in , , ,

The Ballad of Bruce: The Kid from the Hall nel suo New Stage Show, The Kids in the Hall Stagione 6 e Perché non dovresti chiamarlo comeback. [INTERROBANG]

the-ballad-of-bruce:-the-kid-from-the-hall-nel-suo-new-stage-show,-the-kids-in-the-hall-stagione-6-e-perche-non-dovresti-chiamarlo-comeback.-[interrobang]

Foto di Marty Younge

È un momento molto eccitante nella commedia di Toronto in questo momento. I Kids in the Hall si sono riuniti.

La loro ultima serie inizia in streaming su Amazon Prime May 12th e The Documentary Kids in the Hall: Comedy Punks è stato il doc caro di SXSW e Hot Docs. L’influenza della leggendaria compagnia di sketch sulla scena di Toronto è sempre onnipresente e fondamentale, quindi sputare la reunion targata Amazon come un ritorno farà sicuramente scattare gli allarmi di un carrozzone. Le storie verranno ricordate da questo spettacolo a tarda notte o dalla stanza degli scrittori in cui Bruce, Dave, Mark, Scott o Kevin lo hanno onorato con la loro presenza. Sì, a Toronto siamo tutti i bambini monelli di The Kids in the Hall ed è una buona stagione quando i nostri papà tornano a casa per vedere i nostri recital.

Lo spettacolo di stasera, che io’ Sono entusiasta di partecipare, creerà proprio quel tipo di ricordo e non è nemmeno a Toronto, ma a due ore di distanza in una chiesa a Parigi, Ontario. È la prima dell’ultimo spettacolo teatrale di Bruce McCulloch (il regista/produttore/bambino) Tales of Bravery and Stupidity. Una linea si estende intorno all’isolato della torreggiante chiesa bruno-rossastra. La gente del posto rallenta per assicurarsi di non perdersi una frittura di pesce. Mentre la folla fa la fila e si sistema sui banchi, diventa un’improbabile ma unificata congregazione.

Gen-Xer disinvoltamente alla moda, vestiti con Chuck Taylor e bei jeans, abiti alla moda e capi di abbigliamento -occhiali seduti tra gli hipster punk mullette. Stanno spalla a spalla con le nonne (che potrebbe chiamarsi Helen) sorseggiando sidro e arrivando all’idea di comici senza Dio che si esibiscono nella loro chiesa.

Il set è sorprendentemente scarso ma McCulloch non ha bisogno di molto; lui è un professionista. Una scrivania di lato per altro materiale non sequitur, uno spazio centrale per lo più riservato ai discorsi sardonici distintivi di McCulloch sono sufficienti. McCulloch procede a riempire ogni momento vario. Raccontare soprattutto storie, saltellando nel tempo e nel tono: un gioco che fa con la figlia fingendo di non ricordare il suo nome soprannominato “Alzheimer’s Insurance” fa ridere il pubblico per diversi motivi; storie di giovani drogati mescolate con il caleidoscopio del senno di poi.

La sua vulnerabilità sul palco è amplificata dalla strana intimità di stare seduti in una chiesa al tramonto e poter vedere esattamente come ridono tutti. E non importa a chi preghi o non preghi, McCulloch che urla parolacce con un organo a canne in sottofondo è divertente e cattivo.

In Tales of Bravery and Stupidity Il metodo di McCulloch perché l’umorismo post pandemia richiede il riconoscimento di quanto poco controllo abbiamo su tutto. Innegabili spicchi di umanità portano il pubblico proprio lì, insieme. E c’è questa sensazione che questa sia la cosa migliore che qualcuno da queste parti abbia visto da un po’ di tempo.

“Più invecchio e più voglio passare del tempo con dei veri outsider come te.” La congregazione esplode. Memoria fatta.

C’è uno zen punk rock auto-realizzato in McCulloch mentre parla di dove si trovano la sua testa e il suo cuore ultimamente.

Foto di Marty Younge

Ho parlato con McCullough del suo nuovo spettacolo itinerante e del riemergere di KITH.

