in , , , , ,

Fortune Feimster torna in tour con “2 Sweet 2 Salty” [THELAUGHBUTTON]

fortune-feimster-torna-in-tour-con-“2-sweet-2-salty”-[thelaughbutton]

Potrebbe essere passato un anno e mezzo dallo speciale dell’ora del suo debutto Dolce e salato è stato presentato in anteprima, ma lo slancio della carriera di Fortune Feimster non ha rallentato di una virgola.

Anzi. L’anno scorso, era in programma di uscire per un enorme tour, sulla scia del suo speciale Netflix uscito lo scorso gennaio. Il tour doveva partire a metà marzo al Gilda’s Laugh Fest, ma sappiamo tutti cosa è successo dopo. E ora, un anno e mezzo dopo, è tornata in tournée con un’ora tutta nuova nel suo 2 Sweet 2 Salty tour. E mentre sta facendo il grande salto dai club ai teatri, la sua fedele base di fan non solo l’ha seguita, ma sta anche vendendo il tour.

Oltre ai tour, Feimster è anche impegnato davanti alla telecamera. Ha appena concluso le riprese della seconda stagione di Kenan, che debutterà con la sua seconda stagione alla fine di questo mese. È anche apparsa in spettacoli recenti come Nora From Queens, Q-Force, e il riavvio Paramount+ di iCarly. E si spera che tutto il successo davanti alla telecamera possa portare alla fine a trovare Fortune Feimster come headliner del suo progetto, qualcosa che vorrebbe anche che fosse il prossimo passo nella sua carriera.

Di recente abbiamo parlato con Fortune del suo nuovo tour, facendo il salto nei cinema, come è stato il pubblico dopo il COVID, le riprese del suo speciale dell’ora di debutto nella sua città natale, la seconda stagione di Kenan, e cosa vorrebbe fare dopo.

L’anno scorso hai presentato in anteprima il tuo speciale a gennaio. E hai accumulato tutto questo slancio per un tour il mese successivo. Com’è stata l’esperienza passare dall’avere pianificato questo grande tour alla pandemia per tornare di nuovo sulla strada? È stato un vortice perché era la mia prima ora speciale. Ho avuto due mezze ore. Ed ero così eccitato perché questa era la prima opportunità di condividere davvero la mia storia, mostrare alle persone chi sono. E sono un po’ noto per essere apparso nelle scene, negli spettacoli televisivi, nei film. E questo è stato come me per un’ora intera. Quindi pubblichi qualcosa del genere e speri che la gente lo guardi.

Quindi è uscito a fine gennaio del 2020. E subito mi è sembrato che le persone lo apprezzassero davvero e stavo ricevendo molti feedback. Non ero per strada. Mi stavo prendendo quel tempo libero per sviluppare una nuova ora. Quindi abbiamo messo in vendita un tour ed è andato a ruba. Era quel passo che i fumetti sperano di fare dai comedy club ai teatri. Finalmente eravamo al cinema. Ero così eccitato. Era come “Oh mio Dio. Questo è. Questo è quello che stavi sognando!”
Sono stato in tournée per l’ultimo 11 anni. E il mio primo spettacolo penso che dovrebbe essere marzo th o marzo 10th. Non avevo eseguito quasi nessuno spettacolo una volta uscito lo speciale. Quindi non vedevo le persone di persona, quindi pensavo “Io penso che le persone lo stiano guardando. Sembra proprio perché stiamo vendendo questi biglietti”. Ma non ero stato in giro per piacere davvero sentire alcun feedback.

E poi è come “Il tour inizia a marzo 10ns.” Avevo le valigie pronte per andare a Grand Rapids. E ricordo di aver filmato l’ultimo Lights Out spettacolo di David Spade. Ero all’ultimo con Nikki Glaser. E lei aveva già iniziato il suo tour, perché il suo speciale è uscito qualche mese prima del mio. E lei era tipo “È così divertente! Lo adorerai!” E quella notte a mezzanotte, sono come “Non vai da nessuna parte”. (Ride). E col senno di poi, ridiamo perché è come “riprogrammarli tra un mese. Avremo questi spettacoli tra un mese da oggi”. Penso che abbiamo riprogrammato alcuni di quegli spettacoli tre volte.

Quindi chi sapeva che sarebbe passato un anno e mezzo dopo che finalmente avremmo fatto gli spettacoli. E ovviamente dici “E se le persone non vengono? E se questo avesse cambiato la commedia per sempre?” Non sai davvero cosa succederà. Ma sono stato davvero fortunato che abbiamo ripreso subito il tour e che le persone sono venute fuori e gli spettacoli sono stati fantastici.

