in , ,

“Mi ha fatto cadere a terra e mi ha strangolato fino a quando non sono svenuto” – 9 domande per Joz Norris [NEXTUP]

“mi-ha-fatto-cadere-a-terra-e-mi-ha-strangolato-fino-a-quando-non-sono-svenuto”-–-9-domande-per-joz-norris-[nextup]

Abbiamo chiesto ai nostri membri di NextUp di fare alcune domande per il cabarettista Joz Norris, ed ecco le sue risposte meravigliosamente dettagliate. *Si prega di notare che NextUp può ricevere una piccola percentuale di qualsiasi reddito generato da qualsiasi vendita di dolcevita, ovunque, per sempre.



1. Se dovessi iniziare una setta, come si chiamerebbe e quali sarebbero i suoi tre comandamenti principali?

Penso di lottare con il mio ego a così com’è, e creare una setta alla fine è sempre una cosa piuttosto egoistica da fare, quindi avrei bisogno che la mia setta PROVIVA almeno a mascherare il fatto che era segretamente tutto su di me. Quindi sarebbe chiamato qualcosa come “Amici preziosi che escono di casa e danno il loro amore a tutti” e due dei comandamenti principali sarebbero sulla falsariga di “Non dimenticare di divertirti!” e “Coltiva qualcosa ogni giorno: un’amicizia, una pianta, qualsiasi cosa! – e ti nutrirai davvero di te stesso” ma il terzo comandamento sarebbe “Non è bello il leader del culto? Procuragli un Dr. Pepper.”



2. Chi sarebbe il tuo partner nel doppio atto se potessi scegliere chiunque (vivo o morto) e perché?

Gonzo dei Muppets conta come comico ? Tecnicamente, Fozzie è un comico e Gonzo è una sorta di performer/stuntman, quindi penso che possa essere la mia risposta. Ma sì, farei 100% un doppio atto con Gonzo. È la persona più famosa a cui riesco a pensare che penso provi lo stesso per la vita come me, anche se sono sicuro che tutti quelli che sono cresciuti guardando i Muppets e si sono sentiti un po’ soli e un po’ strani lo pensano.

C’è quella parte nel film 2013 in cui Walter dice a Gonzo “Quando Da bambino ti ho visto guidare la tua moto attraverso un cerchio in fiamme mentre recitavi Amleto e mi ha fatto sentire come se potessi fare qualsiasi cosa”, e ogni volta che vedo che scoppio in lacrime.



3. Qual è il tuo miglior consiglio per i comici in erba?

Assicurati di non farlo perché stai cercando di arrivare da qualche parte. Assicurati di farlo perché, in questo momento, non c’è nient’altro che vuoi fare, o che PUOI fare. Assicurati di farlo perché c’è qualcosa dentro di te su cui non puoi mettere il dito o esprimere, un prurito che si graffia solo quando lo fai. Se ti senti così, e continui a seguire quella sensazione, probabilmente diventerai brillante.


4. Se potessi cambiare qualcosa nell’industria della commedia quale sarebbe?

Per me il grande sogno è sempre stato che un giorno volevo fare il mio propria sitcom televisiva. In questi giorni sono più vicino a quell’obiettivo, quindi ho una migliore comprensione di come funziona quel processo e ho ricevuto alcune idee respinte per non essere abbastanza chiare per quale pubblico demografico o target avrebbero lavorato.

Mi sento come se fossi cresciuto innamorandomi di programmi TV senza un target demografico chiaro e imposto dallo studio; che si è preso dei rischi con idee insolite e audaci e poi ha lavorato duramente per farle volare, e vorrei che ci fosse più di una cultura nella commedia televisiva di scommettere su un’idea creativa piuttosto che cercare di dimostrare esaurientemente il suo potenziale commerciale PRIMA che fosse stato fatto. Capisco perché esiste quella cultura, perché nessuno vuole perdere soldi, ma sento anche che alcuni dei miei programmi preferiti crescendo farebbero fatica a essere realizzati in questi giorni.



5. Qual è il modo migliore che hai trovato per aumentare la tua sicurezza, dentro e fuori dal palco?

Sul palco – travestiti. Questo non deve essere letterale, anche se attualmente lo è per me.


Fuori scena: indossa un dolcevita. Ti fanno sentire incredibile.



6. Qual è il tuo miglior trucco?

Non sei sicuro di cosa fare con i granuli di caffè usati? Pianta dei gerani in una fioriera. Impacchettare densamente i granuli di caffè sul terriccio. È molto divertente e ti darà qualcosa da fare.

Eccone un altro: butta via il tuo fazzoletto. Compra un pacchetto di biscotti. Consumare i biscotti nel corso di diversi giorni. Durante questo periodo, usa la mano come un fazzoletto. Quando avrete terminato i biscotti, utilizzate la confezione vuota come fazzoletto per qualche altro giorno. Vai alla punta e riprenditi il ​​fazzoletto. Che settimana pazzesca!



7. Quali sono i tuoi tre migliori consigli per i partecipanti all’Edinburgh Fringe?

Corri dei rischi. Vai a vedere cose di cui non hai mai sentito parlare. Ciò include uscire dalla tua zona di comfort. In 2014 un amico ha appena detto “Ho sentito dire che questa mostra d’arte performativa è buona” e io mi sono trascinato avanti, pensando “Non so niente di performance art” e rimane la cosa migliore che abbia mai visto (The Object Lesson di Geoff Sobelle).

