in , , ,

Recensione di Alan Partridge: Stratagemma alla O2 Arena a volte è terribilmente negativo [INDIPENDENTE]

recensione-di-alan-partridge:-stratagemma-alla-o2-arena-a-volte-e-terribilmente-negativo-[indipendente]

C’è sempre stato un po’ di mentalità cult che circonda Alan Partridge. Proprio come Monty Python prima, la creazione comica di Steve Coogan è perseguitata da una parata dei suoi più grandi successi, da slogan deliberatamente inquietanti (“Aha!”, “Smell my cheese” , etc) a bugbear ricorrenti o specifiche nevrosi della cultura pop. OK, “culto” è probabilmente una parola troppo forte, ma è giusto dire che Alan Partridge: Stratagem è arrivato per trovare la O2 London una cattedrale dei convertiti.

In Stratagem, Coogan schiera il suo odioso alter ego come una sorta di oratore motivazionale, sebbene questa premessa venga attaccata solo con il più sottile senso di convinzione. Esce sul palco per una versione rielaborata di “We Built This City” di Starship; questo poi prosegue in un misericordiosamente breve Hamilton riff. Da lì, intraprende una serie di scenette comiche, a volte coinvolgendo proiezioni video, a volte coinvolgendo guest star sul palco.

Una scenetta vede Alan viaggiare avanti e indietro nel tempo attraverso la “magia del teatro”, interagendo con versioni passate e future di se stesso. Un altro lo vede curiosare nella sua assistente, Lynn (Felicity Montagu), che è apparsa tramite un video preregistrato, provocando urla dal pubblico. E ci sono molti altri brani musicali, gli ultimi dei quali sembrano del tutto privi di risate.

Partridge è intrinsecamente un personaggio di basso rango e di basso rango che prospera di più nell’intimità senza glamour di una cabina radiofonica del North Norfolk (sulla serie Sky Mid-Morning Matters ) o nei dintorni di una piccola città di sono Alan Partridge . È sempre stata una lotta adattare il personaggio per un palcoscenico così grande, anche se Coogan ha già fatto qualcosa di simile, quando ha incluso il personaggio nel suo 2008 spettacolo teatrale Alan Partridge e Altri personaggi meno riusciti.

Ci sono forse 45 minuti di materiale divertente in Strategia – abbastanza per uno spettacolo di Edimburgo ma non abbastanza per un concerto in un’arena in due atti. Man mano che lo spettacolo va avanti, le battute sembrano sempre più ovvie: scarsi spunti sui personaggi dei media britannici; colpi pigri e innocui alla famiglia reale. Una gag sulla pubblicità di GoCompare sembra vecchia quasi quanto lo stesso Partridge.

Ma ancora, forse questo è il formato che va contro il materiale; molte battute simili in Mid Morning Matters vanno perfettamente bene. Forse ha a che fare con l’illusione della spontaneità. Qui, con Alan circondato da ballerini e davanti a 20,000 persone, non c’è proprio niente. Il pubblico è generalmente sottomesso verso la fine dello spettacolo; alcune battute non riescono completamente a provocare una reazione. Ci sono scenette intere che diventano strazianti da guardare.

Nelle sue numerose avventure televisive, non puoi fare a meno di compatire Partridge, un personaggio che, per sua stessa arroganza e inettitudine, è sempre il culo della barzelletta. Osservando il personaggio che si pavoneggia e canta davanti a uno stadio di tifosi esultanti, sospetti che la battuta possa essere stata tradotta perduta.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

kevin-hart-e-woody-harrleson-recitano-in-“the-man-from-toronto”-[thelaughbutton]

Kevin Hart e Woody Harrleson recitano in “The Man From Toronto” [THELAUGHBUTTON]

ricordando-il-leggendario-produttore/manager-george-shapiro-[thelaughbutton]

Ricordando il leggendario produttore/manager George Shapiro [THELAUGHBUTTON]