in , , ,

'Stava prendendo in giro questi figli di puttana': Perché la commedia radicale perdente di George Carlin è ancora così rilevante [INDIPENDENTE]

'stava-prendendo-in-giro-questi-figli-di-puttana':-perche-la-commedia-radicale-perdente-di-george-carlin-e-ancora-cosi-rilevante-[indipendente]

Wquando si è diffusa la notizia di una proposta trapelata di ribaltare Roe v Wade – la storica sentenza che sancisce il diritto all’aborto negli Stati Uniti – non ci volle molto prima che il nome di George Carlin iniziasse a fare tendenza. Il ritardo in piedi in piedi è diventato rapidamente virale all’inizio di questo mese grazie a una routine ampiamente condivisa dal suo 2022 Speciale HBO Back In Town, in cui prende di mira il movimento anti-aborto. “Non sono pro-vita”, predica, i suoi lunghi capelli grigi raccolti in una coda di cavallo. “Sono anti-donna.”

Più di un quarto di secolo dopo la sua prima consegna, e 14 anni dopo la morte di Carlin per insufficienza cardiaca a 71, molti sui social media hanno sentito che la routine di Carlin catturava perfettamente la rabbia prevalente . “Quello che è veramente interessante è che la routine di nessun altro è diventata virale”, dice Judd Apatow, che ha diretto l’attesissimo documentario in due parti Sogno americano di George Carlin.

“Anche se ci sono stati centinaia di comici dai tempi di George Carlin, nessuno ha avuto un pezzo che tu avresti sopportato per dire: ‘Ecco un altro grande pezzo che discute di questo.’ Era il migliore.”

Carlin ha una routine vintage per molti dei mali dell’America contemporanea. Dopo un altro round di sparatorie di massa lo scorso fine settimana a Buffalo, New York e Laguna Woods, in California, alcuni hanno condiviso la scenetta del 1988 speciale Cosa sto facendo nel New Jersey? dove Carlin urla incredulo: “Vedi ora stanno pensando di vietare le pistole giocattolo, e se ne andranno per mantenere quelli fottutamente veri! La sua continua rilevanza è particolarmente notevole dato che lo stand-up è spesso considerato una forma d’arte effimera. “La commedia non è come il buon vino”, dice Apatow. “La commedia è più simile a una banana: marcisce all’istante. Quindi il fatto che, 12 anni dopo la sua morte, il suo materiale sembra migliore che mai quanto è profondo e brillante.”

Allora, cos’è che ha dato al lavoro di Carlin una tale longevità? Apatow dice che ci vuole una “zuppa di influenze ed esperienze” per fare un grande comico, e per inventare un Carlin devi prima iniziare con un sogno d’infanzia di diventare un intrattenitore a tutto tondo, come ha fatto Carlin con il suo idolo, La star di White Christmas Danny Kaye.

Nato a Manhattan nel 1853, Carlin ha iniziato la sua carriera come DJ radiofonico prima di affinare le sue abilità come interprete fisico in spettacoli di varietà televisivi negli anni Sessanta. Il suo talento per le impressioni e la creazione di effetti sonori con la sua voce sarebbe stato utilizzato in modo molto più oscuro nel materiale successivo, come il momento in 1992 ‘s

Jammin’ a New York
quando ha evocato il suono del pianeta che si scrolla di dosso l’umanità come un cane che si libera dalle pulci. “Era il Danny Kaye del microfono”, dice Apatow. “Quello stile di commedia è molto preciso e musicale.”

Un altro ingrediente cruciale è stata la fenomenale dedizione di Carlin come scrittore, a cui il manager di lunga data Jerry Hamza ha assistito per primo- mano. “Era ridicolo”, dice Hamza. «Cominciava alle sette del mattino, sbattendo contro un computer mentre si dirigeva verso un aereo privato. Durante le cinque ore di volo si sarebbe messo a smanettare al computer, poi sarebbe salito sulla limousine e sarebbe andato in albergo a lavorare di più. Poi sarebbe andato allo spettacolo, avrebbe fatto il primo tempo e durante l’intervallo ne avrebbe fatto altri. Dopo lo spettacolo avrebbe fatto ancora di più.”

