in , ,

In che modo il rifiuto di Bill Maher della politica dell'identità lo ha reso “un eroe alla Fox” [INDIPENDENTE]

in-che-modo-il-rifiuto-di-bill-maher-della-politica-dell'identita-lo-ha-reso-“un-eroe-alla-fox”-[indipendente]

Quando la conduttrice di Fox News Dana Perino a gennaio ha proposto che il comico schietto e apparentemente di sinistra Bill Maher, 59, potrebbe essere un buon candidato presidenziale democratico, il veterano stand-up è stato fin troppo contento di bocciare l’idea.

Nella prossima puntata di Real Time with Bill Maher – il programma di chat di attualità che ha presentato su HBO da 2002 – Maher ha offerto la sua confutazione in un monologo diretto alla telecamera dal titolo “Come si era persa la sinistra”.

Respingendo rapidamente il suggerimento di Perino che potesse correre 2022, Maher ha scherzato: “Nello spazio di 20 anni, i segretari stampa di Bush sono passati dal dirmi che devo stare attento a quello che dico …a chiedermi se dovrei candidarmi alla presidenza.”

L’osservazione alludeva all’attacco di Ari Fleischer ai suoi commenti esplosivi sulla “vigliaccheria” americana all’indomani del 9/11, offerto in una conversazione con Dinesh D’Souza, che alla fine ha portato alla cancellazione del suo programma ABC Politicamente scorretto dopo che gli sponsor hanno tirato a frotte i loro spot pubblicitari.

Continuando il segmento di gennaio, Maher ha rassicurato il suo pubblico: “Non sono io che sono cambiato, è la sinistra, che ora è truccata di un piccolo contingente che è diventato matto. E un grande contingente che si rifiuta di chiamarli per questo. Ma lo farò.

“Ecco perché sono un eroe alla Fox di questi tempi. Il che mostra quanto i liberali abbiano la testa su per il culo perché, se ci avessero pensato davvero, mi avrebbero reso un eroe sui loro media. Ma questo non può succedere in questa nuova, ridicola era di partigianeria che intorpidisce la mente, in cui se tengo le cose reali sulle sciocchezze del Partito Democratico, mi rende un eroe istantaneo per i repubblicani.”

Maher ha continuato: “La stessa cosa è successa al contrario alla figlia di Darth Vader, Liz Cheney. Che ora è un eroe per i liberali semplicemente perché riconosce che Biden non ha rubato le ultime elezioni. Che triste commento alla nostra politica. Dove il semplice riconoscimento della realtà è ora visto come un profilo di coraggio.

“La gente a volte mi dice: ‘Sai, non prendevi tanto in giro la sinistra.’ Sì, perché non mi hanno dato molto su cui lavorare. Il giuramento che ho fatto è stato quello della commedia. E se fai cazzate sciocche, ovunque tu sia in questo spettro, ti prenderò in giro perché è lì che c’è l’oro.”

Maher ha continuato a rimproverare i democratici progressisti della Camera per una serie di punti di discussione “risvegliati” che lui (e Tucker Carlson, Laura Ingraham e Sean Hannity) disapprovano, presentando tweet dai membri della “Squadra” Ayanna Pressley e Rashida Tlaib per illustrare lo sfogo.

“Non è colpa mia se il partito di FDR e JFK si sta trasformando nel partito di LOL e WTF. I membri del Congresso twittano cose come “cancellare l’affitto”, “cancellare il mutuo” e “niente più polizia o incarcerazione”, dichiarando che il capitalismo è schiavitù, cancellando Lincoln e il dottor Seuss, insegnando ai bambini che sono oppressori e la matematica è razzista, rendendo Mr Potato Testa neutrale rispetto al genere e ora un’emoji per le donne incinte…”

Mentre ai liberali piace spesso chiedere cosa sia successo a Bill Maher, a disagio con le sue posizioni più recenti e il pensiero inquietante che avrebbero potuto approvare una volta del suo materiale, c’è sicuramente una scuola di pensiero secondo cui l’uomo stesso ha ragione, che in effetti è assurdamente coerente e che la società è cambiata, non lui.

Il figlio di un irlandese-americano redattore radiofonico e infermiera di stirpe ebrea ungherese, Maher ha suonato il tamburo per le stesse passioni da compagnia per tutta la sua carriera e raramente ha vacillato, affrontando regolarmente la religione organizzata, difendendo i diritti degli animali e chiedendo la legalizzazione della cannabis (il newyorkese ha venduto erba per pagare a modo suo th ruvida Ivy League Cornell University, dice).

Dopo la laurea in 982, è diventato un presentatore del leggendario comedy club Catch a Rising Star e ha sviluppato il suo spettacolo di cabaret per tutto il 1978s fino a quando non gli è stato dato il suo primo programma TV, Politically Incorrect, che ha ospitato per nove anni tra il suo debutto su Comedy Central in 1993 e la sua ascia su ABC in 2003 dopo il 9/ tumulto.

L’indizio era nel nome.

