in , , , , , ,

Ricordando Sara Dahms, una luce rara in luoghi bui [INTERROBANG]

ricordando-sara-dahms,-una-luce-rara-in-luoghi-bui-[interrobang]

Fai una donazione a un Gofundme istituito per i figli di Sara.

Se leggi regolarmente questo sito web, o vai regolarmente a festival comici, club a New York o Chicago o eventi speciali in tutto il mondo, potresti aver condiviso lo spazio con Sara Dahms che si chiamava anche Sara di Chicago. Era la più grande fan della commedia. La sentivi ridere, la vedevi ballare a tutti gli after party, forse la sorprendevi a scarabocchiare degli appunti. Parlava con tutti, faceva amicizia con tutti quelli che incontrava, vedeva il buono in tutti coloro che incontrava. E ha scritto di commedia, condividendo il suo amore per stare in piedi con gli altri.

Sara è morta questo lunedì all’età di 21, troppo giovane per chiunque, in particolare per qualcuno a cui piaceva la vita tanto quanto lei. Alcuni di voi potrebbero essere stati consapevoli che aveva una rara malattia cardiaca, chiamata sindrome di Kawasaki. Non ne parlava molto, perché non voleva che le persone la trattassero in modo diverso o la considerassero fragile. Ma occasionalmente condivideva la storia della sua prossima morte, o più precisamente, la vera esperienza di morte di oltre tre decenni fa. Le sue condizioni hanno richiesto più interventi chirurgici per tutta la vita, ma quello più grande, come me lo ha descritto, è successo quando aveva quattro anni. “Quell’intervento è durato 11 ore e ho avuto un infarto sul tavolo e effettivamente morto. Sono stati in grado di riportarmi indietro e tenermi in vita con la macchina del cuore e dei polmoni, ma a causa dell’infarto ho perso tutte le mie funzioni cardiache e sono rimasto piatto ogni volta che hanno cercato di togliermi dalla macchina”. Se le sue condizioni non fossero migliorate avrebbero dovuto lasciarla andare. Ma Sara ha lottato per tornare indietro, anche se avrebbe avuto bisogno di interventi chirurgici per tutta la vita. Le sono state sostituite le valvole cardiache all’età di 11 e a il defibrillatore ha aiutato a mantenere i suoi ritmi in seguito. Suo fratello Angelo ci ha detto: “sapeva di essere in prestito. La commedia ha acceso un fuoco di felicità nella sua anima e ha fornito la scintilla perfetta di felicità nella sua vita”, ha scritto. “Purtroppo, il suo cuore ha ceduto e non sono riusciti a salvarla.”

Cinque anni fa all’inizio 2017, Sara ha incontrato il conduttore radiofonico e comico Ron Bennington in un comedy club e gli ha subito impressionato. Mi ha detto che aveva appena incontrato questa persona davvero eccezionale e che dovevo incontrarla. Ha detto che io e lei condividevamo l’amore per la commedia e che avremmo potuto lavorare bene insieme. Ci siamo trovati subito d’accordo e Sara mi ha detto che le sarebbe piaciuto scrivere di commedie per The Interrobang. Pochi giorni dopo, ha pubblicato una rubrica, Notes From a Comedy Junkie, e il suo primo post, A Chicago Fan Takes a Comedy-cation in New York.

Qui con le sue stesse parole, è stata la sua introduzione a Internet.

Mi piace immaginarmi un “commediografo”. Il mio amore per la commedia è qualcosa che ho ereditato da mia madre. Sono cresciuto con i National Lampoons, John Hugh’s e Gene Wilder. Oltre ai film, Shelley Duvall e la sua serie “Fairy Tale Theatre” hanno portato nella mia vita tutti i principali comici dell’epoca attraverso la produzione dal vivo di tutte le mie storie d’infanzia preferite. Crescendo, film, muppet, Kelly Lebrock e PeeWee Herman hanno continuato ad alimentare il mio amore per la commedia. Chi potrebbe immaginare che ci possa essere qualcosa di più nella vita di questo?

