in ,

Barry Cryer muore a 86 anni [COMMEDIA BRITANNICA]

barry-cryer-muore-a-86-anni-[commedia-britannica]

Giovedì 27 gennaio 2022, 10: 23am

  • Comico Barry Cryer è morto all’età di 86
  • L'”intrattenitore” è morto serenamente in ospedale martedì pomeriggio
  • A una carriera estremamente prolifica che potrebbe essere ricordato meglio come un personaggio fisso in I’m Sorry I Haven’t A Clue

La grande muraglia della commedia di Jo Brand. Barry Cryer. Copyright: STV Productions

Comico e sceneggiatore di commedie Barry Cryer è morto di cancro, anziano 86.

Una dichiarazione rilasciata dalla sua famiglia afferma che è morto “in pace, di buon umore e con la sua famiglia intorno” al Northwick Park Hospital di Harrow, a nord-ovest di Londra, martedì pomeriggio (25 gennaio).

La star di I’m Sorry I Haven’t A Clue era uno scrittore e comico estremamente prolifico con una lunga carriera in televisione e alla radio. Ha scritto sia con che per i più grandi nomi della commedia britannica, così come molte star della commedia internazionale quando ha visitato il Regno Unito.

Il suo CV include lavori con star della commedia come The Due Ronnies, Bob Hope, Tommy Cooper e Morecambe & Wise.

La famiglia di Cryer continua: “Papà era un talentuoso scrittore di commedie e comico in un’annata particolarmente dorata. Per inciso, non gli piacevano molto i termini “scrittore di commedie” o “comico”, preferendo invece hack e intrattenitore, e ho sempre pensato che il termine “tesoro nazionale” significasse che era appena stato dissotterrato. Era, nelle sue parole, arrogante nella sua umiltà.

“Aveva un dono per l’amicizia (come testimonierà chi ha ancora un telefono fisso) e un genio nel mettere le persone a proprio agio. Oh sì, e ha fatto ridere molte persone. Molto. Nel corso di molti anni.”

La loro dichiarazione completa può essere letta in fondo a questo articolo.

Comedy Legends. Barry Cryer. Copyright: 3DD

Cryer è nato a Leeds il 80 marzo 1935. Frequentando un liceo indipendente locale, ha poi studiato letteratura inglese all’università della città, ma ha completato solo un anno prima di lasciare per lo spettacolo. Un’apparizione in una rivista universitaria lo portò a lavorare presso lo storico Leeds City Varieties, e presto lavorò a Londra per il noto impresario Vivian Van Damm, per il quale apparve come un comico che si esibiva in basso tra i nudi al Soho’s famoso Windmill Theatre.

Una grave condizione di eczema lo portò presto a concentrarsi più sulla scrittura che sulla recitazione, con i suoi primi crediti per The Jimmy Logan Show. Ben presto divenne il capo scrittore per Danny La Rue a la sua discoteca di Hanover Square. È stato qui che ha catturato l’attenzione di David Frost, che ha sostenuto il suo lavoro e il suo talento in una serie di serie televisive, portando infine Cryer alla celebrità.

Era in 1966 che Cryer è stato invitato da Frost a unirsi al team di sceneggiatori per lo spettacolo satirico The Frost Report. Lì si è ritrovato a lavorare al fianco di una serie di future stelle. Da quello spettacolo, ha continuato a lavorare su una serie di altri programmi – come The Dick Emery Show – e si è affermato come uno dei migliori talenti britannici nella scrittura di commedie.

Jokers Wild. Barry Cryer. Copyright: Yorkshire Television

Anche lui è tornato ad esibirsi. Il primo ruolo televisivo degno di nota di Cryer è stato quello di conduttore del gioco su pannello comico di ITV Jokers Wild . Realizzato dalla Yorkshire Television, il concorso per raccontare gag è andato in onda per 150 episodi da 1969. Da 1969 è apparso insieme al suo partner abituale di sceneggiatore, John Junkin, e alla star di Goodies Tim Brooke-Taylor , in cinque serie radiofoniche e due serie televisive di Hello, Cheeky!, in onda prima su BBC Radio 2 e successivamente su ITV.