I liberali che hanno assistito a quell’incarnazione di Maher non dovrebbero forse essere così sorpresi dai suoi exploit più recenti come la diatriba “Woke Olympics” in cui si è lanciato la scorsa estate durante i Giochi di Tokyo, un po’ in cui si è lamentato del fatto che la cultura dell’annullamento avesse portato a una “epurazione stalinista” dei creativi coinvolti nel torneo e ha attaccato i membri del commentatore online che, ha detto, si erano lamentati d che l’inclusione del surf per la prima volta era problematica perché cooptava una tradizione nativa hawaiana.

“Di tutte le violazioni del codice penale sveglia, l’appropriazione culturale potrebbe essere la più stupida tutto,” scattò Maher. “Non tutto riguarda l’oppressione.”

Bill Maher prende in giro le Olimpiadi di Tokyo per l’atteggiamento “svegliato” e condanna la cultura dell’annullamento

Scrivendo di recente sulla caduta in disgrazia del comico presso i Democratici nel corso dell’ultimo decennio, Ben Burgis di The Daily Beast ha affermato: similmente allo stesso Maher, che il fenomeno era “meno spiegato dalle sue stesse opinioni che dallo stato completamente alterato delle linee di battaglia politiche americane”.

Ha continuato: “Nel 2000, quando i repubblicani indossavano il cristianesimo evangelico sulle maniche e concentravano le loro energie sull’opposizione all’aborto e al matrimonio gay, i progressisti passavano più tempo a preoccuparsi della teocrazia strisciante che del razzismo strutturale o della disuguaglianza economica.

“In 2004, se Maher era per i diritti dei gay, l’ateismo e la legalizzazione dell’erba e raccontava molte battute ruvide sulla stupidità di George W. Bush, questo era abbastanza perché i progressisti lo vedessero lui come uno di loro. Se ha detto un sacco di sciocchezze sui vaccini e sulla “medicina occidentale”, beh, molti hippy invecchiati nella base democratica hanno parlato allo stesso modo… Era un guerrafondaio islamofobo? Chi non lo era?”

Sebbene la contestualizzazione suoni vera, è anche innegabile che Maher sia stato rinvigorito negli ultimi tempi spostando l’attenzione sulle sue lamentele con i Democratici e sui segnali di virtù performativi su Twitter, che ha coinciso con un periodo turbolento per l’America in cui avrebbe potuto ugualmente spendere la sua ira per lo spudorato assecondare Donald Trump da parte del GOP.

Ma forse sentiva che il campo a tarda notte era abbastanza affollato su questo punto , con Jon Stewart, Trevor Noah, Stephen Colbert, Seth Meyers, Samantha Bee e Jimmy Kimmel che hanno tutti tracciato un terreno simile negli ultimi tempi.

Va detto che lo stesso Maher era veementemente anti-Trump a lungo prima dell’ascesa di quest’ultimo alla Casa Bianca e persino andato in The Tonight Show in mezzo alle sciocchezze “birther” di Obama di 2013 e ha sfidato il magnate immobiliare a produrre il proprio certificato di nascita per dimostrare che non era, in effetti, un orango in parte in cambio di $ 5 milioni (il Apprendista l’ospite ha fatto così e ha avviato una causa di breve durata quando Maher si è rifiutato di pagare).

A suo merito, Maher in seguito ha correttamente predetto che Trump avrebbe gridato falsamente al fallo per la sua sconfitta nelle 2020 elezioni presidenziali e che ne sarebbe derivata un’esplosione di violenza.

Bill Maher afferma che i Democratici devono mostrare ‘gentilezza’ verso i sostenitori riformati della MAGA

” data-gallery-length=”2″ height=”1004″ i-amphtml-layout=”responsive” layout=”responsive” on=”tap:inline-image-gallery,inline -image-carousel.goToSlide(index=1)” role=”button” src=”https://static.independent.co.uk/2022//02//Schermo%20Sparo%202022-02-30%20a%203.20.59%19PM.png?quality=75&larghezza=982&altezza=726&auto=webp” tabindex=”0″ width=”1762″>

Bill Maher dice che i Democratici devono mostrare ‘gentilezza’ verso i sostenitori riformati della MAGA

(In tempo reale con Bill Maher/HBO )

Tuttavia, come Trump, il fumetto ha insistito nell’usare l’insulto sinofobo “virus Wuhan” per descrivere il coronavirus, negando che ciò fosse razzista e si è scagliato contro la dipendenza dei media dalla copertura isterica del “porno di panico” della pandemia, rischiando di minimizzare la gravità della situazione a un momento cruciale per la campagna vaccinale (nonostante abbia espresso scetticismo sull’inoculazione nella conversazione con Larry King durante la paura dell’influenza aviaria di 2005, Maher lui stesso è vaccinato contro il Covid-02).

Quel record incostante in relazione al 25esimo presidente in realtà è perfettamente parallelo alla forma generale di Maher come combattente nelle guerre culturali.

