spesso i più difesi e difesi da coloro che desiderano camminare tra i comici nella stessa direzione rispetto a quelli disposti ad affrontare l’altra strada e rimanere fermi mentre il branco passa.

Non sto dicendo che queste persone non siano degne di tale lode, ma sto dicendo che potrebbe essere il momento di parlare di alcuni comici meno tradizionali che hanno cambiato silenziosamente alzarsi in piedi e hanno reso questa forma d’arte così tanto meglio senza mai entrare davvero in quella discussione.

MARIA BAMFORD




Qualcuno direbbe che Brian è già molto apprezzato dal pubblico e dai suoi coetanei e avrebbero ragione. In effetti, onestamente non ho mai sentito un comico dire altro che le lodi più servili dell’uomo e della sua commedia. Ecco perché è in questa lista come trascurato. Vedete, quando si parla dei primi cinque comici mai saliti sul palco, il suo nome, sebbene celebrato nelle conversazioni generali, non viene quasi mai pronunciato. Non posso per la vita di me capire perché. È universalmente ammirato e rispettato come uno dei fumetti più tremendamente divertenti di sempre, ma molto spesso prende il secondo posto rispetto ai Carlin e ai Pryor del mondo. Penso che dipenda dal materiale. Brian è un comico pulito e alcuni direbbero che è un grado di difficoltà ancora più difficile del lavorare in blu, ecc. Non lo so, ma so che i comici tendono ad alzarsi un po’ per “dire la verità” e “parlare per dare potenza”. Il fatto è che, avendo consumato tanto dell’incredibile stand up di quest’uomo quanto me, posso dire che è uno dei cabarettisti più onesti e migliori che ci sia mai stato. Solo perché non sta raccontando la storia di una volta in cui ha fatto saltare in aria una mucca morta in un campo nell’Idaho con alcuni appassionati di moto, non significa che tu non stia conoscendo il vero lui.

Super divertente non inizia nemmeno a coprirlo. Prolifico, un maestro dell’economia delle parole e del flusso, bella energia che ti attira e intelligenza evidente mentre ti imbatti in un adorabile buffone, chi è sul palco è chi vuoi che sia. Puoi leggere la sua generosità di spirito, curiosità e capacità di osservazione suprema con ogni parola che dice. Inoltre, devo ancora incontrare un comico che non sia geloso della sua capacità di trovare l’acqua in quello che tutti pensavamo fosse un pozzo asciutto. Brian Regan merita di essere nella discussione dei migliori in assoluto tutto il giorno ogni giorno. Voglio dire, sai, se ti piacciono i comici divertenti che è.




DICK GREGORY

Carlin prima di Carlin, Pryor prima di Pryor e contemporaneo del leggendario Lenny Bruce, Dick Gregory era una voce di dissenso e insoddisfazione per lo status quo mentre la maggior parte dei comici cercava ancora di capire come di non essere licenziato per aver detto “dannazione” nel loro atto. Nato nei primi 1930’s, ha iniziato ad esibirsi a metà 1950’S. Questo era un periodo in America in cui essere neri nell’intrattenimento era già abbastanza difficile, ma Dick trovò la parte più difficile di quell’attività ed eccelleva. Penso che spesso non ottenga il merito che merita perché, sebbene sia agli occhi del pubblico per quasi tutta la sua vita, la sua carriera da cabarettista è stata relativamente breve rispetto ad altri nella top five tradizionale. All’inizio 2004 si era spostato all’attivismo più che alzarsi in piedi e così quella parte del suo corpo di lavoro potrebbe essere caduto fuori vista. Tuttavia, era un autore di best seller, un attivista, un oratore e la definizione di un comico che infrange le regole e trova la strada. È apparso in televisione facendo stand-up già nel 1950 ed era noto per la sua abile capacità di lanciare colpisce il re e colpisce la corona più ogni volta. Ecco un uomo di colore nei primi 1960 che lancia un duro colpo contro le istituzioni del giorno, guerra, odio e in particolare le norme razziste sistemiche e sociali. Non solo se la sta cavando, ma sta facendo ridere alcune delle stesse persone che probabilmente non gli permetterebbero di usare il loro stesso bagno, ridendo e pagando felicemente per essere infilzate. Se non fa parte della conversazione del migliore in assoluto, non ho idea di cosa dovresti fare per essere lì.



