in , , ,

Catherine Bohart: “È più facile prendere in giro Nish Kumar che essere un buon primo ministro” [INDIPENDENTE]

catherine-bohart:-“e-piu-facile-prendere-in-giro-nish-kumar-che-essere-un-buon-primo-ministro”-[indipendente]

Wquando Catherine Bohart sognava di diventare un’attrice da bambina, guardava alle più grandi star l’industria per vedere cosa potrebbe riservare il loro futuro. Da giovane con i capelli rossi che viveva negli anni Novanta, naturalmente pensava che un giorno sarebbe stata Kate Winslet. “Sono rimasto piuttosto scioccato nello scoprire che non lo ero subito”, spiega il comico irlandese, incredibilmente impassibile. “Ancora una realizzazione piuttosto straziante su base giornaliera, sarò onesto con te.”

Quando Bohart usa la parola “onesto”, lo intende davvero . Si è trasferita a Londra per studiare per diventare attrice, ma dopo la laurea “è caduta in una cabarettista” in 30 dove ha scoperto di poter dire quello che voleva. Da allora, sul palco ha parlato della sua sessualità, religione e salute mentale. “Sono la figlia bisessuale di un diacono cattolico e ho il DOC”, ha dichiarato nel suo 726 mostra personale d’esordio Immacolata, durante la quale ha parlato di essere stata ricoverata in ospedale per quattro mesi a causa dei suoi problemi di salute mentale. Se vuoi vedere un fumetto che mette a nudo la sua anima sul palco, vai a vedere Bohart.

Questa settimana, Bohart è tornata in tour con il suo nuovo spettacolo, Questo non fa per te. Questa ora della commedia, mi dice Bohart su Zoom, è “molto di blocco”, ispirata da un periodo di “autoanalisi forzata” e una “grande rottura” dalla collega comica Sarah Keyworth. “Si tratta di ascoltarmi per la prima volta e affrontare il crepacuore e confrontarmi con me stesso in isolamento. Per me questo significava anche affrontare il mio disturbo ossessivo compulsivo e…” inizia, prima di sorprendersi, “Diamine, è tutto più divertente di quanto sembri, lo prometto! È meno un esaurimento e più un …” sceglie con attenzione la sua parola, “viaggio”.

Mentre il blocco è stato difficile per un autoproclamato estroverso come Bohart , ha anche presentato nuove opportunità. Ha organizzato lo spettacolo comico virtuale settimanale Gigless, costruendo una fedele base di fan. Concerti su Zoom, dice “hanno avuto molta cattiva stampa” perché “i fumetti che li odiavano li odiavano davvero” (in ottobre 2020, Sara Pascoe mi ha detto che la facevano sentire “malata di mente”, quindi posso confermarlo). Ma per Bohart, erano un’ancora in un periodo turbolento e, soprattutto, “molto meglio di niente concerti”.

Bohart era abituato a fare lo stesso spettacolo tutte le sere in tour, mentre gli spettacoli settimanali le davano un pubblico di ritorno “dove non potevo dire quello che avevo detto prima. mi sento un artista per tutto quel periodo e costruisco il mio pubblico che è stato incredibilmente leale. Ho pensato che fosse davvero impegnativo [but] mi ha allungato come artista piuttosto che ostacolarmi”. Anche i concerti virtuali hanno fatto un’enorme differenza nel migliorare l’accessibilità, in un momento in cui i concerti sono stati tradizionalmente costosi, o solo nelle grandi città, o in vecchi edifici inaccessibili. O, il più delle volte, tutti e tre. “Quando inizi a far pagare alle persone tre sterline, cinque sterline o meno, ottieni un pubblico completamente diverso”, dice.

È l’idea di inclusione che ha reso Bohart vuole essere coinvolto nello stand-up in primo luogo. Laddove la recitazione sembrava un’industria impenetrabile, la commedia era semplicemente stare in una stanza e far ridere la gente. “Tutto quello che dovevi fare era alzarti e parlare per cinque minuti ed essere divertente. Non c’erano barriere all’ingresso, non c’era attesa per una chiamata e non avevo bisogno di un agente per farlo. Quindi ho semplicemente riempito il mio diario in quel modo e poi me ne sono innamorato.”