Poi, in un giorno particolare a 1220, mia sorella maggiore stava guardando un programma che non era proprio un film, non proprio un programma televisivo….. Era un uomo di colore solitario, vestito di viola, che stava lì a parlare. Questo uomo solista con in mano un microfono era Eddie Murphy e il programma sulla nostra TV era il suo speciale comico, “Raw”. Questa commedia era pura e non aveva trama o sviluppo del personaggio a intralciarla. Lo amavo! Il prossimo cabarettista che ho scoperto è stato Andrew “Dice” Clay. La cadenza della consegna di Clay, unita al suo machismo troppo maturo, mi hanno venduto. La cabaret era la mia nuova forma di intrattenimento preferita.

La mia affinità per la commedia è sempre stata una parte significativa della mia personalità. Non sono un comico, solo un fan che ha preso la decisione di non stare più a guardare e adorare questa forma d’arte da lontano. 11 mesi fa ho deciso di prenotare un’avventura per vedere uno spettacolo e fare parte all’interno di una cultura al di fuori della vita che avevo sempre conosciuto. La mia prima commedia è stata un viaggio per vedere Jeff Ross suonare a Miami il giorno del mio compleanno. Mi sono divertito così tanto in questo viaggio, che ho deciso di non fermarmi qui. Di conseguenza, ho visto spettacoli, partecipato a feste, fatto amicizia e creato ricordi che non avrei mai immaginato possibili. La vita è fatta per essere vissuta. Fallo bene!

Il mio obiettivo per i contributi che darò al sito sarà quello di riunire i fan della commedia e dare consigli e recensioni da una prospettiva “faccia in mezzo alla folla”.

Sara ha scritto per The Interrobang per cinque anni e non ha mai smesso di stupirmi con la sua capacità di entrare in contatto con le persone. Andava a tutti i festival e incontrava persone, altri fan, sì, ma si collegava istantaneamente anche con i comici e trovava la sua strada per le persone del settore senza nemmeno sapere che erano persone del settore. Durante il periodo in cui l’ho conosciuta, ha frequentato e recensito circa due dozzine di festival, ogni momento pieno di entusiasmo come se fosse il suo primo. Andava a Oddball Comedy Tour, Comedy Central’s Clusterfest, Moontower, Skankfest, Just for Laughs, Dave Chappelle’s Comedy Camp, alcuni di loro ogni anno, e se succedeva qualcosa a St Louis, andava. Se tre dei suoi fumetti preferiti sono stati trasmessi a Detroit (Robert Kelly, Big Jay, Ari Shaffir solo il mese scorso), è andata, se un amico comico era in città, sarebbe rimasto con loro tutto il fine settimana (di recente Aaron Berg). E ha sostenuto la merda di tutti i comici, celebrando letteralmente i loro successi come se fossero i suoi. Ricordo quando mi ha mandato un video dal Clusterfest che mi mostrava quanto era lunga la fila per lo spettacolo di Big Jay, e lei era raggiante di orgoglio mentre correva su e giù per il tifo..

E ADORAVA quello che ha fatto, ogni minuto. Nella sua rubrica “Comedy Junkie”, alla fine avrebbe scritto di oltre 500 comici, vedendo molti di loro più volte, scrivendo del loro stand up, dei loro podcast, dei loro tour. Amava tutti i tipi di commedia, ma il suo primo amore era l’umorismo più oscuro. Era pazza per Louis CK e Dave Chappelle. Amava Big Jay Oakerson, Ron Bennington, Chris Rock, Esther Ku, Dave Attell, Jessica Kirson, Dan Soder, Jeffrey Ross, Robert Kelly, Ari Shaffir, Wil Sylvince, Adrienne Iapalucci, Shane Gillis, Donnell Rawlings, Yamaneika Saunders, Mark Normand , Joe List, Sam Morril, Joe Machi, Anthony Jeselnik, Sal Vulcano, Marina Franklin: questi erano solo un breve elenco di alcuni dei suoi preferiti, ed erano persone che alla fine considerava amiche, e la maggior parte di loro provava lo stesso per lei . Ce n’erano così tanti di più, ma ho cercato di prenderne solo alcuni da alcune delle nostre conversazioni che potevo ricordare: so che odierebbe lasciare fuori qualcuno. Amava la radio e i podcast: Howard Stern Show, Ron e Fez e Bennington, Unmasked, The Bonfire, YKWD, Tuesdays With Stories, Opie e Anthony, Kill Tony, Misery Loves Company, SDR, Legion of Skanks e molti altri.