“Il mio spettacolo teatrale è la cosa che preferisco. È tutta una serie di idee con cui stavo armeggiando, soprattutto che in questo momento abbiamo tutti bisogno di parlarci. Cosa abbiamo passato? Chi siamo noi? Cerchiamo di essere gentili gli uni con gli altri e di essere divertenti da morire. C’è una bella semplicità nel realizzare uno spettacolo che è tuo.”

L’arma a doppio taglio di fare una commedia amata come Kids in the hall esiste come quella persona molto tempo dopo che quella persona l’ha fatta crescere. È un’esperienza che secondo McCulloch si è evoluta con l’età. “Non mi piaceva quando le persone si avvicinavano a me quando lo spettacolo era in onda. Mi sono solo spaventato quando sono invecchiato, era proprio come… è carino. Sentendo la gente dire che ero un ragazzo strano che ha visto il tuo spettacolo e ho capito che potevo essere diverso o che io e mio padre abbiamo guardato il tuo spettacolo insieme. Una volta che senti quelle storie, non si tratta di firmare il mio autografo! è oh, mi sono connesso a te ed è così che.”

Nonostante tutto il clamore intorno al momento culturale che circonda la troupe, McCulloch dice che l’autenticità era fondamentale per tutte le persone coinvolte. Non guardarlo come un ritorno o un riavvio, siamo come il tempo, in qualche modo si raccoglie. I miei assistenti vedono come può sembrare la crudeltà di una catena di posta elettronica di Kids in the Hall, in parte una poesia battuta in parte una sceneggiatura di sabbia. Non ha senso! qualcuno risponde alla domanda che è stata posta 3 settimane fa. Alla fine abbiamo ricevuto una chiamata zoom e abbiamo detto di farlo. Volevamo fare la serie OG con la musica e gli sketch degli uomini ombrosi”

Il contributo di McCulloch alla già citata influenza di The Kids a Toronto si presenta sotto forma di Tallboyz, una troupe di sketch comici McCulloch ha scoperto e sviluppato in uno spettacolo per la CBC dove è anche regista e produttore esecutivo. Tallboyz ha avuto 3 stagioni e ha vinto 4 Canadian Screen Awards che hanno anche ospitato quest’anno. Lo spettacolo è stato recentemente ripreso da Fuse per la distribuzione negli Stati Uniti. “I Tallboyz mi entusiasmano perché hanno punti di vista culturali diversi. Sono freschi e hanno un’anima meravigliosa e parlano di cose. A loro piace che fossimo noi cinque e avessimo amici che erano scrittori e attori che hanno fatto cose con noi e con i Tallboyz che sono davvero su quella comunità. Vogliono sempre assumere i loro amici e non solo perché sono amici, ma perché sono persone di talento in quella comunità. C’è troppo talento a Toronto senza un posto dove andare. È bello essere in quella piscina dove possiamo coinvolgere anche altre persone.”

Un tema in tutto il lavoro e i progetti di McCulloch è l’autoritario, il culo duro, il conformer che viene mandato su e tolto alcuni pioli. Simpatia per il pedante, per il pubblico sfavorito potrebbe non arrivare mai a dire ciò che vuole veramente a coloro che hanno potere su di loro, ma possono ridere con Bruce come sostituto e questo aiuta.

Parte in streaming la nuova stagione di Kids in the hall 13th. Tales of Bravery and Stupidity andrà in scena al teatro di Soho il 1 giugno-13th

Per tutti i posti in cui ha navigato nella sua dinamica carriera. In questo momento è felice di stare in bilico proprio dove si trova.

“I bambini nella sala sono come una famiglia per me, una specie di ritorno quando torno a casa per Natale abbiamo la nostra lingua e il nostro insieme di regole. Vince l’idea migliore, si tratta di essere gioiosi per l’idea migliore.”

Foto di Marty Younge

Leggi altre notizie sulla commedia. 325170

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

netflix-annuncia-le-date-di-uscita-degli-speciali-girati-al-netflix-is-a-joke-festival-[thelaughbutton]

Netflix annuncia le date di uscita degli speciali girati al Netflix Is A Joke Festival [THELAUGHBUTTON]

the-second-city-annuncia-steve-carrell,-tina-fey-e-altri-per-il-loro-comitato-consultivo-[thelaughbutton]

The Second City annuncia Steve Carrell, Tina Fey e altri per il loro comitato consultivo [THELAUGHBUTTON]