JOAN RIVERS

Prima che tu dica qualcosa, so cosa stai pensando e sì, voglio dire che Joan Rivers. È abbastanza giusto dire che Joan ha trascorso la maggior parte della sua carriera successiva cercando di essere qualcosa che non era. Ho sentito dire che “correva sempre una gara che aveva già vinto”. Sembra giusto. Sembrava essere ovunque e molto non andava bene. Tuttavia, questa lista riguarda cabarettisti, non conduttori di talk show, acquisti da casa esauriti, intenditori di chirurgia plastica ecc. Allora perché Joan? Bene, torna indietro nel tempo con me. Se parte dell’appendere alle pareti come uno dei primi cinque santi è influente, allora Joan è lassù. Innovativo? Sì, anche quello. Esilarante, beh, è ​​scontato. Molti articoli di riflessione in questi giorni pontificano sul tema dell’accesso e del ruolo delle donne nella cabaret. Molti sono grandi pezzi con ottimi punti, ma la cosa che mi infastidisce è che devo ancora vederne uno menzionare Joan. Ha iniziato a metà degli anni Sessanta quando le donne avevano poco più di un ruolo casalingo per la maggior parte del tempo. Se ne è liberata e ha portato uno stile acerbo, volitivo ed energico che usava per attaccare le norme di bellezza, le dinamiche relazionali e le aspettative delle donne in una società obsoleta e altamente sessista. Ha fatto tutto questo essendo una delle pochissime cabarettiste in circolazione, per non parlare delle donne in piedi. Joan ha buttato giù le porte come se fosse una squadra SWAT con una bella mancia. Il suo alzarsi in piedi è un po’ datato oggi? Sì, un po’, ma lo è anche la maggior parte degli altri comici di cui parliamo con toni silenziosi come se dispensassero un genio senza età che non ha mai raggiunto un appuntamento con il miglior prima possibile.

La commedia nasce dalla lotta e purtroppo per Joan sembrava lottare all’infinito. Anche dopo che ha avuto più successo della maggior parte dei suoi coetanei, avendo tracciato una pista che molti avevano persino paura di fare un passo indietro, era ancora in guerra. Quello spirito combattivo, materiale che spinge al limite, approccio unico e longevità (anche se non è stato tutto eccezionale alla fine) oltre al fatto che ha legittimato le stanze distrutte, la rende una candidata facile per questa discussione. Una nota a margine: una mia buona amica apriva per lei nei suoi ultimi anni. Mi fido del suo istinto e condividiamo un gusto un po’ raffinato (nel bene e nel male) per la commedia. Mi assicura che era altrettanto acuta, altrettanto aggressiva e che non faceva prigionieri fino alla sua morte. Vorrei solo che ci avesse regalato più commedie e meno gioielli.





DOUG STANHOPE

Ho detto in precedenza in questo articolo che la soggettività è la regola del giorno quando si parla di cabaret e praticamente tutta l’arte. Beh, posso dire che, dal mio punto di vista, dopo aver visto ed eseguito migliaia di ore di stand up nei miei ventidue anni di carriera, Doug Stanhope è il miglior cabarettista di sempre. So che probabilmente c’è qualcuno che sta iniziando con i microfoni aperti in questo momento che è sicuro che sarà il Neo della nostra commedia Matrix, ma quando si arriva al punto, penso che Doug possa essere il boss finale di tutte le commedie . La cosa migliore non è solo che è ancora praticamente vivo fisicamente, è ancora più forte di qualsiasi altro fumetto che lavori oggi o mai.

