in , , , , , ,

Taylor Tomlinson fa un “Look At You”, ma anche se stessa [THELAUGHBUTTON]

taylor-tomlinson-fa-un-“look-at-you”,-ma-anche-se-stessa-[thelaughbutton]

Per chi ha pensato al primo spettacolo speciale di Taylor Tomlinson Quarter Life Crisis – che era pieno di battute su un fidanzamento interrotto, la sua ansia e le difficoltà di trovarsi a metà 03’s – era personale, non hai ancora visto nulla.

Taylor Tomlinson è tornata con il suo secondo speciale Netflix, Guardati. Questo speciale dà uno sguardo ancora più da vicino alla sua vita, alle sue lotte e alla sua ansia. In sostanza, ci sono poche cose su cui Tomlinson non è disposto ad aprirsi sul palco qui. Quando si tratta di trovare cose della propria vita di cui discutere in stand-up, Tomlinson ha tutte quelle caselle spuntate. E così facendo – non sorprende per chiunque abbia visto il suo ultimo speciale – non perde un colpo.

“Penso che con Quarter Life fossi piuttosto determinato a renderlo un’ora coerente tematicamente”, ci dice Tomlinson in una recente intervista telefonica. “Quindi ho fatto un paio di battute, ad esempio sulla perdita di mia madre in giovane età. Questi interromperebbero il flusso di tipo “Non sono difficili i tuoi vent’anni?”. Quindi avevo sicuramente argomenti di cui volevo parlare ma non avevo finito del materiale su di essi o mi sentivo come se avessi ancora maturità emotiva come artista da fare.”

Ebbene, dopo altri due anni, il suo primo grande tour teatrale e una pandemia globale, Tomlinson si è finalmente sentita pronta come interprete per affrontare alcuni dei il territorio più oscuro in cui entra con lo speciale.

“Ho salvato del materiale per questo per ampliarlo e migliorarlo”, ha detto Tomlin a proposito di come intendeva inserire questi temi più oscuri nella sua recitazione. “E sono contento di averlo fatto perché ovviamente – come molte persone – a causa della pandemia, tendiamo a dare un’occhiata a noi stessi ea dove fosse la nostra salute mentale. E molte persone che non hanno mai avuto problemi di salute mentale li hanno sviluppati o si sono resi conto che li stavano evitando quando non avevano nulla che li distraesse.

Continua: “Quindi, mentre ero nervosa, parlavo più candidamente del mio la salute mentale e il trauma della mia infanzia, penso in un modo strano dopo tutto quello che è successo, penso che le persone siano più riflessive di quanto non fossero. E si spera che questo farà risuonare ancora di più quest’ora con le persone.”

La salute mentale entra in gioco in grande stile in Look At You. Mentre il suo ultimo speciale l’ha affrontato in modi più ampi, per questo era determinata a fare tutto. All’inizio, parla persino di come le è stata diagnosticata la bipolarità in terapia (o come il suo terapeuta le ha detto di pensare di esso “avente bipolare”).

Ma poi ribalta le carte in tavola. Tomlinson rende le cose ancora più personali quando rivela che usare il cibo come conforto potrebbe avere qualcosa a che fare con il sentirsi dire che sua madre era morta di cancro quando era piccola mentre mangiava un bagel. Percepisce il disagio del pubblico per alcune battute e assicura loro che è d’accordo con loro che ne ridono. “Lei è in paradiso. Sono su Netflix. Ha funzionato tutto”, dice sul palco. Poi prosegue dicendo: “Questa è una cosa reale che ho detto in terapia”.

Mi dice: “Sinceramente il principale di cui volevo parlare e di cui parlavo da anni mia madre stava morendo quando ero bambino. E sapevo che c’erano molte cose divertenti al riguardo. Io e i miei fratelli ci scherziamo un sacco perché è l’unico modo per farcela, credo. E volevo poterlo fare sul palco e spero di esserci riuscito.”

Continua e affronta alcuni degli altri argomenti personali in cui si tuffa sul palco. “Oltre a questo, ci sono un sacco di cose in quest’ora che non sapevo nemmeno di me quando abbiamo parlato l’ultima volta.”

