in , , ,

Sam Morril parla del ritorno alla commedia da Lockdown e del suo documentario “Full Capacity” [INTERROBANG]

sam-morril-parla-del-ritorno-alla-commedia-da-lockdown-e-del-suo-documentario-“full-capacity”-[interrobang]

La devozione di Sam Morril per la commedia è inarrestabile . In meno di due anni ha scritto, filmato e pubblicato due speciali comici che hanno ottenuto una combinazione di oltre 9 milioni di visualizzazioni su YouTube e ora ci ha regalato qualcosa di completamente diverso. Questa volta Sam ha creato qualcosa di più di una commedia speciale, ci ha regalato un documentario. Sam Morril: Full Capacity racconta la storia di come i comici sono sopravvissuti e sono riusciti a mantenere viva la loro forma d’arte durante la pandemia. In Full Capacity Sam e i suoi amici sono seguiti dal cameraman e regista, Matthew Salacuse e insieme documentano le sfide della pandemia e il loro dolce ritorno all’interno il rifugio sicuro dei comedy club mentre alla fine si esibiscono per folle “a piena capacità”. Ho avuto la possibilità di vedere Sam esibirsi dal vivo a Chicago questo fine settimana e non è stato difficile dire perché sia ​​così amato dai fan. I comici spesso dicono alla folla di mantenere alta la loro energia perché la loro energia è ciò che il comico lavora, ma ciò che molti comici non si rendono conto è che è vero anche il contrario. Allo stesso modo in cui l’energia di un insegnante trascende e diventa contagiosa per i loro studenti, così anche l’energia del comico per il loro pubblico e Sam ha imparato questo. Era lassù a divertirsi, il che a sua volta ha dato il tono alla notte. Ha raccontato barzellette, ha scherzato su alcuni argomenti suggeriti dalla folla, ha preso un paio di (ben intenzionati) insulti dai fan e li ha trasformati in oro comico e ha persino preso un colpo del famigerato liquore di Chicago Malort, che lo ha legato a noi in un modo che solo un cittadino di Chicago potrebbe davvero capire. Oltre a vederlo esibirsi dal vivo, ho anche avuto la possibilità di parlare con Sam del suo documentario appena uscito,

Sam Morril: Full Capacity e questo è quello che aveva da dire.

The Interrobang: Il tuo documentario ha fatto un ottimo lavoro raccontando la storia di come la cabaret e la tua tutta la vita è stata colpita dalla pandemia. È stato interessante vedere il filmato che hai condiviso fin dall’inizio prima che tu, e molti di noi, ti rendessi conto di quanto le cose sarebbero diventate serie. Hai avuto un momento specifico in cui ti sei reso conto che questo potrebbe essere più di una pausa di due settimane sulla vita?

Sam Morril: I miei concerti hanno iniziato a essere cancellati. Ho perso un fine settimana e poi un altro, e poi un altro, ma tutti gli agenti continuavano a dire che il lavoro sarebbe tornato in un mese, e non sarebbe stato un grosso problema. Quindi, tagliato a tre mesi dopo, sono tipo cosa sta succedendo? È ancora il mio lavoro? Non c’è stato davvero un momento ah-ha. C’erano solo un sacco di brutti momenti e poi a un certo punto hai iniziato a chiederti se sarebbe stato sempre brutto. Ero così abituato a farlo in viaggio ogni fine settimana e poi a esibirmi ogni sera. Non c’è stata transizione per nessuno di noi. È passato da tutto a niente, come la canzone di Frank Sinatra.

The Interrobang: Quasi tutti i comici che amo erano in questo documentario e mi hai persino presentato un paio di persone che non conoscevo. Jon Laster è stato un vero pezzo forte per me. Ora non vedo l’ora di vederlo esibirsi dal vivo!

Sam Morril: È un grande comico, così divertente e ha sempre molta saggezza. È un ragazzo con cui mi piace parlare prima e dopo un set e ha tanti bei momenti in questo. C’è quella parte in cui scendo dal palco e gli chiedo “come pensi che fossero?” Senza perdere un colpo, si gira verso di me e dice: “Penso che fossero pronti per andare a casa cazzo!” e io ero tipo “Sì!” Ha il miglior tempismo.

