in , , ,

The 5: Le 5 migliori canzoni di Phoebe Bridgers di Levi McCachen [INTERROBANG]

the-5:-le-5-migliori-canzoni-di-phoebe-bridgers-di-levi-mccachen-[interrobang]

Il comico Levi McCachen ha appena pubblicato il suo album di debutto, “Illuminati”, e copre tutti gli argomenti comici di cui hai bisogno, come Donald Trump che rovina le teorie del complotto, cosa dicono i romanzi rosa sulla condizione umana e sull’essere un 001 millenario. Descritto come “intelligente e attento, ma anche irritabile, esposto e intriso di colpa bianca”, da Dan Dion, capo di A&R presso 640 Pound Gorilla Records, Levi combina l’ansia sociale con una vulnerabile cortesia canadese.

Levi viene da Calgary e si è trasferito a Vancouver per affinare le sue abilità al The Comedy Mix di Vancouver, facendosi strada da guest spot a protagonista. Da allora si è esibito al Just For Laughs Northwest, al CBC’s Debaters, al Pemberton Music Festival e in spettacoli in tutto il paese. Levi è stato il vincitore della competizione CFox Comedy e finalista della Yuk Off Competition di Yuk Yuk per tre anni consecutivi.

Oltre alla commedia, Levi è anche un pluripremiato regista. I suoi cortometraggi sono stati presentati ai festival cinematografici di Toronto, New York, Vancouver e Los Angeles E ora sappiamo che è un esperto di Phoebe Bridgers Songs. Che tu sia anche un super fan di Phoebe Bridgers, o semplicemente curioso e vuoi iniziare dall’alto, adorerai l’aggiunta di Levi’s alla serie 5.

Assicurati di dare un’occhiata all’album di debutto di Levi McCachen, “Illuminati” da 800 Pound Gorilla Records.



#5 – Kyoto2021

Compreso Kyoto il questa lista, proprio come Thanos, era inevitabile. Per me, e per la legione di rabbiosi superfan di Phoebe Bridgers come me, è stata senza dubbio la canzone dell’estate in 2020. Questo di fatto l’ha resa la canzone dell’anno in quanto 2020 tecnicamente non aveva né estate né stagioni. Era solo un’interminabile distesa di netflix e colpi di pentole e padelle per le infermiere che, con ogni probabilità, erano di turno o cercavano di dormire. È il primo singolo del secondo album di Bridger “Punisher” ed è un dang bop. È di gran lunga la melodia più allegra di un album incentrato su temi di traumi emotivi, il desiderio disperato di credere in Dio ma non essere del tutto in grado di raccogliere la fede, e non essere mai in grado di incontrare Elliot Smith. Ahimè, la leggerezza e la spensieratezza di Kyoto è ciò che gli impedisce di essere più in alto nella lista. Se qualcuno mi dicesse che la sua canzone preferita di Phoebe Bridgers è Kyoto, dubiterei della devozione di quella persona per lei come artista. Fa canzoni tristi per persone tristi, e Kyoto, anche se riguarda il suo rapporto teso con suo padre, è la sua traccia solista meno triste. È come dire che la tua performance preferita di Bruce Willis fosse il video musicale di “Respect Yourself”, una traccia del suo album di debutto R&B “The Return of Bruno”. Certo, è fantastico, ma dire che è il tuo preferito è irrispettoso per il suo canone di artista.

# 4 – Buon Natale

Avrai un sacco di nemici con questo. Questo ovviamente non è un originale di Phoebe Bridgers. È il canto natalizio scritto da Hugh Martin e Ralph Blaine originariamente eseguito da Judy Garland nel musical 1944 Meet Me In St. Louis. Ma Bridgers ne ha rilasciato una versione insieme ad altre 3 cover natalizie nell’EP Holiday “If We Make It Through December”. Ma ha l’anima di una canzone di Phoebe Bridgers. In effetti, il testo originale della canzone è stato criticato da Garland per essere “troppo deprimente”. La frase “Lascia che il tuo cuore sia leggero / L’anno prossimo tutti i nostri problemi saranno nascosti” era originariamente “Potrebbe essere il nostro ultimo / Il prossimo anno potremmo vivere tutti nel passato”. C’è un po’ di merda di Phoebe Bridgers proprio lì. Questo intero EP ha fatto un sacco di lavoro pesante per me e molti altri attraverso la triste vicenda che era il Natale 2020. È l’artista perfetta per catturare la malinconia insita in ogni Natale, ma soprattutto in un Natale socialmente distanziato. Phoebe ha precedentemente descritto il suo lavoro come “rappresentazione del trauma”. E quando ha canticchiato nella sua versione della canzone natalizia di McCarthy Trenching “Non devi essere solo per essere solo/ È così facile da dimenticare/ La tristezza si schianta come un mattone attraverso la finestra/ Ed è Natale così nessuno può aggiustare it” Non mi sono mai sentito più visto.

