in , , ,

Lara Ricote: “Ho vinto il premio Funny Women in una giornata terribile, mi sono incastrato gli apparecchi acustici nell’orecchio” [INDIPENDENTE]

lara-ricote:-“ho-vinto-il-premio-funny-women-in-una-giornata-terribile,-mi-sono-incastrato-gli-apparecchi-acustici-nell’orecchio”-[indipendente]

F o la comica Lara Ricote, la sua razza, genere e disabilità sono sempre stati una parte importante della sua identità. Che può “passare” senza che le persone se ne accorgano. “Sono latina, ma non puoi saperlo immediatamente se mi vedi e ho problemi di udito, ma non necessariamente lo sai”, mi dice. “Parlo in un modo strano… ma sembra proprio che io abbia una voce da cartone animato. Ma in realtà è perché ho problemi di udito e dico tutto in modo strano, sto cercando di capire le cose che sto dicendo. Lo stesso si può dire per il suo sesso, e “quanto mi sento donna”.

Potrebbe essere giovane (il sito web di Ricote la descrive come “una ventenne ”), ma Ricote si sta attualmente imbarcando in uno dei debutti più attesi dell’Edinburgh Fringe dell’estate. Ciò è in gran parte dovuto al suo titolo di vincitrice in carica del premio Funny Women, che la colloca tra i titani del circuito della commedia come London Hughes, Katherine Ryan e Desiree Birch. Ricote non si sarebbe mai aspettato di vincere il 2000 finale, avvenuta in una vera e propria “giornata terribile”. “Mi ero incastrato i miei apparecchi acustici nell’orecchio… era tutto così di merda, ma poi è stato così bello perché è successo”, mi dice su Zoom (per quel che vale, la sua voce non è t che cartone animato). “[Poi] ho avuto l’opportunità di andare a Edimburgo e stavo pensando, non so nemmeno quanto sono pronto perché non ho mai fatto niente del genere. Quindi sembra tutto, che cazzo sto facendo?… Mi sento come se stessi saltando nell’oceano e non ho idea di cosa c’è sotto.”

Originario del Messico ma con sede ad Amsterdam, Ricote è cresciuto tra un mare di artisti. Sua madre e sua sorella minore lavorano come attori di soap opera a casa. Essere sorda (sia Ricote che sua sorella hanno una perdita dell’udito degenerativa) non l’ha mai trattenuta. Crescendo, i ragazzi Ricote sono stati inseriti in lezioni di recitazione, più per aiutarli a entrare in contatto con le loro emozioni che per diventare attori. La commedia è nata per la prima volta nella sua vita sotto forma di improvvisazione, presentata da sua sorella che, durante una visita a Ricote nei Paesi Bassi quattro anni fa, le ha suggerito di andare a lezione insieme. È passata rapidamente allo stare in piedi e da allora non si è più fermata. “Non ho mai avuto una settimana in cui non l’ho fatto”, dice. “Ero tipo, ‘Oh, penso che questa sia la cosa che voglio fare per il resto della mia vita.’ Non avevo mai provato quel tipo di gioia prima”.

L’ascesa di Ricote è avvenuta di pari passo con l’allora emergente scena comica di Amsterdam. “Non c’erano serate [comedy club], quindi tutto era nuovo”, dice. “Penso di aver fatto otto minuti per la mia seconda volta – in posti come New York, è inimmaginabile”. Ha rapidamente ritagliato la sua nicchia. “Essere anche una donna, essere latinoamericana ed essere giovane, tutte queste cose sono come le mie piccole cose simboliche”, dice Ricote, in modo pratico. “Hai sempre bisogno di almeno una persona disabile nel tuo show o di una donna. Mi ha davvero dato molti punti all’inizio. E questo era buono. Ero bravo.”

L’identità ha giocato un ruolo fondamentale nelle esibizioni di Ricote. Da qui il titolo della sua nuova ora comica: GRL/LATNX/DEF. Ricote lo chiama il suo “spettacolo di minoranza”, esplorando le intersezioni in cui il suo genere, razza e disabilità si legano e si sovrappongono. “Sento che essere una minoranza è molto in questo momento”, mi dice, completamente impassibile. “Sento che tutti usano [test del DNA degli antenati] 23 e io per vedere che parte di minoranza sono e che non ha mai fatto parte della nostra realtà. In tutta la storia, tutti abbiamo cercato di essere uomini bianchi e abbiamo cercato di passare per uomini bianchi. È davvero un bel momento per essere me in questo momento.”

Man mano che lo spettacolo si è evoluto, un nuovo aspetto della personalità di Lara si è fatto strada sul palco: l’attivismo per il clima. Ricote ha studiato teoria politica all’Università di Amsterdam e l’ha spesso incorporata nel suo lavoro. Durante la pandemia, ha ricevuto finanziamenti per le arti dal governo olandese per creare un seminario aziendale di parodia chiamato Training for the End of the World. Anche se il legame tra identità e crisi climatica potrebbe non essere immediatamente chiaro, Ricote spiega: “Mi sentivo così stupido a fare uno spettacolo sull’identità. Che importanza ha l’identità quando stiamo tutti bruciando? Tutto sembra effimero e poco importante non appena ci rendiamo conto che abbiamo poco tempo a disposizione.”