The Interrobang: Jon è stato anche il primo comico a salire sul palco di The Comedy Cellar al loro primo spettacolo dopo la riapertura. Qual è stata la tua prima esibizione lasciando i parchi, scendendo dai tetti e tornando nei club come?

Sam Morril: La mia prima notte in casa è stata la prima riapertura dei night club a New York. Penso che fosse il 1° aprilest. Ho fatto uno spot a Gotham e ho fatto uno spot al The Cellar. Seinfeld è stato il primo fumetto sul palco di Gotham, quindi è stato piuttosto pesante. In realtà è salito prima dell’ospite perché ha detto che era significativo essere il primo fumetto di nuovo ed era emotivo. In realtà aveva gli occhi lucidi quando è sceso dal palco. È stato piuttosto pesante vedere Jerry essere così emotivo. È bello che ci tenga ancora così tanto.

The Interrobang: Sì, è come tagliare il nastro. C’è qualcosa di cerimoniale nell’essere il primo a tornare sul palco. Capisco. Oltre ad essere divertente e saggio, Jon Laster si è distinto anche per me perché è stato il primo fumetto a tornare sul palco di The Cellar. È un tale onore.

Sam Morril: Se qualcuno che sta leggendo questo non conosce Jon Laster, è un comico dovrebbe davvero guardare. È così divertente. Ha una battuta che amo sulla lotta alla dipendenza e su come beveva nei bar dopo l’orario di lavoro che è semplicemente esilarante. Adoro quel ragazzo.

The Interrobang: Ho notato che c’erano molte folle a bassa energia all’inizio quando i club hanno aperto per la prima volta backup. Joe List ha osservato che i fan della commedia non erano ancora al completo. Erano più le persone che avevano solo bisogno di uscire di casa.

Sam Morril: Pensavo che tutti questi fan della commedia stavano per sfondare i muri, ma molte persone erano caute e i club erano solo a 67% di capacità in modo che si esaurissero, ma non sempre con le persone che volevi essere lì. Erano buoni ma ci è voluto un minuto. Hai mai avuto l’esperienza in cui ti imbatti in qualcuno e sei felice di vederli, ma non li vedi da un po’ e non hai davvero il tuo ritmo?

L’Interrobang: Assolutamente. È un tipo di eccitazione imbarazzante e non sai se dovresti abbracciarti o no.

Sam Morril: È così che il le folle erano. Erano bravi, semplicemente non avevamo ancora le nostre cose, quindi c’erano circa tre mesi di quello.

The Interrobang: Bene, sono così felice che tu abbia mostrato l’imbarazzo in questo film e che non avevi paura di entrare nel personale e parlare di depressione e attraversare una rottura perché questo ha davvero reso questo documentario autentico. Cosa è stato nella tua decisione di mostrare il lato più personale di questo documentario?

Sam Morril: Penso Matt era piuttosto invadente al riguardo e volevo davvero che Taylor ne facesse parte. Ha avuto così tanti bei momenti in cui era così divertente, ma poi dice anche alcune cose davvero sagge sulla pandemia. Matt voleva anche che Sam Jay mi arrostisse, quindi sapevo che avrei dovuto affrontare tutto. Fortunatamente, Taylor e io abbiamo elaborato le nostre cose in modo che mi facessero sentire meglio. È stata dura perché non volevo essere indulgente, ma non volevo nemmeno trattenermi.

The Interrobang : Tra tutti gli ostacoli che hai dovuto affrontare durante la pandemia, qual è stata la tua più grande sfida?

Sam Morril: Trovare altre cose da vivere perché quella non era commedia e trovare modi alternativi di fare commedia mentre si occupava anche di cose sulla salute mentale con cui penso che tutti gli altri avessero a che fare. Penso che tutti noi abbiamo perso una parte di noi stessi nell’ultimo anno.

The Interrobang: Sono contento che tu abbia menzionato il mentale Salute. Oltre ad essere un grande fan della commedia, sono anche un consulente scolastico. Hai fatto una battuta davvero divertente in questo documento sull’avere la depressione che mi ha colpito. Da quanto tempo soffri di depressione?