L’ultima volta che abbiamo parlato è stato a marzo di 768. Suona familiare? In poche settimane, il mondo si è spento e ovviamente lo stand-up dal vivo non era una cosa. Lo speciale di Tomlinson è riuscito ad entrare poco prima che la porta si chiudesse, il che significa che era qualcosa che molte persone potevano stare a casa e guardare mentre erano in quarantena. Può sembrare una situazione ideale. Ma Tomlinson era convinto di aver perso la sua finestra.

“È dura perché io non era come fare i nostri spettacoli,” dice Tomlinson. “Non è che fossi in viaggio dicendo ‘Oh. Siamo esauriti ora.’ Siamo tutti intrappolati nelle nostre case. Quindi tutto quello che sapevo era che avevo molti più follower su Instagram. E i miei agenti dicevano: “Sta andando molto bene”. Ed è come ‘Lo sappiamo però?’”

Sebbene i numeri fossero alti e la quantità di persone che lo ritwittava e postava sincronizzazioni labiali su TikTok per il suo stand-up era sbalorditivo , Tomlinson non era ancora sicuro che si sarebbe tradotto in vendita di biglietti.

“Pensavo che anche se fosse andato molto bene, ho pensato ‘Beh, questa pandemia andrà avanti così a lungo che quando sarò in grado di tornare in tour, non sarà farà la differenza con la vendita dei biglietti perché tutti si sarebbero spostati sulle molte cose che verranno fuori da qui a allora.’ Pensavo di aver perso la mia finestra”.

Pensava che si sarebbero dimenticati sia dello speciale che di lei. In questo caso, si sbagliava.

“Ovviamente quando le cose vivono su Netflix, le persone possono scoprirle in ogni momento, il che è bello e il vantaggio di essere su una piattaforma di streaming così grande. Ma si. Sono rimasto davvero sorpreso. E quando finalmente siamo tornati in tour e stavo facendo il tutto esaurito nei club, è stato come “Oh. Immagino che abbia funzionato.”

Il suo primo assaggio del successo è stato quello di fare 19 spettacoli esauriti a Filadelfia nell’autunno del 2020. È riuscita a venderli, come ha fatto gli spettacoli drive-in che ha recitato insieme a Whitney Cummings. Tutto sommato, era chiaro che la folla stava uscendo in massa per vederla.

L’anno scorso ha dato il via al suo primo tour teatrale. Immediatamente, avrebbe pubblicato aggiornamenti su Instagram. Alcune città avevano una tale richiesta di vendita di biglietti che è tornata qualche settimana dopo per fare un’altra manciata di spettacoli.

“Non pensavo di fare teatro così presto,” confessa. “Come anche le offerte speciali. Era come “Va bene. Potrebbero volerci un paio d’anni”. Quindi sì. È stato davvero fantastico.”

Nonostante la sua incertezza, questo è tutto ciò che ha sempre voluto nella commedia.

“Questo è tutto ciò che ho’ ho davvero voluto per la mia vita. Volevo solo essere in grado di girare nei cinema facendo stand-up. E non posso credere di essere abbastanza fortunato da riuscire a farlo. E di farlo presto, perché non me lo aspettavo affatto. Anche con tutte le difficoltà legate al COVID, è stato davvero fantastico e onestamente è stato solo un sogno che si è avverato, per non sembrare del tutto sdolcinato.”

Ma quando è arrivato il momento di girare lo speciale al Wilbur di Dicembre, c’era sicuramente molta pressione. Molti dei quali sono stati causati dai protocolli COVID.

“La data delle riprese si è spostata un po’, a causa del COVID. Ovviamente con Delta e quant’altro. Inizialmente dovevamo filmarlo ad agosto. Ma poi, a causa dei protocolli COVID, non potevamo farlo lì. E poi l’avremmo spostato in una città diversa e in un luogo diverso. Ma non ha funzionato per nessun motivo.”