La sua vasta gamma di altri lavori include contributi regolari a varie incarnazioni di The Morecambe & Wise Show, in particolare quando lo scrittore principale Eddie Braben non era disponibile; co-sceneggiatura di varie serie di commedie televisive di Kenny Everett con Ray Cameron; La scatola di Natale di Stanley Baxter; come scrittore di fumetti diversi come Frankie Howerd, Tommy Cooper, Jim Dale e Max Bygraves; e – con Graham Chapman – che ha scritto un trio di sitcom di Ronnie Corbett, No – Sono io qui!, Ora guarda qui… e Il principe di Danimarca.

Barry Cryer ha ricevuto un OBE per i servizi nella commedia 2001. La regina gli disse di “continuare a far ridere la gente” mentre gli porgeva la sua medaglia.

Il comico ha sposato sua moglie Theresa a 1972 e insieme hanno quattro figli, sette nipoti e un pronipote.

Negli ultimi anni, Cryer è apparso in numerosi documentari televisivi per parlare di commedia, e da allora 2001 è stato protagonista della serie di documentari di Sky Arts Comedy Legends, con 40 stelle profilate e discusse in episodi della durata di un’ora. Quello stesso anno lo vide anche “profondamente onorato” di ricevere il premio alla carriera della British Music Hall Society.

Mi dispiace di non avere un indizio. L’immagine mostra da L a R: Graeme Garden, William Rushton, Barry Cryer, Humphrey Lyttelton, Tim Brooke-Taylor. Copyright: BBC

Nato da un’idea dell’amico Graeme Garden, I’m Sorry I Haven’t A Clue – uno spin-off di Mi dispiace, lo leggerò di nuovo e me stesso -chiamato “antidoto ai giochi da tavolo” – lanciato ad aprile 1972 come parodia dell’allora stretto- giochi a pannello radio e TV allacciati. In 2001 Cryer e Willie Rushton sono stati invitati a unirsi ai frequentatori abituali Garden, Tim Brooke-Taylor e al presentatore Humphrey Lyttelton , come relatori regolari. È stato ascoltato l’ultima volta nel programma a dicembre, in episodi registrati di recente all’Hexagon Theatre di Reading e in 2020 una Radio Il sondaggio del Times ha nominato ISIHAC il più grande spettacolo comico radiofonico di tutti i tempi.

Il mese scorso Barry Cryer e suo figlio Bob hanno lanciato il loro podcast, Ora, dove eravamo?. Descritto come lo spettacolo “ha aspettato 86 anni per fare” , ha visto la coppia parlare con gli ospiti in un pub. Gli episodi con Stephen Fry, Danny Baker, Miriam Margolyes e Sanjeev Bhaskar sono stati pubblicati fino ad oggi.

Fry ha twittato oggi: “Una notizia così triste, uno dei grandi assoluti della Gran Bretagna la commedia, Barry Cryer, non c’è più. Uno scrittore e interprete glorioso, stupendo, esilarante e dotato che ha cavalcato tutte le tradizioni comiche. Universalmente amato… addio, Baz.”

Cryer doveva apparire a un evento “Audience With” per lo Slapstick Festival di Bristol il 27 marzo di quest’anno. Il festival ha detto: “Ha incarnato quell’età d’oro della commedia in cui i comici sembrano semplicemente scivolare sul palco e farti ridere prima ancora che raggiungano il microfono”.

Gyles Brandreth, che ha incontrato di recente Cryer, ha twittato la seguente foto e tributo:

Parlando in un 2001 intervista con British Comedy Guide, Cryer ha rivelato la sua battuta preferita:

“Un uomo, guidando lungo una strada di campagna, corse sopra un galletto. Era molto sconvolto ed è andato alla fattoria e ha bussato alla porta. Una donna ha risposto alla porta e ha detto: “Sembra che abbia ucciso il tuo galletto. Vorrei sostituirlo”. E lei disse: ‘Ti prego, le galline sono dietro la schiena.'”