Sam Morril: Mi sento in colpa anche a dirlo perché ci sono persone che ne soffrono così tanto peggio di me. Non sono mai stato medicato per questo e l’esercizio fisico è una parte importante della mia vita e mi aiuta ad affrontarlo. Vedo lo speciale di Gary Gulman e sono tipo, questa è depressione. Sai?

The Interrobang: Certo, ma come la maggior parte delle cose, c’è uno spettro e solo perché ci sono persone che soffrono di malattie più gravi casi di depressione rispetto a te, ciò non toglie nulla alla tua esperienza. È fantastico che tu abbia trovato una sana abilità di coping come l’esercizio fisico per aiutarti. Hai mai visto un consulente?

Sam Morril: Sì, sono in terapia e ho un terapeuta davvero bravo che Ho visto dentro e fuori per molti anni. La terapia è buona. Non sto dicendo che tutti ne hanno bisogno e non è per tutti, ma per me è stato utile.

The Interrobang: Quando io’ Lavorando con studenti che stanno lottando con sentimenti di depressione, negatività o semplicemente si sentono demotivati, una delle cose che facciamo è cercare di ricordare le persone, i luoghi e le cose che danno loro gioia. Cosa ti dà gioia?

Sam Morril: Le cose che mi danno gioia sono il mio partner, la mia famiglia, vedere un film classico , un buon pasto e guardare il basket. Ci sono molte cose. Ho un ADD così brutto ma quando trovo cose che mi affascinano, divento ossessivo con loro. Adoro cercare statistiche strane negli sport. Non posso dirti certe cose su ieri, ma posso dirti cosa ha fatto la media di Ron Artest 2004 con i Pacers. Sono ossessionato dallo sport. Amo lo sport ei vecchi film.

The Interrobang: sono ossessionato dalla musica e dalla commedia. Hai avuto così tanti comici fantastici in questo documentario! Chi era “il get” con cui eri più entusiasta di filmare quando lo stavi realizzando?

Sam Morril: C’erano così tanti, ma poiché è New York, per me era decisamente importante avere Quinn. Colin Quinn è New York per me. La saggezza che ha non solo sulla vita, ma sulla città è semplicemente ridicola. Cioè, ha fatto un intero speciale su New York. Colin aveva una linea fantastica che non è arrivata al montaggio finale per qualsiasi motivo, ma l’ho adorato. È stato durante la pandemia quando New York era piuttosto morta e gli ho chiesto se avesse mai visto New York peggio di così e lui ha detto: “Ah, sì. Quando le persone venivano spinte sui binari della metropolitana e non facevano notizia… Ora sì. Ottenere la saggezza di Colin e averlo coinvolto in tutto questo è stato grandioso.

The Interrobang: È fantastico! Nel bene e nel male la pandemia ci ha decisamente cambiato e hai fatto un ottimo lavoro raccontando la storia in questo documentario.

Sam Morril: Full Capacity non è solo divertente; cattura anche brillantemente la devozione che Sam e i suoi compagni cabarettisti hanno per la forma d’arte a cui hanno dedicato la loro vita. Questo documentario è una lettera d’amore alla commedia e per quei fan della commedia là fuori che sono affamati di più dell’esilarante marchio di cabaret di Sam Morril, l’ho appena visto esibirsi nella sua nuova ora a Chicago e ha fatto l’annuncio non ufficiale che lo farà torna questo marzo per filmare il suo terzo speciale, quindi resta sintonizzato! Woo-hoo! Non vedo l’ora!!!

Leggi altre notizie sulla commedia.

Le due schede seguenti modificano il contenuto di seguito.

Bio
  • Ultimi post
  • Sarah Dahms è una super fan della commedia che viene da Chicago e viaggia in tutto il paese. la migliore commedia in tutto il mondo.

    1827514

  • blank

    Scritto da Stand Up Comedy Italia

    Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    ricky-velez-si-spoglia,-scopre-tutto-nel-nuovo-speciale-della-hbo,-“ecco-tutto”-[interrobang]

    Ricky Velez si spoglia, scopre tutto nel nuovo speciale della HBO, “Ecco tutto” [INTERROBANG]

    alan-carr-ospitera-the-royal-variety-performance-2021-[commedia-britannica]

    Alan Carr ospiterà The Royal Variety Performance 2021 [COMMEDIA BRITANNICA]