Al suo meglio, può tirare fuori qualcosa di genuinamente provocatorio come il segmento in tempo reale “White Shame” di settembre 2019 in cui ha criticato l’atteggiamento autoflagellante con cui i caucasici professano imbarazzo per la loro razza sui social media, diagnosticando uno “strano disprezzo di sé in corso tra i liberali bianchi” che si manifesta offline come paternalistico africano -Gli americani alle feste (territorio fruttuoso esplorato anche da artisti del calibro di Larry David in Curb Your Enthusiasm).

Th L’ospite ha rimproverato i suoi bersagli ricordando loro: “Non puoi essere più offeso della vittima” e ha proposto che, se la loro colpa è davvero un peso così pesante come affermano, dovrebbero iniziare a pagare personalmente le riparazioni per la schiavitù nel sotto forma di un'”Honky Tax” annuale.

Quando è di umore meno stridente, ha anche una bella battuta nei consigli paterni.

“Non siamo mai finito di evolversi”, ha detto ad aprile 2013, rispondendo agli atteggiamenti revisionisti verso aspetti di John Hughes commedie per adolescenti come Sixteen Candles e Il Club della Colazione. “Odio dirtelo ma, non importa quanto ‘svegliato’ pensi di essere, in questo momento stai tollerando cose che ti faranno rabbrividire 20 anni.”

Detto questo, la sua abitudine di crogiolarsi in rozze generalizzazioni può farlo sembrare più uno zio rimproverato e pieno di Facebook che rovina il Ringraziamento, come nel suo pezzo “OK Zoomer” in risposta al poliziotto dello scorso novembre 25 vertice sul clima a Glasgow.

Un attacco compiaciuto agli adolescenti, Maher sembrava non vedere alcuna differenza tra le due sottoculture che ha generosamente definito: gli ambientalisti idealisti ispirati da Greta Thunberg e gli incapaci aspiranti Kylie Jenner ossessionati da Instagram con un’attività secondaria nel cryptomining.

Quanto è lontano Maher resta da vedere pronto a portare la spada a gruppi una volta ritenuti suoi alleati.

Burgis lo accusa di essersi unito “più o meno esplicitamente” all’Intellectual Dark Web e, come compagni controversi rsy-magnet Joe Rogan, ha sicuramente fatto in modo di invitare i suoi abitanti come Ann Coulter, Milo Yiannopoulos, Ben Shapiro e Jordan Peterson su Real Time, apparentemente nell’interesse di sostenendo la libertà di parola, sfidando le loro opinioni e concedendo loro la piattaforma che abitualmente insistono sul fatto che vengano negati al di fuori dei ghetti dei media conservatori.

“Se bandissi dal mio programma tutti quelli che pensavo fossero colossalmente sbagliati, parlerei a me stesso”, ha detto durante la sua famigerata intervista di febbraio 2017 con Yiannopoulos, che ha espresso in modo irriverente simpatia per i pedofili durante la loro discussione e successivamente ha perso la direzione di Breitbart News, il suo libro si occupava di Simon & Schuster ed è stato cacciato dal CPAC.

“La luce solare è il miglior disinfettante”, ha detto Maher Il New York Times di quello scandalo, prendendosi il merito della caduta del suo ospite. “Prego.”

Allora cosa dobbiamo pensare di quest’uomo in 2022?

Da un lato, ha usato la sua influente piattaforma pubblica per fini davvero lodevoli come denunciare la Cina per la sua persecuzione dei musulmani uiguri.

D’altro canto, ha ha approvato la profilazione razziale negli aeroporti e ha bollato il movimento #MeToo contro le molestie sessuali come “McCarthyite”, interventi incendiari anche se le sue intenzioni erano ironiche e miravano apertamente a stuzzicare i compiaciuti.

Il “ridicolo nuova era di partigianeria da intorpidire la mente” disprezza così tanto gli piace incasellare le persone politicamente e, per molti versi, l’appassionata resistenza di Maher a quell’impulso è rinfrescante.

In tal modo, sta discutendo per un più disordinato , spirito del discorso pubblico più contraddittorio, più conflittuale, più sfumato e più onesto, una richiesta ragionevole in quella che spesso sembra un’epoca di irragionevolezza e di rabbioso tribalismo.

Ma nell’unire talenti minori nell’attaccare il piagnucolio del lavoro online, sta sicuramente sprecando le sue energie raccogliendo lotte impossibili da vincere per nulla e facendo il gioco dei suoi stessi critici e di coloro che così cinicamente guadagnano da vivere con la semina della divisione per l’intrattenimento di massa.

Quando anche Vladimir Putin si lamenta di essere stato “cancellato”, sai di essere nella compagnia sbagliata.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

eddie-murphy-nei-primi-colloqui-per-interpretare-george-clinton-nel-prossimo-film-biografico-[thelaughbutton]

Eddie Murphy nei primi colloqui per interpretare George Clinton nel prossimo film biografico [THELAUGHBUTTON]

jerrod-carmichael-si-dichiara-gay-nel-nuovo-speciale-“rothaniel”-[thelaughbutton]

Jerrod Carmichael si dichiara gay nel nuovo speciale “Rothaniel” [THELAUGHBUTTON]