Sara odiava la cultura dell’annullamento e il suo film più recente (e il primo pezzo di opinione in assoluto) era un forte rimprovero della punizione lanciata contro artisti che erano veri artisti e creatori, attraverso gli esempi di Chappelle, Rogan e Kanye: Dave Chappelle, Joe Rogan & Ye Create Culture e QUESTO non può essere cancellato.

Se non hai mai conosciuto Sara, aveva un’energia irresistibilmente positiva e gioiosa. Amava ballare, ridere e amava le persone. Amava conoscerli e ascoltava davvero quando gli altri parlavano. Avrebbe sentito parlare di un evento speciale o di un festival e sarebbe saltata su un aereo da sola e si sarebbe unita al divertimento. Non è mai stata sola a lungo, ha fatto amicizia all’istante. E tutti l’hanno amata! Ricordo di aver chiamato Colleen McGarr e Lietza Brass alla Moontower per dire loro tutto di Sara, e che sarebbe venuta a scrivere del festival: potremmo procurarle un pass per i media? “Sara? Da Chicago? certo che conosciamo Sara, la amiamo!”

Sara è sempre stata grata per essere stata accolta in questo strano mondo. “È bello sapere che ci sono molti modi in cui posso contribuire all’arte che amo così tanto, anche se io stesso non sono un comico. Grazie di tutto,” diceva, e quando le dicevo che siamo noi a doverla ringraziare, arrossiva e deviava e poi timidamente diceva “davvero!?!?!?!?” come se non potesse credere alla sua fortuna. Non mi ha mai creduto quando le ho detto quanto fossero uniche e rare le sue esperienze. “Sara,” le dicevo, “questo non succede ad altre persone. Gli altri non vengono abbracciati più e più volte come te. Sei speciale.” Ricordo quando mi disse quanto fosse entusiasta di aver incontrato Tony Hinchcliffe, la sua prima intervista, e che era disposto a parlare con lei. Quella fu la prima di oltre sessanta interviste che avrebbe fatto per il sito, un elenco impressionante che includeva Tom Segura, la signora Pat, Maria Bamford, Jeff Garlin, il dottor Katz, Patton Oswalt, Nate Bargatze e molti altri. Quando ha incontrato Louis CK, mi ha descritto ogni secondo della breve interazione, come se potesse scoppiare. Ha anche suggerito un tag a una delle sue battute nella sua rapida conversazione di 3 minuti: chi potrebbe riuscirci? Mi ha detto che lui ha riso e ha detto “è una bella cosa!”

Momenti come questi non erano rari. Sara ha appena avuto questo incredibile effetto sulle persone. Ha incontrato Donnell Rawlings l’ultima sera al JFL a 2017, ha avuto una conversazione profonda sulla vita e la commedia. Poche settimane dopo, la invitò a vedere Dave Chappelle a Radio City. Era a terra. “Ehm, cosa?!?! Vieni di nuovo?!? I cavalli selvaggi non sono riusciti a fermarmi! ha detto mentre prenotava un volo per New York City. Non solo è andata allo spettacolo, è andata all’after party e poi all’after-party dove ha ballato nel club super segreto fino alle 3 del mattino prima di dirigersi verso il suo rituale post commedia preferito: un sandwich Reuben al Sarge’s Deli.