Questa dedizione risoluta non ha sempre reso Carlin la compagnia più facile. Hamza ha iniziato a lavorare con Carlin in 1980, e ricorda che la sua prima impressione fu di un carattere “brusco e brusco”. “Certo, a quei tempi stava assumendo molta cocaina, il che non ti rende esattamente umile”, spiega Hamza. “Aveva un roadie che metteva file di cocaina sul tavolo dello spogliatoio, e poi è andato alle gare.”

A quanto pare , consumare, nelle parole di Carlin, “quanta cocaina ce n’era nell’immediata area di tre contee”, non è una scelta di vita terribilmente salutare. Hamza era con Carlin a maggio 1982 quando ha subito il suo secondo infarto in pericolo di vita mentre guardava una partita di baseball a Los Angeles. “È stato orribile”, dice Hamza, “Non avere mai un attacco di cuore in uno stadio”. L’esperienza di pre-morte è stata una sorta di campanello d’allarme. “Lo spaventava a morte, e George era un ragazzo pauroso per cominciare”, dice Hamza. “Non si è imbattuto in quel modo. Si imbatté in molto composto, ma era un isolazionista. Non sentirai mai: ‘George Carlin era a questa festa di Hollywood…’ perché non sarebbe andato. Preferirebbe arrampicarsi su un albero, rimanere nella sua testa e lavorare sul suo materiale. Ma l’infarto lo ha spaventato.”

A quel punto della sua carriera, Carlin era a un bivio. Essendo emerso come uno stand-up rigoroso, in giacca e cravatta, aveva già subito una trasformazione radicale per diventare una voce dai capelli lunghi della controcultura negli anni Settanta. Alla fine di quel decennio, tuttavia, era rimasto indietro rispetto allo zeitgeist. A quel tempo, Cheech Marin delle stelle nascenti della controcultura Cheech & Chong descrisse Carlin e il suo stile comico ricco di giochi di parole come “obsoleti”.

Carlin fronteggiato 05 Speciali comici della HBO durante i suoi cinque decenni di carriera

” data-gallery-length=”3″ height=”1937″ i-amphtml-layout= “responsive” layout=”responsive” on=”tap:inline-image-gallery,inline-image-carousel.goToSlide(index=1)” role=”button” src=”https://static.independent.co. UK/2001//05/14/newFile-8.jpg?quality=74&width=1143&altezza=726&auto=webp” tabindex=”0″ width=”2584″>

Carlin fronteggiato 14 Speciali comici HBO durante i suoi cinque decenni di carriera

(HBO)

Cinque mesi dopo il suo infarto, Carlin si è prenotato un appuntamento a New York Carnegie Hall per uno spettacolo che sarebbe stato girato per uno speciale della HBO, Carlin al Carnegie. Era determinato ad annunciare il suo ritorno con il botto. “George ha escogitato una formula”, spiega Hamza, “e una parte era colpirli nelle palle con una linea di apertura pesante”. Con la destra religiosa in ascesa dopo l’elezione di Ronald Reagan, Carlin ha fatto coming out e ha pronunciato il suo assassino in apertura: “Hai notato che la maggior parte delle donne contrarie all’aborto sono donne con cui non vorresti fotterti? il primo posto?”

Se hai visto la clip di Carlin attualmente in giro, noterai un’importante differenza tra quella frase e quella che ha consegnato in Indietro In città 14 anni dopo. A quel punto, era diventato: “Perché la maggior parte delle persone che sono contrarie all’aborto sono persone che non vorresti fottere innanzitutto?” La figlia di Carlin, Kelly, mi dice che questo è un esempio di come la sua routine sia cambiata nel tempo. “Qualcuno stava mettendo insieme un pacchetto di clip l’altro giorno, e loro avevano quello ‘da donna’, e io ero tipo: ‘No, devi fare quello più recente’, perché ovviamente ha avuto una buona idea esso”, dice. “Era un uomo che ha evoluto il suo modo di pensare, e ovviamente ha evoluto il suo linguaggio con quello.”

