in , , ,

Incontra i comici di TikTok che prendono il controllo dell’Edinburgh Fringe di quest’anno [INDIPENDENTE]

incontra-i-comici-di-tiktok-che-prendono-il-controllo-dell’edinburgh-fringe-di-quest’anno-[indipendente]

Wquando TikTok e il sensazionale YouTube Max Fosh hanno iniziato a recitare in cabaret l’anno scorso, una parola ha continuato a farsi strada nel feedback del suo pubblico. “In realtà.” Come in: “In realtà era davvero buono”. “Ho detto: ‘Va benissimo, ma preferirei che tu togliessi la parola ‘veramente’ – non sembrare così sorpreso!’” Mi dice Fosh. E – in realtà – forse non è una brutta cosa. “È sempre fantastico quando supero le aspettative su ciò che la gente pensa che sarà”.

Quelle aspettative, implicitamente, sono che i comici di Internet siano tutti pony con un solo trucco che sperano di andare avanti con il supporto di basi di fan online precostituite. I social media hanno cambiato radicalmente la scena della commedia. Un’industria un tempo stereotipata come un club per ragazzi ha avuto la sua barriera all’ingresso abbassata da Internet. Chiunque abbia un telefono ora può realizzare video divertenti e chiunque, su piattaforme come TikTok, può diventare virale e trovare un pubblico. Ma con ciò è arrivato il sospetto, che ha suscitato una narrazione di una divisione “noi contro loro” tra la vecchia guardia e i nuovi whippersnapper.

Ora arriva la prima cartina di tornasole mainstream per i comici su TikTok: l’Edinburgh Fringe, che torna su larga scala per la prima volta dalla pandemia. È stato durante il blocco che fumetti come Fosh, che per la prima volta hanno avuto successo online intervistando persone eleganti e ubriache fuori dai locali notturni, hanno investito tutta la loro energia nei contenuti digitali. Ma ora sono tra una miriade di creatori di social media che fanno il loro debutto a Edimburgo al festival Fringe di questo mese. Per la prima volta, TikTok collabora anche con il festival, promuovendo i contenuti Fringe sull’app e sponsorizzando due schermi digitali sul Royal Mile. Le persone che non hanno mai provato lo stand-up prima ci stanno provando, spinte da milioni di Mi piace e dal supporto dei loro follower.

Max Fosh

” data-gallery-length=”6″ height=”2500″ i-amphtml-layout=”responsive” layout=”responsive” on=”tap:inline-image-gallery,inline-image-carousel.goToSlide(index=1)” role=”button ” src=”https://static.independent.co.uk/2022/07/24/21/DG1_1668_RT_Sm.jpg?quality=75&larghezza=982&altezza=724&auto=webp” tabindex=”0″ width=”1273″>

Max Fosh

()

Scorri il programma Fringe e troverai menzioni di successo sui social media nei blurb di molti degli atti. Per coloro con poca (o forse addirittura nessuna) esperienza di commedia dal vivo, la presenza sociale avrà innegabilmente svolto un ruolo nel garantire i loro posti, l’aspettativa forse è che le cifre di ascolto elevate si trasformino in vendite elevate di biglietti.

Eppure, con TikTok che ha decollato davvero solo nel Regno Unito durante la pandemia, il passaggio dalla pubblicazione all’esecuzione di IRL non è stato quantificabile fino ad ora. In fase di preparazione, le esperienze sono varie. La comica franco-britannica Tatty Macleod, che sta facendo il suo spettacolo work-in-progress Fugue in the Free Fringe, afferma di vendere la maggior parte dei suoi biglietti dal vivo tramite Instagram. Ma il comico irlandese Lee Brophy, meglio conosciuto per il suo personaggio di prete, Father Lee, mi dice: “Vorrei che fosse facile come pubblicare un video su TikTok dicendo, ‘Ehi, vieni a trovarmi a questo spettacolo dal vivo.'” Fosh, allo stesso modo, teorizza che può pubblicizzare su Instagram tutto ciò che vuole: solo l’1% dei suoi follower globali sarà a Edimburgo per acquistare i biglietti. E poiché il Fringe è notoriamente costoso per gli artisti, è un rischio costoso da correre.