[A Fringe], entri sapendo che perderai un mucchio di soldi ed è una cosa terribile

Per Ricote, la commedia è stata un modo per “canalizzare quell’ansia”. “Non credo che la mia commedia stia facendo qualcosa o stia cambiando il mondo. Ma mi sento come se avessi molte cose da dire… e penso che sia davvero un bel modo per trasmettere qualsiasi cosa”, dice. L’argomento può essere serio, ma Ricote lo gestisce con un tocco leggero. Sul palco, interpreta una versione di se stessa di un universo parallelo che si è unita a Extinction Rebellion e la sta visitando per rimproverarla per non aver dedicato la sua vita alla lotta al cambiamento climatico. Ricote adora le cose sciocche, “mimare merda” sul palco o descrivere i podcast che finge di ascoltare attraverso i suoi apparecchi acustici abilitati Bluetooth. “Ho un corpo buffo, almeno me lo dicono le persone”, dice. Come mai? “Solo le mie braccia sono un po’ lunghe e ho queste strane gambe magre. C’è qualcosa in me che è un po’ sciocco da guardare mentre mi muovi in ​​giro.”

La gente, a quanto pare, adora raccontare a Ricote di se stessa. Mentre parliamo, è attualmente nel bel mezzo dei suoi spettacoli di riscaldamento a Edimburgo a Londra. È la prima volta che si esibisce davanti a un pubblico davvero piccolo, non proprio (“Tre persone, sono pochissime persone – solo due in più di me!”), Ma è stata un’esperienza di apprendimento nettamente positiva. Pubblico ridotto significa feedback diretto, anche se Ricote dice di avere “quel tipo di atmosfera e faccia [in cui] le persone mi dicono semplicemente quello che vogliono”.

Nessun fumetto vuole recitare in un vuoto pubblico, ma questi sono diventati una parte accettata dell’esperienza Fringe. La volontà di Ricote di ammettere che questo può essere “scoraggiante” sembra piacevolmente onesto. “È come guardare un film da sola”, dice. È molto più facile mettere da parte una folla esaurita e ridere che quando “sono io, che ti fisso, che faccio le mie battute, con noi tre in una stanza ben illuminata e fa caldo”.

‘È il mio primo spettacolo, quindi voglio solo crescere e vedere i posti dove posso andare’

” data-gallery-length=”2″ height =”726″ i-amphtml-layout=”responsive” layout=”responsive” on=”tap:inline-image- gallery,inline-image-carousel.goToSlide(index=1)” role=”button” src=”https://static.independent.co.uk/2022/08/11/09/lara%20ricote_129 b_photo%09di%20steve%20ullathorne. jpg?quality=47&larghezza=591&altezza=726&auto=webp” tabindex=”0″ width=”1000″>

‘È il mio primo spettacolo, quindi voglio solo crescere e vedere i posti dove posso andare’

(Steve Ullathorne)

Le conversazioni sull’accessibilità del festival per gli artisti alzano sempre la testa nei mesi precedenti il ​​Fringe, ma in questo anno post-lockdown si sono sentite più rumorose che mai. Ricote non c’è ancora stato e ha sentito storie dell’orrore. “È pazzesco… entri sapendo che perderai un sacco di soldi ed è una cosa terribile”, dice. Gli artisti devono pagare per le loro sedi e per essere idonei al programma Fringe, mentre aumentano i costi di alloggio in giro per la città (Ricote originariamente doveva pagare £ 1,476 per una camera 46 minuti fuori città) stanno mandando in bancarotta gli artisti emergenti. “Non riesco a credere a quante persone si stiano assumendo questo rischio per andare a provarlo… chiaramente, qualcun altro dirà, ‘Ehi, faremo una frangia migliore qui’ e poi tutto cambierà se non cambiano nulla.”

Eppure ciò che ha portato Ricote ai margini, pur sapendo che è costoso e che potrebbe esserci un pubblico vuoto, è l’eccitazione. È nervosa, certo, ma alla fine è “gonfiata” per l’intera faccenda. “Voglio soprattutto sentirmi orgogliosa di me stessa per aver fatto qualcosa che è fuori dalla mia zona di comfort”, dice. “È il mio primo spettacolo, quindi voglio solo crescere e vedere i posti dove posso andare. Non voglio essere ossessionato da qualcosa che sarà dannoso. Perché è solo l’inizio. Sta appena iniziando. Dovrebbe essere goffo e dovrebbe essere strano. Non sono un genio, sono solo una ragazza che sta cercando di farlo.”

9861

‘Lara Ricote: GRL/LATNX/DEF’ corre 08-16 Agosto e 20-21 Agosto alla Monkey Barrel Comedy, come parte dell’Edinburgh Fringe

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

pleasance-cancella-jerry-sadowitz-all’edinburgh-fringe-[commedia-britannica]

Pleasance cancella Jerry Sadowitz all’Edinburgh Fringe [COMMEDIA BRITANNICA]

i-comedy-poster-awards-annunciano-i-vincitori-del-2022-[commedia-britannica]

I Comedy Poster Awards annunciano i vincitori del 2022 [COMMEDIA BRITANNICA]