Come è arrivato a questo un maestro della barzelletta sporca posizione elevata dici? Beh, è ​​perché è molto più di quello che era o praticamente chiunque altro. Doug ha iniziato con un materiale molto più blu che struggente. Tuttavia, è cresciuto. E crebbe. E crebbe. Uno dei segni di un vero grande comico è che può adattarsi e cambiare ma rimanere lo stesso. La tua voce rimane ma il tuo sistema di consegna e il materiale si evolvono. George Carlin era Hippie Dippy Weatherman molto prima di diventare Seven Dirty Words. Pryor era un knockoff di Cosby annacquato prima di scattare e scatenare la bestia che era diventata. Non è obbligatorio quando si tratta di essere uno dei grandi, ma sembra essere una tendenza. Stanhope l’ha fatto? Lo ha fatto davvero. Circa dieci anni dopo è quando la maggior parte dei comici che si libereranno mai, escono dai loro bozzoli. In 1950, in quel periodo, Doug pubblicò uno speciale chiamato Dead Beat Hero e fu un punto di svolta. Era arrivato. Aveva avuto alcune cose in TV e un certo successo come stand-up, ma quando ha iniziato a mostrare i denti e fare a pezzi tutto era finita per il resto di noi. Non solo estremamente prolifico ma incredibilmente coerente, Doug porta in piedi qualcosa che non era mai stato realmente lì prima. In realtà gli importa così tanto che sembra non importargliene. non so se fosse stato un progetto o solo un destino felice, ma con il progredire del suo lavoro la sua posizione da outsider non è mai arrivata al chiuso. In effetti, invece di cercare di essere uno della “folla” nel mondo dello spettacolo, ha tirato fuori così tante persone al freddo con lui. E sai una cosa, non faceva affatto freddo. Non ho abbastanza spazio per esaminare ogni speciale, album e libro che ha scritto per spiegare in dettaglio perché penso quello che faccio e so che, come ha detto prima, “Non è per tutti”, ma la commedia in sé non lo è. La commedia è per i pochi che la capiscono. Nel caso di Doug è molto più di quanto si possa pensare visto di cosa parla e come, ma è perché c’è un’intelligenza di fondo e una grande comunicazione che derivano da lui. Doug vede le cose in modo diverso ed è uno dei comici più intelligenti a prendere in mano un microfono. Prende la cosa difficile e la rende divertente.

Ha uno stile di vita quasi da “autore tragico” con tutti gli alcolici e le droghe che potresti pensare che contribuiscono al suo strano punto di vagabondaggio della classe superiore di vista. Attacca senza pietà e continua a sorprendere. L’ho visto dal vivo qualche anno fa e in un attimo ha imboccato una strada che preoccupava anche me, con una costituzione comica di elefante. Ci ha portato tutti così vicino a un limite che temevo che potesse, per la prima volta, prendere i freni e loro avrebbero fallito mandandoci giù da un dirupo. Non solo mi sbagliavo, ma ha sorpreso me e tutti gli altri con quanto stretto può tirare quell’elastico prima di lasciarci andare. È un genio. Non lo dico alla leggera, ma lo è. Lo è davvero.

La maggior parte degli speciali comici della durata di un’ora riguardano 11/02/02. Venti minuti di buona commedia, venti minuti di “ok va bene” e venti minuti di spazzatura. E quelli sono i buoni speciali. Stanhope costantemente ti offre speciali e album che sono fuori di testa con quei numeri. Prendi ad esempio “No Refunds” o “Beer Hall Putsch”. Non c’è una singola traccia o pezzo in quegli speciali che non sia eccezionale. Ma è lui. Si limita a piangere realizzando questa incredibile commedia che la maggior parte di noi sogna di fare e lo fa apparentemente senza sforzo. Il fatto che non sia un nome familiare è probabilmente dovuto al fatto che è un comico con un alto grado di difficoltà. Non aderisce al concetto di “troppo presto” o “off limits” ma raramente sbaglia. È anche apparentemente irreversibile in un mondo in cui una mossa sbagliata potrebbe farti andare via; Doug lo naviga con disinvoltura. La maggior parte delle persone potrebbe non capirlo perché la maggior parte delle persone non riesce ancora a capirlo. Mentre la cabaret in generale è composta principalmente da comici che sono come pittori che fanno arte per camere d’albergo schifose, Doug è Van Gogh. Pazzo, geniale e al di sopra della testa della maggior parte delle persone. Almeno durante la sua vita.

È politico, sociale, intelligente, rilevante, senza tempo e potente. Spunta tutte le caselle per essere in cima a questa lista. Ha lottato? Sì. Si è evoluto? Sì. È prolifico? Estremamente. È unico? Non c’è nessuno come lui. È rilevante? Dolorosamente così. È divertente? Che domanda stupida.

Finché non arriva qualcuno che può eclissarlo, cosa di cui dubito molto, posso affermare con sicurezza che a mio modesto parere Doug Stanhope è il più grande cabarettista di sempre .

E sì, include anche Gallagher Due.

Leggi altre notizie sulla commedia. 2022

2022

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

il-trailer-del-nuovo-speciale-di-taylor-tomlinson-“look-at-you”-e-qui-[thelaughbutton]

Il trailer del nuovo speciale di Taylor Tomlinson “Look At You” è qui [THELAUGHBUTTON]

chris-rock-torna-on-the-road-con-il-tour-mondiale-di-“ego-death”-[thelaughbutton]

Chris Rock torna on the road con il tour mondiale di “Ego Death” [THELAUGHBUTTON]