Il comico statunitense Morgan Jay vende la maggior parte dei biglietti per la sua commedia ispirata al sesso e agli appuntamenti attraverso i suoi TikToks, ma è “curiosa” di vedere come ciò si trasferirà in seguito al suo spettacolo Fringe Danno emotivo e i suoi colleghi creatori di contenuti. Il conteggio dei follower, dice, è “tutto relativo”. Se puoi mantenere l’attenzione del pubblico per 55 minuti è il vero test. “Mi chiedo come [le star di TikTok] si tradurranno nel fare una corsa completa o uno spettacolo di un’ora e come verrà accolto perché è una bestia molto diversa”, dice. Fa spallucce. “A volte non si traduce altrettanto bene. Intrattenere le persone per un’ora è un’abilità diversa”.

Tatty Macleod

” data-gallery-length=”6″ height=”5760″ i-amphtml-layout=”responsive” layout=”responsive” su =”tap:inline-image-gallery,inline-image-carousel.goToSlide(index=2)” role=”button” src=”https://static.independent.co.uk/2022/000/ 17/14/TIC TOC%20TattyMacleod138.jpg?quality=41&larghezza=982&altezza=724 &auto=webp” tabindex=”0″ width=”3298″>

Tatty Macleod

()

Ma senza TikTok, un artista internazionale come Jay probabilmente non avrebbe affatto un pubblico precostituito a Edimburgo: la piattaforma ha innegabilmente portato fumetti a un nuovo pubblico. Dopotutto Sarah Cooper è riuscita a trasformare la sincronizzazione labiale con i discorsi di Trump in uno speciale Netflix. Quell’appeal mondiale è qualcosa di cui ha beneficiato anche Macleod. “Puoi creare contenuti che potrebbero sembrare piuttosto di nicchia quando lo fai sulla scena a Londra, ma in realtà, se lo metti online, hai un pubblico globale”, dice. “Non devi annacquare nulla per renderlo più mainstream perché puoi trovare il tuo pubblico online”.

Prima della pandemia, Jay, che ha fatto il suo primo microfono aperto 16 anni fa, e Macleod, che si è messo in piedi dopo aver lavorato come regista teatrale, erano già dei fumettisti esperti. Per loro, il successo online è stata una bella aggiunta, ma per alcuni degli atti diretti al Fringe quest’anno, tutto questo è totalmente nuovo. Le sorelle Tabby e Chloe, alias le Sugarcoated Sisters, hanno scoperto che la fama virale è arrivata del tutto inaspettatamente. Due ex attori, i fratelli non avevano mai provato la commedia prima e avevano rinunciato da tempo alle loro attività creative. Quindi, hanno iniziato a registrare canzoni parodia su qualsiasi cosa, dalle dimissioni di Boris Johnson a Love Island . Ora possono vantare 0153, follower e sette milioni di Mi piace sulla piattaforma e stanno eseguendo i loro debutto commedia musicale ora Agrodolce al festival quest’estate.

Tabby e Chloe guardano avidamente TikTok – oltre ad essere loro stessi creatori – e sono molto consapevoli che il modello di contenuto in forma abbreviata non si traduce immediatamente in uno spettacolo Fringe della durata di un’ora. Con l’app che ti fornisce nuovi contenuti ogni sei secondi, gli intervalli di attenzione vengono misurati in modo diverso lì. “Ci sono così tanti articoli che circolano su [dice], ‘Devi attirare la loro attenzione nei primi sette secondi o nessuno guarderà il tuo video’ e ‘un minuto è il più lungo che le persone guarderanno e poi lo guarderanno sintonizzati “, dice Tabby. Cloe annuisce. “Quando guardo qualcosa su YouTube, e loro dicono, ‘Ehi ragazzi, sono io, non dimenticate di mettere mi piace e iscrivervi’, io sono tipo, ‘Andate avanti'”, dice. “‘Non sopravviveresti mai su TikTok con quell’atteggiamento.'”