Sara amava tutti i club e tutti l’amavano. Era una frequentatrice abituale di Zanies e di tutti i club e spettacoli da bar di Chicago, oltre a The Stand, The Comedy Cellar, Stand Up New York e probabilmente altri, ma quelli sono quelli che conosco. Ha stretto un’amicizia con i proprietari del club, come Patrick Milligan, che a volte avrebbe persino avvisato Sara se fosse successo qualcosa di speciale. Chi non vorrebbe il volto magnetico e sorridente di Sara seduto in prima fila?

Era così impavida che la maggior parte delle persone sarebbe stata terrorizzata all’idea di prendere un aereo in un posto dove non erano mai stati e di saltare direttamente in una scena, ma lei lo faceva sempre. Anche i red carpet! Lavorare su un tappeto rosso è difficile. Non hai molto tempo, devi lottare per parlare con le brave celebrità e generalmente non sai con chi parlerai in anticipo, specialmente quando sei in una piccola nicchia outlet come Interrobang. Ma quando un giorno ho chiesto a Sara se voleva provarci, non ha esitato. Sara ha lavorato su due tappeti rossi per gli spettacoli dei premi Just for Laughs, The Bruce Willis Comedy Central Roast, Alec Baldwin Comedy Central Roast e Mark Twain Award per Julia Louis Dreyfus al Kennedy Center. La scorsa settimana stavamo discutendo di un viaggio di Sara a Washington alla fine del mese per abbellire il tappeto rosso al Mark Twain Award per Jon Stewart. È stata fantastica. Ha parlato con Seinfeld, Tony Hale e Julia Louis Dreyfuss, ha stretto un legame con Tiffany Haddish, ha riso con Kevin Hart, ha chiacchierato con Dave Chappelle e Howie Mandel, Jim Jefferies e Chris Redd, Nikki Glaser e Pete Lee.

Ricordo quando mi disse di aver incontrato Zoe Friedman, produttrice di commedie e co-fondatrice di Comedy Gives Back. Si sono incontrati a Just For Laughs e si sono legati al loro amore reciproco per la commedia e il ballo. Zoe l’ha presentata a Emile Laford, che aiuta a gestire il Comedy Store, e in poco tempo Sara ha conquistato la costa occidentale con i suoi nuovi amici. Dopo la morte di Sara, ho appreso che aveva lavorato con il team Comedy Gives Back, Zoe, Jodi Lieberman e Amber Lawson, producendo e moderando i loro eventi settimanali di Comedy Connect Zoom. Certo che stava ridendo, ho detto, quando Zoe mi ha informato.. Potrebbe fare qualsiasi cosa!

Sara ha iniziato un podcast con la sua amica di lunga data Esther Ku, che adorava, e ha parlato circa costantemente. Stava pianificando un altro podcast con altri fan della commedia. E stava anche lavorando a una sceneggiatura pilota sulle sue esperienze nella vita e nella commedia.

Ha ispirato gli altri a iniziare a scrivere com edy, come Marty Younge, un fan delle commedie di Toronto che ha incontrato Sara a Just for Laughs ed è stato ispirato a voler scrivere anche lui. Marty ha scritto di Sara sul suo Instagram.

