in , , ,

Ricky Velez si spoglia, scopre tutto nel nuovo speciale della HBO, “Ecco tutto” [INTERROBANG]

ricky-velez-si-spoglia,-scopre-tutto-nel-nuovo-speciale-della-hbo,-“ecco-tutto”-[interrobang]

Le stelle sono tutte allineate affinché Ricky Velez abbia una gigantesca carriera nella commedia. Il suo debutto in anteprima speciale su HBO stasera, sabato ottobre 23 alle 10pm ed è una centrale elettrica. Prodotto da Judd Apatow e Pete Davidson, lo speciale non sembra affatto l’ora del debutto. “Ricky Velez Here’s Everything” segna la prima volta che lo stand up di Ricky appare da qualche parte in televisione, ma ha tutti i segni di una seconda o terza ora. Here’s Everything potrebbe non offrire letteralmente tutto , ma qui c’è così tanta gamma. Velez diventa profondamente personale in alcuni momenti, e in altri porta nuove prospettive ad alcuni fenomeni culturali che conosciamo fin troppo bene in 2021 America. Divertente in tutto, Velez porta sul palco un’energia che è unicamente Velez: un irlandese/portoricano del Queens che è ancora in parte un ragazzo di città, in parte un giovane papà che cerca di capire come spezzare la catena di alcuni dei lati più oscuri della propria educazione. Ricky è in grado di scavare nel disordine dell’esperienza umana facendo ridere a pezzi gli anziani, una visita esilarante nella Repubblica Dominicana, gli scontri culturali che accompagnano il matrimonio e l’avere suoceri, e inciampando nella paternità per la prima volta.

Vedere il primo speciale HBO di Ricky è stato un vero piacere. Dopo aver visto un ragazzo divertente con un sacco di potenziale vincere il prestigioso concorso “New York’s Funniest” di New York City al Caroline’s Comedy Club a 1277, è incredibile ora vedi Ricky dimostrare che è un contendente per diventare uno dei migliori.

Ho parlato con Ricky prima della premiere dello speciale e ho scoperto che apprezzava pienamente il grande momento che sta vivendo. L’emozione di presentarsi a un pubblico nazionale attraverso HBO, la rete che ha inventato lo speciale, significa tutto. “Sembra speciale. Questa è la prima cosa che metto in televisione. Quindi è davvero un bel posto dove stare, che il primo stand-up che abbia mai messo in televisione, sia HBO”, mi ha detto. Girato al Brooklyn Steel, “Here’s Everything” ha un look urbano alla moda, perfetto per la consegna e il comportamento di Velez. Sembra e suona alla grande, un veicolo perfetto per aiutarlo a lanciarsi verso qualunque cosa accada dopo.

Le abilità e il talento sono tutti Ricky, ma ha molto di più. Ha il sostegno dell’amico intimo Pete Davidson nel progetto e il produttore di star della commedia Judd Apatow a bordo. Apatow ha un’incredibile esperienza nel trovare giovani artisti che hanno qualcosa di speciale e nell’aiutarli a svilupparli e portarli al livello successivo. È stato Apatow che ha introdotto il mainstream a Seth Rogen, ha aiutato Paul Rudd a trovare la sua nicchia, ha portato Jonah Hill in primo piano e ha lanciato Amy Schumer verso la superstar, e questa è solo la punta della lista. Ricky mi ha raccontato come ha incontrato Apatow durante il provino per un ruolo come amico di Davidson nel film “The King of Staten Island”, e ha trasformato quell’opportunità in un rapporto di lavoro continuo che ha dato vita a questo speciale e molti altri progetti.