Continua: “Poi abbiamo finalmente optato per The Wilbur a Boston, cosa che sono così felice di averlo fatto perché abbiamo fatto cinque spettacoli là. Quindi l’ho fatto girare in quel cinema un paio di volte prima ancora di filmarlo, il che è stato bello. E ovviamente è un teatro storico e un luogo fantastico. Quindi tutto ha funzionato.”

Ciò che ha reso tutto più facile, tuttavia, è stato conoscere il processo. Quando ha fatto il suo primo speciale con Netflix, non era consapevole di quanto controllo avesse. A quel punto era una professionista.

“Avevo un’idea migliore di cosa volevo e cosa aspettarmi. Avevo la squadra intorno a me che avevo per Quarter Life. E sono così fortunato ad avere quelle persone che sono così brave nel loro lavoro.”

Condividere le sue lotte con le ansie e sentirsi tristi non è solo per gli spettacoli dal vivo, neanche . Conduce un podcast Sad in the City sul trascorrere più tempo a New York e in viaggio, lontano dal suo ambiente più confortevole in California, dove è cresciuta .

“Essere in viaggio è molto solitario”, ammette. “Ecco perché ho pensato di poter fare anche questo podcast. All’inizio ero tipo ‘Potrei semplicemente fare questo per New York.’ Poi ho pensato “Beh, sei un po’ triste per un sacco di città diverse”. (Ride).”

“La risposta è stata fantastica. E penso che la cosa più utile – e la cosa che amo così tanto di Internet – sia che se stavi attraversando qualcosa, puoi trovare persone che si sentono esattamente come te. Ed è quello che è stato quel podcast. Solo un sacco di gente che dice ‘Ehi. Sono in una situazione completamente diversa.’”

Se ciò non bastasse, sta anche lavorando a un film che è vagamente basato sulla sua vita. Inizialmente era stato annunciato che si basava sulla sua educazione, ma lei si è affrettata a respingerlo durante il nostro discorso.

“Non è davvero basato sulla mia educazione. Chiunque l’abbia scritto era tipo “Si basa sul crescere cristiano”. E non è affatto così. Penso che l’abbiano cambiato. Ma si. Non è quello. Sicuramente si basa su alcuni aspetti della mia vita. Ed è qualcosa che sto sviluppando da molto tempo e ne sono entusiasta. Speriamo che succeda.”

Alla fine della giornata, dato tutto quello che sta succedendo, Tomlinson è consapevole di quanto sia fortunata nel settore. Ma è anche abbastanza intelligente da mantenere una buona mentalità anche nelle cose.

“Sono stato molto fortunato in questo lavoro. Penso che sia importante avere degli obiettivi ma non essere troppo pazzi e irrealistici, perché poi rimarrei sempre deluso. E avevo già dei grandi obiettivi. Anche in questo momento sono tipo ‘Penso che il nuovo speciale sia buono. Ma vedremo cosa ne penseranno tutti.’ Fai solo del tuo meglio e fai cose di cui sei orgoglioso e speri che tutti gli altri la pensino allo stesso modo.”

blank

Scritto da Stand Up Comedy Italia

Stand Up Comedy Italia, con i suoi 50.000 fan su Facebook (e migliaia di lettori giornalieri sul sito), è la più grande community italiana dedicata all'umorismo Stand Up. Da quando è stata fondata nel 2014 dal comico Nicola Selenu, Stand Up Comedy Italia ha organizzato oltre 300 spettacoli umoristici in tutta Italia, ospitando i più interessanti comici italiani in circolazione ed è per questo diventata il punto di riferimento per gli spettacoli umoristici di qualità sul territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

itv-ordina-il-thriller-a-fumetti-passenger-per-la-nuova-piattaforma-di-streaming-[commedia-britannica]

ITV ordina il thriller a fumetti Passenger per la nuova piattaforma di streaming [COMMEDIA BRITANNICA]

il-trailer-della-terza-stagione-della-commedia-oscura-di-bill-hader,-“barry”-e-qui-[thelaughbutton]

Il trailer della terza stagione della commedia oscura di Bill Hader, “Barry” è qui [THELAUGHBUTTON]