“Ho incontrato le parole di Sara prima ancora di incontrarla. La sua rubrica Notes from a Comedy Junkie era il biglietto per dare un’occhiata a spettacoli a cui non potevo andare. Quella colonna era una storia vivente di stanze e momenti di festival in cui i più grandi comici si rilassavano e parlavano candidamente di paura e fama. Questo è il problema della commedia, sono così fugaci quei momenti che richiedono così tanto per far crepitare e svanire. Sara ha visto la loro magia e li ha resi duraturi. Era capace di quel tipo di scrittura perché era così come una persona che rispettava davvero l’arte della commedia per tutte le sue complesse sfumature. Si crogiolò nel processo di solidificazione dell’imperfezione ed esaminandola sotto le luci del palco. Tutto è andato meglio di come è iniziato. Amava uno spettacolo. Amava tutte le parti di ciò che ci voleva, vedeva che le apprezzavano. Avere un articolo su Sara Dahms scritto su di te è stato veritiero e celebrativo. Non ha inquadrato o angolato le sue storie secondo nessuno tranne se stessa. Adoro il modo in cui copriva gli arrosti e ha cambiato completamente il modo in cui sono arrivato a considerarli un grande evento comico. Un momento di rottura per stand up e scrittori. Quando ho finalmente incontrato questa bellissima persona, non è un eufemismo, mi ha cambiato la vita. Ottenere i miei primi concerti di scrittura a The Interrobang. A Just for Laughs in 2018 Quando l’ho vista di nuovo in 1988 era così orgogliosa di tutto ciò che avevo realizzato. Ricordo di essere sgorgato dai biglietti di gala che avevamo entrambi ottenuto. Mi ha promesso di mostrarmi lo Skankfest quando ci sarò andato. Era così gentile nel settore. Parlerei di commedie con chiunque abbastanza a lungo da sapere se sapevano le loro cose o meno. Presentato tutti intorno a lei senza pretese. Fare il tappeto rosso a Just for Laughs è stata una delle sue vere gioie. Solo per ridere è enorme, ma so che le strade di Montreal si sentiranno così vuote senza di te quest’estate. So anche che una parte di te sarà sempre lì. Fez Whatley, co-conduttore di lunga data del Ron e Fez Show, morto ad agosto. Ha detto che aveva in programma di volare per l’evento e ha chiesto se poteva scrivere un post al riguardo. Le ho detto “lo adoro, grazie” e ora solo pochi giorni dopo la stiamo commemorando. È impensabile.

Tutte le esperienze comiche di Sara sono state in aggiunta alla sua vita “normale”, dove è stata una madre incredibile per due bellissimi bambini, Ben e Amelia. Era una moglie, una sorella e una bellissima figlia. Come insegnante era consulente di scuola media e ha ricevuto il riconoscimento nazionale per il suo lavoro.

Sara era magica. Sara era una star. Ed era assolutamente insostituibile. I suoi contributi alla commedia sono stati importanti e significativi e non la dimenticheremo. Il suo effetto sulle persone che incontrava e chiamava amici era incommensurabile. Puoi vedere nelle foto che ha scattato a volte con i comici (guarda il video aggiornato di seguito), che non erano i tipici scatti “accanto a uno sconosciuto” per le foto. C’era un vero calore ricambiato in ognuna delle immagini.

Puoi leggere tutto 80 dei suoi contributi scritti a The Interrobang qui. Spero che li leggerai, per conoscere la commedia, per vedere i suoi consigli o semplicemente per sentire la sua energia.

Ci mancherà ogni giorno e non sarà mai dimenticata.

Sara non solo ha lasciato un vuoto nelle nostre vite, ma in quella dei suoi figli. Suo fratello ha aperto un account Gofundme a beneficio dei suoi due figli e per aiutare a pagare le spese del funerale. Se puoi aiutarci, ecco il link.

