in , , ,

Leo Reich, Letteralmente chi se ne frega?!, recensione di Edinburgh Fringe: odioso, narcisista e impeccabilmente divertente [INDIPENDENTE]

leo-reich,-letteralmente-chi-se-ne-frega?!,-recensione-di-edinburgh-fringe:-odioso,-narcisista-e-impeccabilmente-divertente-[indipendente]

Sono a metà e la commedia di Leo Reich mi fa sentire vecchio. Sul palco, il bambino di un anno

è pieno di energia, drammatico e incredibilmente odioso, in bilico tra il totale disprezzo di sé e un’indicibile sicurezza mentre offre un’ora scintillante di debutto. Reich è decisamente la Generazione Z, essendo cresciuto online. Dice di aver visto per la prima volta la pornografia hardcore all’età di 9 anni e parla quasi interamente con parole d’ordine cliché di giustizia sociale sul “lavoro emotivo di sapere cose sulle cose”.

Narcisistico e fastidioso, giusto? Probabilmente è quello che Reich vuole che tu pensi. Letteralmente chi se ne frega? è uno spettacolo tutto su di lui: la sua infanzia, la sua identità di uomo bisessuale della generazione Z, il suo status di “fusto strappato”. È già preparato per l’inevitabile celebrità: legge dal pesante tomo che sarà il suo futuro libro di memorie e le sceneggiature del film che un giorno costituiranno un film biografico sulla sua vita.

Ma è il suo impeccabile tempismo comico e tasso di bavaglio sorprendentemente alto che impedisce alla commedia di essere effettivamente insopportabile. Ogni riga è una battuta a sé stante, il che significa che stai ancora vacillando dall’ultima quando la prossima ti colpisce. Le canzoni originali sono intervallate per consentire al pubblico di riprendere fiato e, sebbene non siano così divertenti come le sezioni parlate, consentono a Reich di mostrare la sua voce canora davvero impressionante. L’ultima canzone mi ricorda il numero di chiusura dello speciale Make Happy di Bo Burnham, se Burnham fosse considerevolmente più ossessionato da se stesso e dicesse cose come: “Sto investendo in un carbonio -terapista neutrale.”

Il privilegio di Reich è un tema ricorrente nello spettacolo. Potrebbe non menzionare esplicitamente il suo passato a Oxbridge (come molti comici di Fringe passati e presenti, è un ex membro di Footlights), ma fa costantemente riferimento al fatto che vive ancora senza affitto nell’elegante appartamento dei suoi genitori a ovest di Londra. Il suo status di classe è meno l’elefante nella stanza che l’elefante davvero loquace nella stanza delle persone ossessionate dall’idea di guardare gli elefanti.

Ma mentre il personaggio di Reich sul palco può essere sgradevole, è totalmente sbalorditivo per guarda. Va in giro con il cavo del microfono drappeggiato drammaticamente sulla spalla, vestito con un paio di pantaloncini corti abbinati a un ombretto drammatico e un top con la scritta “MISBHV”. Sospetto che parte del fascino derivi dal cercare di capire quanto di questo sia un atto che sta mettendo in scena per questo spettacolo e quanto sia il Reich nella vita reale. Potresti trovare irritante la sua ossessione per te stesso, ma farai fatica a distogliere lo sguardo. Dubito che questa sarà l’ultima volta che lo vedremo.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

i-comedy-poster-awards-annunciano-i-vincitori-del-2022-[commedia-britannica]

I Comedy Poster Awards annunciano i vincitori del 2022 [COMMEDIA BRITANNICA]

jerry-sadowitz-si-difende-esibendosi-sul-palco-dopo-la-cancellazione-di-uno-spettacolo-comico-“inaccettabile”-[indipendente]

Jerry Sadowitz si difende esibendosi sul palco dopo la cancellazione di uno spettacolo comico “inaccettabile” [INDIPENDENTE]