Come descriveresti la risposta al tour dopo tutto questo tempo? È stato incredibile. Ancora una volta, non ho avuto modo di sperimentare l’effetto residuo di Dolce e salato un anno e mezzo fa, quindi è stato molto prolungato per me. Ma penso che in generale, il pubblico sia così grato di essere uscito. Siamo così grati di essere di nuovo intorno alle persone, siamo così grati di avere un’esperienza di intrattenimento dal vivo. E l’ho sentito su tutta la linea da molti fumetti. Il pubblico è così pompato che rende i migliori spettacoli comici.

Questo è uno dei migliori tour a cui ho partecipato nella mia carriera. Ho avuto spettacoli adorabili durante la mia carriera e un pubblico adorabile. Ma penso che uscendo da un anno e mezzo di oscurità, questa pazza pandemia, c’è questa luce che risplende con questo pubblico di solo “Bring it! Sono pronto a ridere. Sono pronto a sentirmi sciocco”. Quindi la risposta è stata travolgente. Voglio dire, è incredibile. E la paura era che la gente fosse troppo timida per venire agli spettacoli, ma la gente si è presentata. Abbiamo aggiunto quattro spettacoli ad Atlanta, quattro spettacoli a Portland, secondi spettacoli a Denver, Seattle. Dappertutto. Più spettacoli a Dallas. È come se vendessimo i biglietti in un modo che non avevo mai sperimentato prima. Quindi sono davvero grato che le persone abbiano tenuto i biglietti per un anno e mezzo e che si siano presentate persone che mi hanno appena scoperto. È davvero una sensazione incredibile.

E visto che è passato un anno e mezzo, quanto cambia il tuo set? Viene rielaborato? C’è roba nuova? Sì. Avevo un nuovo set pronto per l’uso, ma probabilmente era come 18 minuti, però. Quindi stavo per fare alcune cose da Dolce e salato e poi 98 minuti di cose nuove. Ma poi una volta che ho avuto un anno e mezzo a casa, l’ho cambiato molto. E ora ho un’ora completamente nuova. Parte di questo è rimasto da quello che sarebbe stato lì un anno e mezzo fa, ma la maggior parte è nuova.

Per la prima volta in un anno e mezzo, ero a casa. E da allora non ero stato molto a casa 2010. Oltre ai progetti di recitazione e alle riprese, ero sempre in tournée nei club. E quindi sì. Ho finalmente avuto il tempo di sedermi lì e pensare a ciò di cui volevo parlare. Sono stato ispirato. Come se potessi sentire la mia creatività tornare. La mia voce era molto più chiara di quella di un anno e mezzo fa.

E mi piace l’idea che ci sia materiale che ora non andrai mai in tour. Materiale che è appena andato per sempre.
Sì. Voglio dire, non molto. Ma solo cose in cui eri tipo “Allora non funzionava davvero. E non so davvero se funzionerà”. E quindi devi solo sentire con cosa risuona il pubblico e cosa no e come. Ma penso che Dolce e salato mi abbia aiutato ad affinare la mia voce. Mi ha aiutato ad affinare il mio modo di raccontare storie. E lo sento in questo set. Come se fosse un set completamente diverso. Ma lo stile si è inserito di più.

Ha perfettamente senso. Quindi pensi che quell’anno e mezzo di sconto abbia effettivamente aiutato a migliorare il tuo stand-up, anche quando non ti esibivi.
Sì, di sicuro. Ho sempre avuto un nucleo di persone che mi hanno seguito nella mia carriera. Mi hanno trovato a Last Comic Standing o Chelsea Lately. E si sono presentati agli spettacoli negli ultimi dieci anni. Dolce e salato ha davvero aperto la porta in modo molto più ampio in un modo che non avevo mai sperimentato con il mio stand-up. Quindi questo ha dato il tono a quello che è il mio stile e qual è la mia narrazione. Quindi, quando le persone vengono ai miei spettacoli, sanno cosa vedranno. Non sanno quali saranno le battute o quali saranno le storie, ma ora conoscono me e il mio stile. E mi sento come se questo fosse cementato con Dolce e salato .

E questo è l’urto di Netflix. Una volta che sei lì, hai questa esposizione molto più ampia.
Penso che sia solo questo raggiungere che ha. Ha questo tipo di portata che altri posti non hanno, in quanto è mondiale. Ho pubblicato roba prima con altri punti vendita, ma non è mondiale. Quindi hai un pubblico in quel modo. E penso, poiché eravamo in una pandemia, che molte persone l’abbiano trovata in quel periodo a casa. L’avrebbero trovato altrimenti? Non lo so. È difficile da dire. Ma penso che essere bloccati a casa ed essere affamati di contenuti – e certamente le persone che volevano la commedia e volevano ridere – hanno aiutato anche le persone a trovarlo in quel modo. Quindi quello era – se c’è un bonus – un bonus che avevo a disposizione per le persone da guardare mentre erano a casa.