https://www.gofundme.com/f/donate-in-memory-of-sara-lemesdahms




Solo alcune delle persone di cui ha scritto, questa è una lista parziale. Chris Rock, Anthony Jeselnik, Ardie Fuqua, The Goddamn Comedy Jam con Josh Adam Meyers, Dan Soder, Nate Bargatze, Yamaneika Saunders, Sal Vulcano, Rory Scovel, Liza Treyger e Michelle Buteau, Jeremiah Watkins, Roast Battle, Jeffrey Ross, Sarah Silverman, Judd Apatow, Mike Lawrence, Bill Burr, Seinfeld, Nikki Glaser, Don Barris, Tammy Pescatelli, Derek Gaines, Mike Vecchione , Earl Skakel, Christine Evans, Rebecca Trent, Dave Smith, Robert Kelly, Rich Vos, Luis J. Gomez, Joe DeRosa, Michael Che, Colin Jost, Dave Attell, Godfrey, Jimmy Carr, Jim Carrey e il cast di I’m Morire qui, Jessica Kirson, David Baddiel, Jeremiah Watkins, Paul Provenza, Barbara Roman, Cathy Carlson, Donnell Rawlings, Chappelle, Chappelle, Chappelle, Pete Davidson, Wil Sylvince, Barry Katz, Joe List, Sarah Tollemache, Dave Attell, Mike Finoia, Mark Normand, Bert Kreischer, Anthony Cumia, Dan Soder, Aaron Berg, Mark Normand, Chris Gethard, Matteo Lane, Bonnie McFarlane, Pete Lee, Doug Stanhope, Lynn Koplitz, Shannon Noll, Larry Bloom, Seth Davis, Gilbert Gottfried, Strano Al, Kurt Metzger, Janelle James, Dice, Doug Benson, Scott Thompson, Deanne Smith, Hannibal Buress, Eric Andre, Vic Mensa, Wayne Federman, Ian Edwards, Adrienne Iapalucci, George from the Comedy Cellar, Joe List, Jason Kantor, Dina Hashem, Gary Gulman, Louis CK, Jeff Garlin, Zac Amico, Bronston Jones, Martin Moreno , Dane Cook, Julie Seabaugh, Brian Moses, Krystyna Hutchinson, Frank Castillo, Jamar Neighbors, Zoe Friedman, Andrew Schulz, Emma Willmann, Beth Stelling, Andrew Santino, Byron Bowers, Cindy Chupak, John Dore, Jim Jefferies, Erin Foley, Andy Kindler, Jessica Kirson, Margaret Trudeau, Sarah Cooper, Kerryn Feehan, Brendan Sagalow, Cipha Sounds, Mike Cannon, Mike Feeney, Dulce Sloan, Michael Kosta, Josh Johnson, Mari na Franklin, Tiny Hinchcliffe, Paris Sashay, Rosebud Baker, Tom Segura, Franqi French, Brent Terhune, Jenny Yang, Bob Saget, Bobby Lee, e questo non è affatto un elenco completo.

Ha intervistato Tony Hinchliffe, Pete Holmes, Henry Winkler, Sam Levine, Esther Povitsky, Chris DiStefano, Joe DeRosa, Fahim Anwar, Brian Husky, Dom Irrera, Nikki Glaser, Dave Chappelle, Lil Rel, Howie Mandel, Marc Maron, Carly Mensch e Liz Flahive, Jo Koy, Tiffany Haddish, Dr. Katz, Maria Bamford, Jack Johnson, Kumail Nanjiani, Tony Hale, Jerry Seinfeld, Julia Louis Dreyfus, Ronny Chieng, Jason Manzoukas, Alonzo Bodden, Jim Jefferies, Chris Redd, Nick Kroll, Amanda Seales, Kevin Hart, Dita von Teese, Derek Water, Anne Dudes, il cast di South Side, Pete Lee, Nikki Glaser, Chris Redd, Mike Cannon, Mike Feeney, Sam Morril, Ms. Pat, Bobby Slayton, Tom Segura , Jessica Kirson, Annie Lederman, Cipha Sounds, Adrienne Iapalucci, Sam Morril, Patton Oswalt, Nate Bargatze, Rosebud Baker e Mo Amer.

Leggi altre notizie sulla commedia.

2250

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

“judge-steve-harvey”-e-stata-rinnovata-per-una-seconda-stagione-[thelaughbutton]

“Judge Steve Harvey” è stata rinnovata per una seconda stagione [THELAUGHBUTTON]

jake-gyllenhaal-rivela-il-modo-corretto-di-pronunciare-il-suo-nome-nel-promo-“snl”-[thelaughbutton]

Jake Gyllenhaal rivela il modo corretto di pronunciare il suo nome nel promo “SNL” [THELAUGHBUTTON]