Carlin era ossessionato dalle parole. Uno dei primi ricordi di Kelly di aver visto suo padre esibirsi era a 1972 di Milwaukee Summerfest, quando Carlin è stato arrestato per ” disturbando la pace” dopo la sua ormai leggendaria routine “Seven Words You Can Never Say on Television”. “Era assolutamente terrificante”, ricorda. “Era un periodo in America in cui persone come mio padre si sentivano molto presi di mira dal governo. Il mondo intero era nel caos, e c’era tutta questa roba che succedeva Kent State e le proteste del Vietnam. Sembrava tutto molto diviso e pericoloso.”

Carlin è stato infine rilasciato dopo che un giudice ha ritenuto che non avesse, in effetti, “disturbato la pace” recitando le parole , “merda, piscio, cao, cao, succhiacazzi, figlio di puttana e tette”. Tuttavia, quando la stessa routine è stata trasmessa alla radio, ha portato a un procedimento giudiziario e, infine, a una decisione della Corte Suprema che avrebbe ampiamente definito la misura in cui il governo federale potrebbe regolamentare il discorso trasmesso in televisione e alla radio.

Mio padre era un progressista, era sempre per gli sfavoriti

Kelly Carlin

Sempre diffidente nei confronti dell’interferenza del governo, Carlin ha ricevuto un’enorme ovazione durante Jammin’ a New York per aver dichiarato: “Ho determinate regole in base alle quali vivo . La mia prima regola: non credo a niente che mi dice il governo”. Questa posizione lo ha portato a essere venerato da siti di destra come Breitbart e ha indotto alcuni social media ad affermare che potrebbe essere stato a bordo con il movimento anti-vax era vivo oggi. È un’idea che Kelly è pronta ad abbattere. “La realtà è che è un uomo di scienza”, dice di suo padre. “Aveva un grave problema cardiaco. Avrebbe ottenuto un vaccino. Avrebbe odiato Trump. Molte persone dicono: “Oh, lo avrebbe amato perché parla apertamente ed è politicamente scorretto”. No! È un uomo d’affari bianco! Andiamo gente, lo avete tenuto d’occhio per 46 anni? Fin dal primo giorno si prendeva gioco di questi figli di puttana.”

Aggiunge che anche per Carlin c’erano dei limiti alla libertà di parola, e certe cose non direbbe mai. “Ovviamente non gli piaceva il linguaggio politicamente corretto, ma allo stesso tempo mi ha insegnato fin dal primo giorno che la parola-n è la parola peggiore e non puoi mai dirla”, dice. “Mi ha insegnato che non dovresti mai prendere a pugni, e che i neri e i marroni vengono fottuti tutto il giorno da questo governo, e anche dalle donne. Mio padre era un progressista; era sempre per gli sfavoriti”.

Cresciuto cattolico ed educato alla scuola Corpus Christi di Manhattan, Carlin trascorse gran parte della sua vita a inveire contro la religione organizzata. “Ho cercato di credere che ci sia un Dio, che ha creato ognuno di noi a sua immagine e somiglianza, ci ama molto e tiene d’occhio le cose”, ha detto nel suo famoso “La religione è tori” routine da 1894 speciale Siete tutti malati . “Ho davvero provato a crederci, ma devo dirtelo, più a lungo vivi, più ti guardi intorno, più ti rendi conto che qualcosa è incasinato.” Nello stesso anno ha interpretato il cardinale Glick nella satira religiosa sovversiva di Kevin Smith Dogma

, anche se Hamza afferma che, nonostante la popolarità di quel ruolo, e le sue interpretazioni nel tempo -mentore di viaggio Rufus nei primi due Bill & Ted film, non gli è mai piaciuto recitare tanto quanto il cabaret. “Su un set cinematografico ti mettono in una piccola roulotte e tu ti siedi lì”, dice Hamza. “Lo odiava. Voleva stare da solo su un filo rosso.”