E a proposito di Netflix, l’anno scorso mi hanno mandato una scatola con dentro un pulsante dove parlavi di come quando lo premi mangi il gelato e balli.
(Ride). Oh esilarante. Hai il pulsante del gelato finale.

Quante volte le persone vengono a offrirti il ​​gelato dopo che hai fatto le danze del gelato ?
Mi hanno mandato un sacco di gelato. Ed è stata una cosa fantastica da fare con Ben & Jerry’s. Aparna, Wanda e io abbiamo girato per loro questi divertenti spot pubblicitari l’anno scorso per il loro gelato. È stata ovviamente una buona collaborazione per me perché negli ultimi anni, quando stavo andando in tour, andavo nelle gelaterie locali e facevo come una stupida danza del gelato. Quindi è diventato sinonimo di città in cui andavo per gli spettacoli. Eppure le persone sono come “Devi andare in questa gelateria!” Sono molto orgogliosi di qualunque sia il loro gelato locale. Vogliono condividerlo con me. Vogliono che vada a vedere se questo mi ispira ad andare.

Non sono andato in così tanti posti perché, in questo tour, andremo di città in città contro club, dove stai in una città per tre giorni. Entro e esco così velocemente che non ho avuto modo di godermi così tanto gelato! È difficile trovare un gelato a tarda notte. Ma ho fatto uno spettacolo a Cincinnati e Matteo Lane ha aperto per me. E la gelateria lì, Grater’s, è rimasta aperta fino a 17, il che è insolito. E abbiamo preso il gelato dopo lo spettacolo.

E passando al tuo speciale dell’anno scorso, Sweet & Salty, l’hai girato a Charolette, da dove vieni. Com’è stata quell’esperienza? È stato un grande ritorno a casa? Sapevi che dovevi filmarlo lì?
Volevo davvero filmarlo lì, perché inizialmente non avevo intenzione di raccontare una storia molto biografica. Non si è allineato in quel modo. Ma poi, più ho continuato a lavorare su quel set, tutte queste storie personali hanno continuato a venire alla ribalta. E mi sono reso conto che la linea temporale era molto simile all’infanzia – al liceo – all’università – il trasferimento a Los Angeles. Era tutto molto succinto nella linea temporale. E io ero tipo “Oh, questa è come la mia vita. Questa è come la storia della mia vita”. E alla base c’era crescere in North Carolina, senza sapere chi fossi, cercando di capirlo, facendo errori, imparando da quegli errori. Quindi sembrava avere senso farlo di nuovo affinare. Sapevo che molte di queste persone conoscevano il mio viaggio e hanno osservato questo viaggio dall’inizio della mia vita. Quindi mi è sembrato che il cerchio si chiudesse per essere in grado di dire “Ti racconterò storie su come non avevo idea di chi fossi”. E non che io sia un adulto completamente formato, ci stiamo ancora evolvendo, lo sai. Ma ora sono quasi al completo a raccontare queste storie ora che ho un’idea molto migliore di chi sono. Facciamolo in North Carolina, nel sud, in una fottuta chiesa/teatro. Sembrava avere senso per questo set che stavo facendo.

La folla della città natale, però. Era così turbolento. Erano così carichi al punto che dovevo dire “Voi ragazzi. Lo sto filmando! Fammi superare la battuta finale”. Ma c’era così tanto amore che stava venendo fuori. È stato davvero incredibile. B Inoltre, non rovinare il suono perché dobbiamo registrarlo.

Presumo che il pubblico fosse anche pieno della tua famiglia.
Sì. È stata una cosa fantastica poter mostrare alla mia famiglia quella parte della mia attività. Sono stato a Los Angeles per 18 anni. Non escono molto. Non vedono quella parte della mia vita, come girare, recitare ed essere nel business. Vengono ai miei spettacoli, sai, quando faccio lo stand-up. Quindi, per mostrare loro questa fantastica produzione con la troupe cinematografica e come funziona dietro le quinte, penso che sia stato davvero bello da vedere.

