in , , ,

Hannah Gadsby ha detto che era “troppo grassa” e “troppo femmina” per essere autistica [INDIPENDENTE]

hannah-gadsby-ha-detto-che-era-“troppo-grassa”-e-“troppo-femmina”-per-essere-autistica-[indipendente]

La comica è stata diagnosticata sulla trentina

Hannah Gadsby scherza agli Emmy: ‘Nessuno sa cosa siano gli scherzi di questi tempi, specialmente gli uomini. Ecco perché mi presento da solo’

Hannah Gadsby ha detto che le era stato detto che era “troppo grassa” e “troppo femmina” essere autistico.

La cabarettista australiana è meglio conosciuta per il suo spettacolo dal vivo e lo speciale Netflix Nanette , in cui discute e decostruisce la natura della cabaret.

In un suo estratto nuovo libro Dieci passi per Nanette pubblicato su The Guardian, Gadsby ha rivelato che le era stata diagnosticata sulla trentina, ma aveva lottato per condividerla poiché “la mia esperienza non corrispondeva alla comprensione popolare dell’autismo”.

“Avevo ragione a essere cauta, perché quando finalmente ho iniziato a raccontare al mondo la mia diagnosi, i licenziamenti sono arrivati ​​in modo rapido e denso”, ha scritto. “Mi è stato detto che ero troppo grasso per essere autistico. Mi è stato detto che ero troppo socievole per essere autistico. Mi è stato detto che ero troppo empatico per essere autistico. Mi è stato detto che ero troppo femmina per essere autistica. Mi è stato detto che non ero abbastanza autistico per essere autistico.

“Nessuno che mi ha rifiutato la diagnosi ha mai considerato quanto doloroso potesse essere per me, e è diventato davvero noioso molto velocemente.”

Gadsby ha spiegato che spesso si era sentita come “un alieno che è stato abbandonato sulla Terra e lasciato a confondere la mia vita” .

Anche se ha detto che non si identificava come non verbale (un sottoinsieme dell’autismo in cui le persone hanno difficoltà a parlare), aveva il mutismo selettivo e avrebbe perso le sue capacità parlare quando si è sopraffatti.

“Quando ho detto a mamma che ero autistico, lei ha detto: ‘Sì, ha senso. Ho sempre saputo che c’erano molte cose dentro di te, ma non potevo entrare. Eri come una scatola di fagioli al forno e il mio apriscatole non avrebbe funzionato con te'”, ha detto. “E’ una metafora ordinata, soprattutto se sai che alla mamma non piacciono i fagioli al forno.”

Ha continuato: “Vorrei più di tutto quello che avevo saputo il mio ASD quando ero un ragazzino, solo così avrei potuto imparare a gestire il mio disagio, invece di presumere che il mio dolore fosse normale e meritato.

“C’è nessuno da incolpare, ma piango ancora per la qualità della vita che ho perso perché non avevo questo pezzo chiave del mio puzzle umano. Ma fino a quando qualcuno non sbloccherà l’enigma del viaggio nel tempo, il piccolo me dovrà agitarsi e fallire nel farsi strada attraverso il mondo per 30-anni dispari.”

La registrazione è un modo semplice e gratuito per supportare il nostro giornalismo veramente indipendente

Registrati, potrai anche godere di un numero limitato accesso ad articoli Premium, newsletter esclusive, commenti ed eventi virtuali con i nostri principali giornalisti

Per favore inserisci un’e-mail valida

Inserisci una email valida

Deve contenere almeno 6 caratteri, includere un carattere maiuscolo e minuscolo e un numero

Deve contenere almeno 6 caratteri, includere un carattere maiuscolo e minuscolo e un numero

Deve contenere almeno 6 caratteri, incl ude un carattere maiuscolo e minuscolo e un numero

Per favore inserisci il tuo nome

Non sono ammessi caratteri speciali

Per favore inserisci un nome compreso tra 1 e 40 caratteri

Inserisci il tuo cognome

I caratteri speciali non sono consentito

Inserisci un nome compreso tra 1 e 40 caratteri

Devi essere sopra 18 anni per la registrazione

Devi avere più di 18 anni per registrarti

Puoi rinunciare in qualsiasi momento tempo accedendo al tuo account per gestire le tue preferenze. Ogni email ha un link per annullare l’iscrizione.

{{ #verifyErrors}} {{message}} {{/verifyErrors}} {{^verifyErrors}} {{message}} {{/verifyErrors}}

Hai già un account? registrazione

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

la-famigerata-sitcom-itv-di-tony-hancock-in-uscita-[commedia-britannica]

La famigerata sitcom ITV di Tony Hancock in uscita [COMMEDIA BRITANNICA]

questa-settimana-in-comedy:-“atlanta”-torna-per-la-sua-terza-stagione-[thelaughbutton]

Questa settimana in Comedy: “Atlanta” torna per la sua terza stagione [THELAUGHBUTTON]