Il giorno in cui ha fatto l’audizione per il film, Ricky ha detto di essersi trovato nella stessa formazione in un comedy club dove si esibiva anche Judd. “Grazie a Dio, l’audizione è andata bene perché avrebbe fatto schifo, lo avrei fissato per il resto della notte per due spettacoli separati”, ha detto Ricky. Sapeva di voler impressionare Judd, quindi ha fatto due diversi 15 set di minuti davanti a lui. “Volevo mostrargli il mio materiale e come scrivo”, ha detto. Nel giro di un paio di settimane, Ricky ricorda di aver ricevuto una chiamata da un numero che non conosceva. “Non avevamo il numero di cellulare l’uno dell’altro o qualcosa del genere. Ha preso il mio, mi ha chiamato ed ero seduto a letto con mia moglie, e lui mi ha detto: “Vuoi scrivere sul film?” Ero tipo, “Sì, assolutamente. Sì. Andiamo.” E poi, prima che tu te ne accorga, mi ha comprato Final Draft e io sono seduto sul set, solo a scrivere. Direbbe: “Abbiamo bisogno di 15 battute su questo.” Boom. E io, Dave Sirus e Judah Miller ci saremmo semplicemente impegnati. E questa è stata l’esperienza più bella perché mi ha messo, ora, in un posto dove possiamo davvero fare un lavoro davvero incredibile. E poi, abbiamo passato la pandemia a scrivere. Quindi è stato incredibile. Mi è appena cresciuto un muscolo che non ero nemmeno sicuro ci fosse. Quindi è stato davvero divertente e mi piace molto. E il bello di Judd è che ti fa lavorare. Lavoriamo, scriviamo molto, ma, allo stesso tempo, è… Ecco perché il materiale è sempre migliore.”

Velez dice che qualcosa che ha imparato lavorando con Judd è che ci vuole una grande squadra per creare qualcosa di eccezionale, ed era piuttosto entusiasta dell’intera squadra che ha lavorato ogni ora. Accredita il regista Michael Bonfiglio per l’atmosfera visiva dello speciale e per aver contribuito a mantenere tutto concentrato sullo slancio. È stata un’idea di Judd Apatow avvicinarsi a Bonfiglio per girare l’ora e si è rivelato perfetto. Avere HBO, Pete Davidson e Judd Apatow nella tua squadra ha altri vantaggi. Come convincere il fotografo di Rolling Stone Mark Selig a scattare il tuo poster promozionale. Ricky voleva che il suo poster fosse accattivante e davvero molto divertente. Ricky ha avuto l’idea e Mark lo ha aiutato a implementarla perfettamente. L’idea di Ricky era di essere completamente nudo per il suo poster. “È stato divertente perché ho appena parlato con Judd, ho pensato: “Ehi, penso che potrei volerlo fare nudo”. E lui era tipo, “Sì?” Sono tipo “Sì”. Selig era subito a bordo. “Mark è stato così incredibile, mi ha chiamato anche il giorno prima. È tipo, “Allora, come vuoi farlo? Vuoi davvero essere nudo o vuoi indossare un perizoma colorato?” E io pensavo: “Sarò nudo. Quindi è bello dare un’occhiata qua e là. Non vedo l’ora di vederlo per strada. Questo è ciò di cui sono entusiasta”. Il risultato è esplosivo. Accattivante e indimenticabile.” E poi, sì, ha funzionato. Ha funzionato, ed è stato divertente, e ne sono orgoglioso. E sono contento di aver potuto girare con Mark e Mark è stato davvero l’uomo più dolce e gentile con cui abbia mai lavorato.”

Velez sa che la sua squadra va ben oltre il gruppo che ha lavorato allo speciale. Apprezza i numerosi comici che lo hanno aiutato a diventare l’attore che è oggi. Influenze come Chappelle, Bill Burr e il compianto Mike Distefano hanno contribuito a plasmare la sua estetica. Lui ha spiegato. “Non sto imitando, ma, allo stesso tempo, quando guardi così tanto i tuoi preferiti, e ne sei uno studente, penso che, prima o poi, ti modelli nella tua versione di ciò che pensi sia un grande fumetto. Penso che le mie influenze pesino davvero molto su come io… Ci sono così tante volte in cui mi dico: “Pensi che Burr lo troverebbe divertente?””

Gli amici comici sono importanti per lui anche. I comici che ha sviluppato insieme ai suoi colleghi sono ancora la sua cerchia ristretta. Come la sua squadra di Fat Baby. Come descriveresti Fat Baby? Non sono una compagnia di commedie, sono più di una festa a rotazione che ha tenuto spettacoli settimanali a New York City che sono diventati leggenda. Insieme a Giulio Gallerotti, Ben DeMarco, Josh Wesson e Velez, Fat Baby era un ibrido comico. Una miscela di stand up, sketch, improvvisazione, digitale e rauca e dirompente crew di New York. “Amo tutti quei ragazzi. Tutti quei ragazzi sono fratelli per me. E quella era la parte davvero bella del tornare in tour, ero tipo, “Non mi interessa quanto costa portarli. Volevo solo che tutti prendessero parte a questa esperienza”. Siamo andati a Miami e ho finito per saltare apposta in un lago infestato da alligatori. Era ridicolo. È solo roba da Fat Baby. La gente non lo capisce, però. Ma si. Ci siamo divertiti. E tutti quei ragazzi sono ancora esattamente quello che sono, e lo adoro.”