Se finisci per guardare spettacoli gratuiti/PWYW, pagali. Non devi pagare molto, ma le persone hanno investito enormi quantità del loro tempo ed energia nel fare qualcosa che credono sia abbastanza buono da condividere con il mondo, e tutta la loro anima è coinvolta nella realizzazione della cosa. Non importa se ti sei seduto lì odiando tutto, ad essere onesti, butta qualche scheggia nel secchio. Siamo tutti solo persone, ed è un’ora del tuo tempo e un po’ di spiccioli contro l’intero cuore e l’anima dell’artista. Paga per tutto ciò che vedi.

In terzo luogo, e forse questo si scontra con il mio primo punto, ma spero di poter spiegare perché credo che entrambi siano importanti – leggi solo un po’ di quello che ‘ andrò a vedere. Voglio dire, esci dalla tua zona di comfort e vedi cose di cui non hai sentito parlare e così via, ma anche ricontrolla cosa vedrai in modo che, se finisce per essere qualcosa che non fa per te tè, dipende da te, non dall’esecutore. Non è mai colpa dell’artista che esegue il proprio spettacolo. Inoltre, non sei obbligato a piacerti, ovviamente, e se non ti piace è un peccato. Ma ho visto persone odiare gli spettacoli che era davvero ovvio che avrebbero odiato se avessero fatto anche la più piccola ricerca, quindi passa cinque minuti a capire cosa stai per vedere e se non l’hai fatto, non farlo t tenerlo contro lo spettacolo.



…Hey! Vuoi vedere di più Joz?

Guarda il suo speciale di cabaret su NextUp – un club di cabaret digitale con oltre 100 speciali di cabaret per il tuo streaming ovunque e in qualsiasi momento.



8. Qual è la cosa più inaspettata che ti è capitata durante un concerto?

At the Fringe in 2014, Weirdos (un collettivo di fumetti con cui collaboro da anni, diretto da Adam Larter) ha organizzato un concerto chiamato “The Wreestling” che era una parodia del cult di Fringe The Wrestling. Era solo un redux davvero spazzatura di quello spettacolo, con dieci fumetti oscuri che fingevano di combattere l’un l’altro in un seminterrato di Free Fringe scarsamente frequentato.

Il giorno prima, avevamo fatto un altro concerto unico nello stesso locale in cui abbiamo fatto una parodia di The Fawlty Towers Dining Experience (ho interpretato Manuel), e il pubblico era composto interamente dal cast del vero Fawlty Towers Dining Esperienza. Ad ogni modo, il Wreestling rimane il concerto più inaspettato della mia carriera perché un comico, che non aveva parlato con Adam o con il resto di noi prima dello spettacolo per capire quale fosse lo scherzo, non si era reso conto che dovevamo FINGERE per combattere, e invece mi ha fatto cadere a terra e mi ha strangolato fino a svenire.

Quando mi sono ripreso non sono riuscito a parlare per circa un minuto e ho un orribile ricordo di come ci si sente ad essere consapevole del proprio l’ambiente circostante, ma incapace di formare un pensiero coerente o di verbalizzare come ti senti. Mi sono semplicemente sbavata sul petto e ho urlato per circa un minuto finché il mio cervello ha ricominciato a funzionare. Non parlo più con il fumetto in questione, anche se lui afferma che proprio perché ha smesso di strangolarmi al momento giusto, mi ha effettivamente salvato la vita. Concerto divertente, comunque.



9. Può il cabaret cambiare il mondo?

Assolutamente. Penso che cose come Nanette mostrino che un particolare spettacolo comico può avere il potere di effettuare un cambiamento reale, tangibile e significativo nel mondo, di costringere le persone a confrontarsi con cose che non hanno affrontato e di iniziare a conversare su cose che devono se ne parli, questo potrebbe alla fine cambiare l’equilibrio del modo in cui funziona la società.

Ma, cosa più importante, penso che la commedia cambi il mondo cambiando i piccoli mondi dentro la testa delle persone. Ero un’adolescente abbastanza smarrita e solitaria che si è imbattuta in Marion & Geoff e Alan Partridge e Peep Show e Garth Marenghi e il Mighty Boosh solo perché ero in piedi fino a tardi, e loro hanno acceso pezzi del mio cervello e mi hanno fatto sentire diverso per sempre, e cambiato il modo in cui guardavo il resto del mondo per il resto della mia vita. Se può avere un effetto così profondo sul mondo interno di una persona, se può farlo migliaia e migliaia di volte in tutti questi diversi mondi interni, allora non può fare a meno di manifestarsi in qualche modo nella vita reale. Penso che la commedia sia una cosa enormemente potente.



blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

'bourbon-e-non-leggere-mai-i-commenti-di-youtube.'-–-9-domande-per-grey-griffin-[avanti]

'Bourbon e non leggere mai i commenti di YouTube.' – 9 domande per Grey Griffin [AVANTI]

'headlocks-e-spuntini-tranquilli'-–-9-domande-per-laura-lexx-[nextup]

'Headlocks e spuntini tranquilli' – 9 domande per Laura Lexx [NEXTUP]