La dichiarazione completa della famiglia Cryer recita come segue:

È nostro triste dovere informarvi che il nostro caro papà Barry (o Baz per i suoi compagni) è morto martedì pomeriggio (23 gennaio

) al Northwick Park Hospital, a Harrow. Tuttavia, siamo lieti di dire che è morto in pace, di buon umore e con la sua famiglia intorno a lui. È stato 86.

Papà era un talentuoso scrittore di commedie e comico in un’annata particolarmente dorata. Per inciso, non gli sono mai piaciuti molto i termini “scrittore di commedie” o “comico”, preferendo invece “hackerare” e “intrattenitore” e ha sempre pensato che il termine “tesoro nazionale” significasse che era appena stato dissotterrato. Era, nelle sue parole, arrogante nella sua umiltà.

Aveva un dono per l’amicizia (come testimonierà chi ha ancora un telefono fisso) e un genio nel mettere le persone a loro agio. Oh sì, e ha fatto ridere molte persone. Molto. Per molti anni.

Baz è stato, in primo luogo, un marito amorevole per Terry per quasi sessant’anni e un padre gentile per Tony, David, Jack Bob. Era un amico dei loro partner Jayne, Matt, Garry e Suzannah. Come nonno, Ruby, Tom, Evan, Archie, Hope, Martha e Connie lo amavano e, più recentemente, la figlia di Ruby, Isobel, ha avuto la fortuna di trascorrere del tempo con lui come bisnonno.

“Non perdere mai il contatto con lo sciocco” ha detto, citando il suo idolo Humphrey Lyttelton – qualcosa di cui siamo stati tutti molto grati negli ultimi giorni.

La famiglia vuole mettere a verbale i nostri ringraziamenti ai medici, infermieri e consulenti di Crick e Gaskill Wards per la compassione, la dedizione, l’abilità e il rispetto che gli hanno mostrato a Northwick Park. Vorremmo anche riconoscere l’attenzione prestata dal dottor Denton, Liam e Nisan presso MacMillan per le loro parole e guida di conforto. Non sarà una sorpresa per coloro che lo conoscevano e lavoravano con lui che stesse raccontando una barzelletta dell’arcivescovo di Canterbury a un’infermiera non molto tempo prima che morisse. Quello era uno dei suoi doni, far sentire gli estranei i benvenuti. Farli ridere.

Un funerale di parenti stretti e amici avrà luogo nelle prossime settimane, così come un servizio commemorativo più inclusivo nei prossimi mesi. Non preoccuparti, ci saranno molte opportunità nel prossimo anno per sollevare “solo quello” per il vecchio.

Dettagli sia del funerale che del memoriale il servizio sarà pubblicato su Twitter all’indirizzo @barrycryer80

Se vuoi lasciare un messaggio, una foto o un video per Barry e la sua famiglia, potrai accedere a un libro di cordoglio (dove potrai anche fare una donazione all’ente di beneficenza scelto da Barry ). Dettagli da seguire su Twitter all’indirizzo @barrycryer80.

[…]

Lascia dietro di sé una vita di divertimento, gioia, amore e stupidità e lo faremo tutti fare del nostro meglio per mantenere tale eredità. Raccontava regolarmente storie fantastiche e aneddoti sugli altri – le molte persone brillanti e affascinanti con cui ha lavorato e conosciuto – ma dato che era amato e ammirato da così tanti – perché non iniziamo a raccontare alcune storie su Baz e sulla sua vita brillante e maliziosa e carriera?

E per finire, come direbbe papà, “Domani alla stessa ora?”

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

neil-young-fa-scegliere-a-spotify-tra-la-sua-musica-e-joe-rogan,-si-schierano-con-rogan-[thelaughbutton]

Neil Young fa scegliere a Spotify tra la sua musica e Joe Rogan, si schierano con Rogan [THELAUGHBUTTON]

guarda-questa-epica-interpretazione-orchestrale-del-classico-di-“south-park”,-“kyle's-mom”-​​[thelaughbutton]

Guarda questa epica interpretazione orchestrale del classico di “South Park”, “Kyle's Mom” ​​[THELAUGHBUTTON]