Saltando un po’. Sei apparso in così tanti film e programmi TV negli ultimi anni. Recitare è stato qualcosa che ti ha sempre interessato e che hai deciso di fare? O è successo organicamente? La mia recitazione era molto simultanea con lo stand-up. Mi sono allenato con The Groundlings per 6 o 7 anni. Ho fatto la loro compagnia domenicale per un anno e mezzo. Ho provato due volte, due estati di fila, per SNL. Al centro dello sketch comico c’è la recitazione. Questo è quello che è. È una forma di recitazione con la commedia in prima linea. Quindi ho sempre amato recitare e ho sempre voluto recitare. È solo che le persone mi hanno scoperto solo prima attraverso Last Comic Standing, che è ovviamente noto per gli stand-up, e poi Chelsea Ultimamente, che era più una tavola rotonda, una specie di cosa a tarda notte. Ho fatto un sacco di schizzi lì, quindi la gente ha visto quella parte di me. Ma poiché sono stato lì per tre o quattro anni, non sono stato in grado di recitare molto.

Quindi, non appena ho lasciato Chelsea , ho davvero amplificato la recitazione. Ho provato per un pilota di Tina Fey che ho prenotato e sono quasi andato e poi non è andato. E poi ho fatto il mio pilota con Tina Fey che abbiamo girato ma non siamo andati. Ero così vicino ad essere là fuori come attore. Stavo ottenendo tutte queste fantastiche opportunità dietro le quinte, ma nessuno le stava ancora vedendo. Non è stato fino a The Mindy Project in cui la mia recitazione è diventata davvero in prima linea. E questo perché finalmente ho avuto modo di essere in uno show come regolare della serie. E ho imparato un sacco. La mia recitazione è cresciuta solo facendo quello spettacolo. Quindi, dopo che ho fatto quello spettacolo, ha davvero iniziato ad aprire molto di più le porte della recitazione. Ed è stato allora che ho iniziato a filmare molti più guest spot e ad apparire in film e simili.

E quindi, per me, la recitazione è importante quanto lo stand-up. È una cosa che prendo molto sul serio. Ma è solo che lo stand-up è in prima linea e talvolta la recitazione è in prima linea. Non sai mai quale sarà il tipo di cosa che è il punto focale. Ma fanno sempre parte della mia vita.

Lo amo. Ma posso immaginare che bilanciare entrambi a volte possa rendere le cose frenetiche se accadono contemporaneamente.
Sì, il mio programma è piuttosto pazzo. Soprattutto questo autunno, ho iniziato il mio tour, che mi stavo preparando a fare. E poi girare la seconda stagione di Kenan, che amo e amo lui. Pianifico il mio tour fondamentalmente da giovedì a sabato o da venerdì a domenica sapendo che devo tornare a Los Angeles per filmare durante la settimana. Normalmente stai facendo l’uno o l’altro. Ma lo amo. Per me va benissimo così. Quindi, se devo tornare a Los Angeles per filmare, cavolo, è un bel problema da avere.

Ma mi piace far andare avanti entrambe le cose. Vedo molto il valore di entrambi, perché mostrano un lato completamente diverso di te. Non posso mostrare quello che mostro in stand-up nella recitazione e viceversa. Quindi mi piace che i due esistano insieme. E cerco sempre di trovare il tempo per entrambi ogni volta che posso.

Immagino il programma per uno spettacolo come Kenan deve essere stato progettato specificamente per essere fatto in quel modo, perché anche gli altri due co-protagonisti Kenan Thompson e Chris Redd hanno un programma simile in cui devono essere sulla costa orientale per i fine settimana.
Sì, i loro orari sono altrettanto folli di dover volare avanti e indietro a New York ogni fine settimana. Quindi eravamo tutti sugli aerei il venerdì e la domenica che volavano avanti e indietro. Ma ce l’abbiamo fatta! Abbiamo terminato la seconda stagione e sta per uscire… Penso che la prima sia a metà dicembre e poi il resto riprenderà all’inizio di gennaio.

È così divertente. Amo quel personaggio. Adoro recitare. E spero di continuare a fare di più. Il mio prossimo obiettivo, ovviamente, è cercare di essere una parte più grande di un film. Ho scritto i miei film. E spero che a un certo punto avrò l’opportunità di filmare uno di quelli, in cui il mio personaggio è più parte della trama e più parte dell’intero film. È davvero lì che voglio andare avanti con la recitazione. Arrivare a portare una trama.

Spero che tu riesca a farlo!
Sì, lo spero. Tutto quello che posso fare è lavorare sodo e sperare che alcune di queste opportunità si concretizzino. Penso che il bello dello stand-up sia che posso dire, senza dubbio, “Ehi, guarda questo pubblico. Penso che qualcosa risuoni con loro quando si tratta di me o della mia commedia. Quindi penso che lo apprezzerebbero anche in un film”.