E, naturalmente, c’è la famiglia. Fuori dal palco, quando non sta scrivendo e pianificando un futuro, Ricky è tutto incentrato sulla sua famiglia. Per tutta l’ora parla dei suoi genitori, di sua moglie e del suo giovane figlio, Leo di tre anni. Ma se vuoi davvero dare un’occhiata a Ricky come papà, dovrai restare nei titoli di coda per vedere il filmato di cui ti innamorerai. Un momento speciale per suo figlio, che diventa un momento speciale per il giovane papà e per chiunque lo guardi mentre suo figlio ha un momento davanti alla telecamera.

“La cosa divertente è stata che non era affatto previsto. Mio figlio ama la chitarra e adora Machine Gun Kelly. È incredibile. E conosco Colson, ed è un buon amico, e fa sempre video per mio figlio, e mio figlio pensa che sia la cosa più bella del mondo. E quel giorno, abbiamo portato il bambino in anticipo perché va a letto entro le 7: 15. Ha un programma molto serrato. Quindi l’abbiamo portato qui in anticipo e stavano facendo uno scatto di prova. E non l’ho detto a nessuno, l’ho solo preso per mano e lui ha detto: “Voglio andare sul palco, voglio andare sul palco”, perché gli abbiamo detto che ci sarebbe stato un palco , e lo accompagnò nella stanza. Ed era così a suo agio a camminare lassù, camminare davanti, e ho acceso l’altoparlante, e poi hanno liberato il palco dalle persone che stavano facendo il blocco, e si è semplicemente scatenato per tre, quattro canzoni. E, alla fine, dice: “Un altro!” Ricky ha detto, suonando in tutto e per tutto il padre orgoglioso. “One more”, era lui, implorando di fare un’altra canzone. Ma è stato bello. Tutti nella stanza iniziarono ad applaudire per lui. È così figo. È il ragazzo più figo del mondo. È incredibile stare con lui. Adoro quello che possiamo fare per mio figlio. Adoro le opportunità che sta vedendo. Si sta davvero divertendo.”

Ora che Ricky ha messo a letto “Here’s Everything”, sta già lavorando alla prossima cosa. Ha lavorato ad almeno 3 progetti cinematografici da quando è stato avvolto e si è subito messo al lavoro su nuovo materiale per il palcoscenico. “Il giorno in cui l’ho registrato, non ho mai più toccato il mio materiale. Sono andato via da esso. Stavo aprendo per John Mulaney e lui si è girato verso di me e mi ha detto: “Cosa stai facendo, amico? Questo è il giro della vittoria. Devi correre nel giro della vittoria”, riferendosi alla possibilità di inerpicarsi sul materiale lucido che hai appena registrato prima della messa in onda dello speciale. Ma Ricky ha scartato tutto e ha ricominciato da capo e ha detto che è già tornato in un posto dove il suo 15 set minuto è così forte . “Sto facendo i fine settimana in Cantina e la risposta è stata incredibile. Quindi è stato bello sentirmi come mi sentivo da bambino nella commedia, come se ne avessi di nuovo un po’ paura.”

Ricky Velez: Here’s Everything debutta stasera, sabato ottobre 15rd a pm ET/PT su HBO e sarà disponibile per lo streaming su HBO Max.

Leggi altre notizie sulla commedia.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

chi-presenta-saturday-night-live-stasera:-23-ottobre-2021-[interrobang]

Chi presenta Saturday Night Live Stasera: 23 ottobre 2021 [INTERROBANG]

sam-morril-parla-del-ritorno-alla-commedia-da-lockdown-e-del-suo-documentario-“full-capacity”-[interrobang]

Sam Morril parla del ritorno alla commedia da Lockdown e del suo documentario “Full Capacity” [INTERROBANG]