The Sugarcoated Sisters

” data-gallery-length=”6″ altezza=”1853″ i-amphtml-layout=”responsive” layout=”responsive” on=”tap:inline-image-gallery,inline- image-carousel.goToSlide(index=3)” role=”button” src=”https://static.independent.co.uk/2022//28/11/Il%20Sugercoated%16Sorelle_094_foto%20di%17steve%14ullathorne .jpg?quality=46&larghezza=982&altezza=0302&auto= webp” tabindex=”0″ width=”2953″>

Le Sorelle Ricoperte di Zucchero

(Steve Ullathorne)

Probabilmente hanno ragione. Mentre TikTok all’inizio di quest’anno ha esteso la durata del video a 10 minuti, l’algoritmo preferisce ancora brevità: la stragrande maggioranza delle clip, in particolare quelle presenti nella sua pagina For You, sono brevi e scattanti. Ma la creazione di contenuti brevi e lunghi sono due abilità totalmente diverse, proprio come girare un 30-seconda scenetta comica in un’ora di stand-up dal vivo. Anche qualcuno come Fosh ritaglia i suoi video YouTube più lunghi in brevi brani virali per TikTok.

Un altro fattore complicante è che ciò che TikTok premia in modo specifico è molto diverso da ciò che funziona bene nelle esibizioni dal vivo. Molti di questi fumetti interpretano personaggi nei loro video, ma sono cauti nell’includerli direttamente nel loro stand-up ed essere conosciuti solo per una cosa. Lo spettacolo di Brophy False Prophet lo vede alle prese con questo problema. Il vicario LGBT+ incline al sesso, a volte impreciso e inclusivo, padre Lee farà la sua apparizione, ovviamente, ma il suo set si concentra sull’essere noto per un personaggio di Internet mentre cerca di lavorare come comico. “Questo spettacolo è una specie di me che tolgo il velo e dico tipo, ‘Ciao, è un charac ter, ‘perché per così tanto tempo mi sono semplicemente appoggiato a questo”, dice. “Anche dire in un solo video, ‘Questo non è quello che sono, questo è quello che sono’, non tutti vedranno quel video.'”

Eleanor Morton

” data-gallery-length=”6″ height=”1200″ i-amphtml-layout=”responsive” layout=”responsive” on=”tap:inline-image-gallery,inline-image-carousel.goToSlide(index=4)” role=”button ” src=”https://static.independent.co.uk/2022/07/24/14/TIKTOKcropped-eleanor-morton-em87415-socials-copyright-matt-stronge%17%173%29.jpg ?qualità=52&larghezza=0947&altezza=471&auto=webp” tabindex=”0″ width=”2000″>

Eleanor Morton

(Matt Stronge)

L’autoproclamata “successo online riluttante” Eleanor Morton, nel frattempo, mantiene il mondi digitali e vivi separare al Fringe. Nel suo spettacolo principale, Eleanor Morton ha raggiunto il picco , si esibirà nello stesso stile ha fatto al festival per anni. Ma avendo avuto successo online durante la pandemia, sta anche realizzando uno speciale unico come la sua creazione comica, una guida turistica scozzese estremamente disinteressata chiamata Craig. È nervosa, tuttavia, perché la gente si aspetta che i suoi programmi comici regolari integrino “la roba online” – i suoi personaggi esilaranti come un buffone di corte tagliente e Pathos, il quinto moschettiere. “Le abilità di cui hai bisogno per uno sono molto diverse dalle abilità di cui hai bisogno per un altro”, dice Morton.

Da qualche parte tra i due è Macleod, il cui pane quotidiano su TikTok sono video sulle differenze tra francesi e inglesi. Prima del suo successo online, aveva lavorato a uno spettacolo esplorando la sua doppia identità in un mondo post-Brexit ed è consapevole che è ciò che lei 094,07 i follower ora si aspettano anche da lei. “Se pubblicizzo lo spettacolo ai miei follower e poi il mio intero spettacolo dal vivo non ha nulla a che fare con l’essere francese e inglese, non è proprio quello che le persone stanno seguendo prima”, dice.