Perché penso che l’industria fosse in qualche modo impostata su attori o intrattenitori che dovevano apparire in un certo modo o essere in un certo modo. E penso che stand-up stia mostrando che le persone vogliono una persona che si possa riconoscere. Non hanno necessariamente bisogno che tutti assomiglino a una super modella. È fantastico e c’è una corsia per questo. Ma anche le persone vogliono persone divertenti, persone che si relazionano. Ci sono molte caselle diverse che possono essere selezionate. E una persona nell’industria dell’intrattenimento non deve adattarsi a un certo modello, se questo ha senso.

Assolutamente sì. E ora passerò a un’altra abilità che hai, ovvero come intervistatore. Oltre a condurre uno spettacolo su Sirius con Tom Papa, hai anche iniziato come giornalista. Raccontami di come hai intervistato le celebrità. Era qualcosa che era di nuovo organico o qualcosa su cui dovevi lavorare?
Sì. Sono stato giornalista per sette anni, che era il mio lavoro diurno mentre di notte mi dedicavo alla commedia. E sì, che bel lavoro diurno è stato. Devo andare a molti eventi a Los Angeles. Ho intervistato tonnellate di attori, registi e scrittori. Era questa educazione del business. Sono stato intrattenimento adiacente per sette anni mentre facevo Groundlings di notte. Quindi ho imparato così tanto sul business in quel modo. E in qualche modo mi ha aiutato con l’abilità di imparare a intervistare le persone.

Non l’avevo mai fatto prima. Non avevo mai frequentato un corso di giornalismo. Mi è capitato di essere in grado di scrivere. E mi hanno assunto perché dicevano “Abbiamo sentito che sapevi scrivere”. Così mi hanno lanciato un registratore in mano, e mentre parlo nel mio speciale, la mia prima intervista è stata Will Smith per Bad Boys II . E tu dici “Aspetta! Non so cosa sto facendo”. Quindi è stata una vera e propria prova del fuoco.

Ma non mi rendevo conto che l’abilità alla fine sarebbe tornata al punto di partenza, come nello show del Chelsea. Era tutta cultura pop e scrivere battute per questo. Ed era come “Oh! Ho avuto a che fare con questo negli ultimi 7 anni.” E poi ora che sto facendo un programma radiofonico per Netflix su Sirius XM dove sto intervistando di nuovo le persone. Non avrei mai pensato che una parte della mia vita sarebbe tornata indietro. Quindi sì, mi ha sicuramente aiutato a parlare con le persone. Perché il lavoro che ho fatto per sette anni non è mai stato pettegolezzo. Era come “A cosa stai lavorando? Parlami del tuo progetto! Come hai iniziato?” È stato sempre conoscere le persone come performer. Ed è quello che stiamo per fare anche nello show di Netflix.

E infine, a parte forse recitare nel tuo film o spettacolo, c’è qualcos’altro che speri di realizzare in futuro nella tua carriera?

Ci sono un paio di cose che voglio realizzare alla fine. Voglio scrivere un libro prima o poi. Ho anni di esperienza professionale come scrittore che non ho Non credo che molte persone lo sappiano. 7 anni come giornalista di intrattenimento, 4 anni come scrittore su Chelsea Ultimamente, ho venduto 3 film, 2 programmi televisivi e il mio stand-up è stato scritto da me. Sicuramente non so se le persone hanno familiarità con quel lato di me. Quindi penso che un libro sarebbe davvero bello da fare ad un certo punto.

E poi penso che ad un certo punto sarebbe bello fare una piccola corsa come a Broadway o off-Broadway tipo di spettacolo. Penso che sarebbe bello fare di nuovo un tipo di situazione di teatro dal vivo. L’ho fatto al college e da allora mi sono dilettato con il teatro dal vivo. Ma sarebbe bello tornare su questo ad un certo punto.

Qualcosa come un tipo Birbiglia di uno spettacolo femminile?
Sì. O anche in un ruolo da attore. Una specie di musical o qualcosa del genere.

I biglietti per il tour di Fortune possono essere trovati qui.

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

il-comico-musulmano-perseguitato-da-attivisti-indu-di-destra-in-india-lascia-il-palco:-“ho-finito”-[indipendente]

Il comico musulmano perseguitato da attivisti indù di destra in India lascia il palco: “Ho finito” [INDIPENDENTE]

jon-richardson-e-lucy-beaumont-condurranno-il-pigiama-party-di-channel-4-[commedia-britannica]

Jon Richardson e Lucy Beaumont condurranno il pigiama party di Channel 4 [COMMEDIA BRITANNICA]