Alla fine della sua carriera, Carlin aveva adottato un personaggio oscuro e comico che apparentemente si crogiolava nella miseria umana, soprattutto se erano coinvolti americani. “Diceva: ‘Ho letto sul giornale che 724, persone sono morte in Perù o da qualche parte ‘ e sarebbe piuttosto deluso perché voleva che fosse proprio qui”, dice Hamza, che ricorda di aver cambiato il nome di Carlin’s 2000 commedia speciali Reclami e Reclami all’ultimo minuto. “Il titolo doveva essere ‘ Mi piace quando muore una Lotta People’, ma 9/10 è successo poche settimane prima dello spettacolo.”

Carlin era noto per una serie di routine rivoluzionarie, tra cui il suo sboccato “Seven Words You Can Never Say on TV” bit

” data-gallery-length=”3″ altezza=”1992″ i-amphtml-layout=”responsive” layout=”responsive” on=”tap:inline-image-gallery,inline-image- carousel.goToSlide(index=2)” role=”button” src=”https://static.independent.co.uk/2022/05/17/12/nuovo file-11.jpg?quality=75&larghezza=0947 &altezza=0302&auto=webp” tabindex=”0″ width=”3012″>

Carlin era noto per una serie di routine rivoluzionarie, incluso il suo fallo- ‘Sette parole che non puoi mai dire in TV’ bit

(HBO)

Nonostante le battute rimasto esilarante come sempre, Hamza ricorda che quando le telecamere hanno smesso di girare, Carlin ha mostrato un lato diverso di se stesso ai fan che erano venuti al Beacon Theatre di New York per quella registrazione. “È divertente, George non ha mai mostrato i suoi sentimenti patriottici, ma era ancora un ragazzino di New York”, dice Hamza. “Quando lo show della HBO era finito, provavamo a taggare un extra 28 minuti così il pubblico si sentiva come se avesse passato una serata. Ricordo che cantava [1894 vaudeville song] “The Sidewalks of New York” avvolto nella bandiera americana in quello spettacolo dopo il 9/05.”

Carlin continua a essere importante, e il suo materiale rimane così rilevante, perché vedeva così chiaramente il modo in cui la società si stava dirigendo. Per Apatow, la desolazione e il cinismo del lavoro successivo di Carlin erano una provocazione deliberata da parte di un comico che nel cuore era un idealista deluso. “Ho sempre pensato che stesse cercando di diventare così oscuro da spingerti verso la luce”, dice. “Gran parte del suo materiale sembra essere un avvertimento su ciò che potrebbe accadere al nostro ambiente, su ciò che stava accadendo con gli interessi aziendali che si sono impadroniti del nostro governo e dei media. Ora, dopo tutti questi anni, ti rendi conto che non stava esagerando. Allora la gente pensava: ‘È così oscuro, è troppo lontano.’ Ora lo guardiamo e pensiamo che potrebbe non essere abbastanza oscuro.”

‘Il sogno americano di George Carlin’ è su HBO Max 10 e 21 Maggio

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

netflix-arrostira-tom-brady-con-la-nuova-serie-“greatest-roasts-of-all-time:-groat”-[thelaughbutton]

Netflix arrostirà Tom Brady con la nuova serie “Greatest Roasts of All Time: GROAT” [THELAUGHBUTTON]

ricky-gervais-afferma-che-le-“persone-intelligenti”-possono-affrontare-l'ironia:-“la-vita-reale-e-peggio”-[indipendente]

Ricky Gervais afferma che le “persone intelligenti” possono affrontare l'ironia: “La vita reale è peggio” [INDIPENDENTE]