in , ,

Commedia senza caste: è ora di alzare il sipario [INDIANEXPRESS]

commedia-senza-caste:-e-ora-di-alzare-il-sipario-[indianexpress]

Commedia e casta sono forse due amici che non si sono mai incontrati. Non sanno quanto si mancano l’un l’altro. Se la commedia incontra la casta, possono creare contenuti di altissima qualità. Pensaci. Cosa c’è di più divertente di un sistema arbitrario che differenzia l’uno dall’altro solo per il loro cognome. Un miliardo e mezzo di persone continuano a cercare i cognomi delle persone come fa tesoro di Indiana Jones, così possono scoprire quanto io sia una persona “inutile” rispetto all’altra.

Casta è commedia. Tuttavia, le sue esperienze non lo sono. Qualsiasi persona ragionevole si ribellerà contro di essa. A differenza delle caratteristiche fisiche visibili che la razza distingue, la casta non offre quella netta differenza. Tuttavia, siamo così innovativi che abbiamo inventato meccanismi per separarci e continuare a disturbare l’unità della società a causa della casta. La casta è ovunque. Abbiamo bisogno di essere un osservatore. Non possiamo essere ottusi quando parliamo di caste. Quando andiamo in un ristorante, possiamo vedere che la persona seduta al bancone ha un capitale sociale diverso rispetto a chi prende le ordinazioni. Allo stesso modo, il capitale sociale del cameriere è diverso da quello di chi pulisce i tavoli o lava il pavimento o pulisce gli utensili in cucina. Ciò è dovuto alle differenze di casta che caratterizzano la gerarchia professionale basata sulla nascita.

Ci sono così tante questioni per cui l’India liberale e borghese può arrabbiarsi, ma quando si tratta di casta, hanno tranquillamente aggirato le questioni per proteggere il loro privilegio. Questo è il risultato del lavoro non retribuito. È un problema di distribuzione ineguale della ricchezza. Giustifichiamo la nostra posizione come un risultato di “merito”, scartando immediatamente privilegi millenari che hanno prodotto una accettata atrocità di casta.

Cosa può fare la commedia per impegnarsi con la casta? I comici sono rappresentativi di una classe e di una casta che coccolano il pubblico con gli stessi cognomi. Quando un comico si esibisce, anche se ha voglia di affrontare un problema, non lo fa. La natura del cabaret è principalmente urban-centric, e questi sono gli argomenti che il pubblico viene a sentire. Il pubblico vuole conoscere il problema del conducente Uber, le buche, il traffico estenuante, i nostri politici, il centro commerciale, Netflix, ecc.

C’è un leggero disagio tra i comici a infilarsi in una battuta su qualcosa che potrebbe sconvolgere il loro genere fisso di pubblico “cognome”.

Abbiamo comici di diversi generi, sessualità e religione che affrontano le questioni di loro interesse. I due temi principali che vanno bene sono il genere e la laicità. I comici si rifanno alla narrativa consolidata senza tentare di creare qualcosa di nuovo. Cosa ci vorrà perché la casta diventi una narrativa in cui ci impegneremo, per abolirla?

I creatori devono trovare modi per comunicare un argomento che è onnipresente al pubblico, che tutti possono sentire, ma nessuno vuole riconoscere. È come una scoreggia rilasciata durante la pooja a casa di un parente.

Non è ironico che le nostre influenze e la nostra cultura vengano modellate dal mondo che ci circonda? In America e altrove, la commedia nera è un tema. Ha lasciato un segno enorme sul palco. Ridiamo anche alle loro battute e ammiriamo il loro impegno. Potremmo anche twittare #BlackLivesMatter, ma è lì che lo lasciamo. La commedia nera è possibile principalmente grazie a una vivace comunità d’affari nera, black bar, black club e un mercato gestito da persone di colore. Quando i neri americani hanno la TV in casa, Bill Cosby ha dovuto apparire sul loro schermo. Anche in India il settore è orientato al mercato. Se uno spettacolo di cabaret va in piccole città, i comici saranno costretti a portare quell’esperienza in prospettiva.

Il mercato non è secolare in India. Ecco perché deve essere reso consapevole della nostra immensa diversità. L’India ha bisogno di consumatori che pagano per guardare contenuti che non li rappresentano.

Possiamo fare battute su argomenti che abbiamo vissuto personalmente. Se dovessimo parlare di casta a un pubblico che è principalmente sposato all’interno del loro gotra, allora non apprezzerebbero lo scherzo. Tuttavia, se la commedia circonda il tema della casta e della sua abolizione, possiamo fare un caso senza indulgere nell’autoesaltazione. Non è necessario che uno scherzo di casta inizi con i Dalit e finisca con loro. La casta è un bramino; è un Baniya, uno Shudra. Se si trascorre del tempo con la propria famiglia, si raccolgono ampi contenuti in questa disciplina.

Ultimamente, alcuni comici più giovani hanno portato il contenuto della casta nelle loro esibizioni. Lo hanno fatto in un modo che il messaggio è stato inviato e nessuno si è rotto la testa. Ora possiamo graffiare la superficie ed essere intrattenitori originali senza plagiare o prendere in prestito il contenuto non curato.

È ora che la commedia diventi casta perché è l’umorismo originale su cui possiamo combattere e ribellarci collettivamente.

La commedia ha una responsabilità. È un mezzo dimostrativo che non relega il pubblico in entità invisibili e insignificanti. Il pubblico è parte dell’atto tanto quanto il comico che consegna il loro contenuto.

Se il cabaret e l’industria dello spettacolo, in generale, devono prolungare la propria identità, devono integrarsi ed educare. Un’officina di idee che integri la nostra storia con gli artisti e la sfera accademica anticasta può essere un buon inizio. L’industria dello spettacolo può sostenere un festival di anti-casta. Abbiamo bisogno di creare piattaforme e spazi in cui i comici di origine Dalit possano salire sul palco. Per cominciare, chiunque abbia uno spazio e un pubblico dedicato deve iniziare una conversazione senza scuse sulla casta.

Se tutti ridiamo della casta, stiamo ridendo del bigottismo, della misoginia, del patriarcato, del sessismo. Perché non cominciare con la risata come nuovo armamento nell’arsenale della protesta anticasta?

Kunal Kamra è un comico con sede a Mumbai Suraj Yengde, autore di Caste Matters, cura la rubrica quindicinale ‘Dalitality’

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

alcuni-dei-nostri-momenti-di-vacanza-preferiti-dai-talk-show-notturni-[thelaughbutton]

Alcuni dei nostri momenti di vacanza preferiti dai talk show notturni [THELAUGHBUTTON]

10-canadesi-che-hanno-ucciso-nella-commedia-nel-2021-[interrobang]

10 canadesi che hanno ucciso nella commedia nel 2021 [INTERROBANG]