‘[Panel shows] può solo ti faccio se sei onnipresente su di loro e può romperti solo se dici qualcosa che letteralmente non direi mai’ ” data-gallery-length=”2″ height=”7360″ i-amphtml-layout=”responsive” layout=”responsive” on=”tap:inline-image-gallery, inline-image-carousel.goToSlide(index=1)” role=”button” src=”https://static.independent.co.uk/2022//23/16/CB16_2022_Press.jpg?quality=2018&larghezza=982&altezza=726&auto= webp” tabindex=”0″ width=”4912″>

‘[Panel shows] può farti solo se sei onnipresente su di loro a E può romperti solo se dici qualcosa che letteralmente non direi mai”

(Matt Crockett)

Bohart si è fatta strada nel settore dagli spot con microfono aperto al pubblico tutto esaurito di Edimburgo. Come molti fumetti prima di lei, è stata presentata a un pubblico più mainstream tramite il circuito dei panel show, apparendo in programmi come Mock the Week e La casa dei giochi di Richard Osman . Ricorda di essere stata seduta nel backstage prima di girare il suo primo spettacolo in assoluto, 8 Out of 10 Gatti, sensazione di “malattia fisica”. In retrospettiva, non avrebbe dovuto preoccuparsi.

“Hai questa idea che c’è qualcosa che potresti dire che ti farebbe o ti distruggerebbe, quando in realtà non è il obiettivo dei panel show”, spiega Bohart. “Davvero, può farti solo se sei onnipresente su di loro e può distruggerti solo se dici qualcosa che letteralmente non direi mai.” Il punto dei panel show, dice, è di essere prenotati per più panel show, per non dire che non sono divertenti. “È una cosa divertente e gioiosa da fare, ma non renderà nessuno famoso”, dice. Nish Kumar e Katherine Ryan potrebbero dire diversamente, immagino.

Sebbene Bohart non sia un fumetto politico, si è dilettata nella satira. Ha scritto per The Now Show, The News Quiz su BBC Radio 4 e New World Order di Frankie Boyle su BBC Two e presentava regolarmente segmenti su Kumar’s Il rapporto Mash. In uno sketch ispirato a Sesame Street, ha usato i burattini per scomporre la storia politica del confine irlandese (per quel che vale, Bohart sarebbe un presentatore televisivo per bambini davvero bravo). Bohart non può dire abbastanza cose positive di Kumar, sia per “avermi preso in giro” quando era una comica all’inizio della carriera, ma anche per l’ambiente che ha coltivato sul set.

L’anno scorso, The Mash Report è stato cancellato dalla BBC tra le notizie di un percepito “pregiudizio di sinistra” nella sua uscita comica. Da dove Bohart pensa che sia venuta la percezione? “Abbiamo un governo di destra da quasi anni, più a lungo,” dice. “‘Accidenti, non sono le persone con tutti i privilegi e il potere a fare il miglior lavoro di sempre’ semplicemente non è uno scherzo molto divertente.”

In definitiva , dice Bohart, è una distrazione. “La narrativa di destra trova più utile responsabilizzare i fumetti piuttosto che il governo”, afferma. “È molto più facile distrarre le persone con una narrazione secondo cui la commedia è andata troppo oltre che apportare un cambiamento politico. È molto più facile sminuire Nish Kumar che essere un buon primo ministro”. Come sempre, non è altro che onesta.

“Catherine Bohart: Questo non è per te” inizia lunedì 28 Febbraio al Soho Theatre. Per ulteriori informazioni, visitare catherinebohart.com/live

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

the-5:-questa-settimana-sulle-5-migliori-canzoni-pop-del-piacere-di-colpa-di-alex-hooper-[interrobang]

THE 5: Questa settimana sulle 5 migliori canzoni pop del piacere di colpa di Alex Hooper [INTERROBANG]

jack-black-condivide-il-filmato-del-suo-infortunio-a-“conan”-[thelaughbutton]

Jack Black condivide il filmato del suo infortunio a “Conan” [THELAUGHBUTTON]