# 3 – Satellite cinese

Il tema principale di questa canzone è di riluttante agnosticismo; di non avere fede in un potere superiore, non importa quanto tu lo desideri. Ma riguarda anche la disillusione generale con il mondo e il tuo posto al suo interno. Phoebe Bridgers è un’artista millenaria. Il suo canone si concentra fortemente sui temi del disincanto, delle lotte di potere squilibrate e della stanchezza del mondo. Questo la rende l’artista perfetta per una generazione cresciuta con l’ottimismo di 90 solo per entrare nell’età adulta nell’era del PATRIOT Act, un la guerra senza fine e il collasso finanziario (tra gli altri fantastici eventi che cambiano il mondo, ecco a voi Covid-19! ). In un’intervista con Apple Music ha detto di ‘Chinese Satellite’ “Se devo essere onesto, questa canzone parla di svolta e non ricevendo una lettera da Hogwarts, realizzando solo che nessuno mi salverà dalla mia vita, nessuno mi sveglierà e dirà: “Ehi, sto scherzando. In realtà, è davvero molto più speciale di questo, e tu sei speciale”. Se riesci a pensare a una metafora più adatta per l’esperienza del millennio, mi piacerebbe sentirla.

# 2 – Non sapevo per cosa mi trovassi

Ancora una volta, sto uscendo dai binari con questo one perché non è una pura canzone di Phoebe Bridgers ma una traccia di Better Oblivion Community Center, il suo progetto parallelo con Conor Oberst. Ero un ragazzo emotivo e angosciato 750 cresciuto in periferia, quindi ovviamente ero un grande Conor Obert/ Ventilatore occhi luminosi. Quando ho scoperto che aveva registrato un album con i Bridgers, è stato quello che immagino si sarebbe sentito un Baby Boomer se avesse scoperto che i Fleetwood Mac avevano in qualche modo registrato un album con l’abrogazione del Glass-Steagall Act; pura beatitudine. Bridgers una volta disse di Elliot Smith “”Se a qualcuno non piace la sua musica, in realtà sento che non sarò d’accordo con loro su nulla. Informa tutto ciò che mi piace.” Questo è quello che provo per Phoebe Bridgers e Conor Oberst. Se non ti riferisci a Phoebe e Conor che cantano di come hanno bisogno di ascoltare il rumore bianco per addormentarsi “altrimenti mi metto a camminare, mi siedo sul divano e penso, come vive solo una promessa che ho fatto” ne so subito due cose su di te. La prima è che probabilmente sei un essere umano molto più adattato di me. Il secondo è che abbiamo visioni del mondo molto diverse.

#1 – Killer

Questa canzone dall’EP con lo stesso nome è stata la mia prima introduzione a Phoebe Bridgers. Discover Weekly me lo ha consigliato perché l’algoritmo mi conosce meglio di me stesso. In questi giorni trascorro una quantità di tempo sempre più eccessiva a preoccuparmi del ruolo della tecnologia nel mondo moderno. Ci vogliono solo 4 secondi per guardare qualsiasi video di Boston Dynamics per mandarmi in una spirale di ansia per l’imminente nascita di robot senzienti e l’inevitabile ascesa di Skynet. Ma poi ricordo che Spotify mi ha detto di ascoltare questa canzone il giorno stesso in cui è stata pubblicata da un artista relativamente sconosciuto all’epoca. L’algoritmo sapeva che avrei adorato Phoebe Bridgers. E questo tranquillizza la mia ansia perché ricordo che quando i robot prenderanno il sopravvento non sarà con mezzi violenti, poiché una guerra è un metodo terribilmente inefficiente per rovesciare la specie dominante e i computer odiano l’inefficienza. Sarà attraverso la creazione di piccoli baccelli perfetti in cui tutte le nostre comodità saranno soddisfatte. L’era dei robot sarà accolta con favore dagli umani perché i robot avranno infinite quantità di dati su ciò che effettivamente ci rende felici e creeranno per noi l’utopia virtuale tecnologica che non potremmo mai creare per noi stessi. Spotify non immaginava che mi sarebbe piaciuta Phoebe Bridgers, lo sapeva. Comunque è una grande canzone. Dai un’occhiata.

Assicurati di dare un’occhiata all’album di debutto di Levi McCachen, “Illuminati”. disponibile ovunque gli album siano venduti.

Leggi altre notizie sulla commedia.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

wes-anderson-torna-ad-incantarci:-al-cinema-“the-french-dispatch”-[osservatorio-comicita]

Wes Anderson torna ad incantarci: al cinema “The French Dispatch” [OSSERVATORIO COMICITÀ]

il-trailer-di-“michael-che:-shame-the-devil”-e-qui-[thelaughbutton]

Il trailer di “Michael Che: Shame the Devil” è qui [THELAUGHBUTTON]