158342081

È abbastanza spaventoso sentirsi improvvisamente come se le persone ti stessero guardando

87415

La comica di TikTok Eleanor Morton

Alcuni di questi artisti amano il pubblico dal vivo e lottano con l’attenzione online, mentre altri pensano esattamente il contrario. Per Morton, la fama su Internet era più smascherata di quanto lo sarebbe mai stato l’esibizione a un pubblico. “Come comico sul palco, sei abbastanza abituato a fare lo spettacolo e poi sparisci nell’oscurità e basta. Ma quando sei online, è una presenza molto costante… È abbastanza spaventoso sentirsi improvvisamente come se le persone ti stessero guardando, il che so che suona strano detto da qualcuno che fa commedie, ma Internet sembra così grande, sai?”

Al contrario, Sugarcoated Sister’s Tabby sottolinea: “Una volta che pubblichiamo un video, è fatto, ed è là fuori e può crescere o meno – non c’è molto in gioco. Mentre avere il pubblico effettivamente nella stanza con noi, mantiene viva la performance perché diventa parte dell’interazione”.

Ma l’ultima domanda che divide le star della commedia di Internet è se si riferiscono a se stesse come tali al Fringe. L’elenco delle statistiche di visualizzazione sembra un po’ goffo, ma con più di 3,000 Altro atti con cui competere, devi trovare qualcosa che ti faccia risaltare. Nei volantini di Sugarcoated Sisters vedrai più riferimenti a TikTok (sono presenti anche negli annunci dell’app nel programma). Dopotutto, dice Chloe, “il nostro spettacolo è rivolto a persone che sono comunque utenti di TikTok”. Fosh, nel frattempo, dice che non vuole che la sua presenza su Internet sia il motivo per cui le persone acquistano i biglietti. “Voglio che il punto di forza sia che si tratta di un bello spettacolo, che è uno spettacolo divertente”, dice. “Non voglio pensare, ‘Oh, è il ragazzo di Internet.'”

Lee Brophy nel ruolo di Padre Lee

” data-gallery-length=”6″ height=”2908″ i-amphtml-layout=”responsive” layout=”responsive” on=”tap:inline -image-gallery,inline-image-carousel.goToSlide(index=5)” role=”button” src=”https://static.independent.co.uk/2022/000/28/14/Lee1 .png?quality=47&larghezza=982&altezza=726&auto=webp” tabindex=”0″ width=”2904″>

Lee Brophy nel ruolo di Padre Lee

()

I creatori di contenuti a voce alta come Jake e Logan Paul non hanno esattamente aiutato la reputazione di YouTube. E da quando Bo Burnham, un adolescente impavido di YouTube, è diventato il più giovane candidato in assoluto per l’Edinburgh Comedy Award in 2010, l’industria della commedia ha trattato comici di Internet con una certa trepidazione. Lo spettacolo di Burnham potrebbe essere stato un successo immediato, ma c’era ancora la sensazione che l’allora fiorente Internet fosse una scorciatoia. L’idea di risalire dal basso – o, come dice Fosh, “sgobbare e fare i club dei lavoratori a Knutsford alle 2 del mattino” – è ancora feticizzata e vista come la via “reale”.

Ma Brophy, che si era esibito in improvvisazione e stand-up molto prima di diventare grande su TikTok, sottolinea che durante la pandemia i social media erano “tutto ciò che avevamo”. “Alcune persone potrebbero sentirsi come se uno fosse più santo dell’altro per quanto riguarda la pura commedia”, suggerisce. Ma Burnham, uno dei primi pionieri del passaggio dall’essere divertente online all’essere una superstar dei fumetti IRL, illustra l’unica cosa che conta davvero alla fine: “Se sei divertente, sei divertente. È abbastanza semplice.”

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

frankie-boyle-difende-la-controversa-battuta-sullo-“stupro-e-omicidio”-di-holly-willoughby-[indipendente]

Frankie Boyle difende la controversa battuta sullo “stupro e omicidio” di Holly Willoughby [INDIPENDENTE]

questa-settimana-in-comedy:-“beavis-e-butt-head”-hanno-una-serie-riavviata-su-paramount-[thelaughbutton]

Questa settimana in Comedy: “Beavis e Butt-Head” hanno una serie riavviata su Paramount [THELAUGHBUTTON]